steentje

Aard, Ceziel e Geesje

back to home pdf share

Andiamo, Ceziel, sbrigati!

Aard, con aria arrabbiata, torna indietro di qualche passo. Ceziel alza lo sguardo per un attimo su Geesje, che inizialmente sembrava voler andare in un'altra direzione. Aard grida di nuovo qualcosa, ora ancora più arrabbiato, e Ceziel sospirando si muove nella sua direzione.

In realtà si sta stancando di tutto questo. Geesje parla regolarmente con Ceziel, ma come se il diavolo ci stesse giocando, Aard la interrompe sempre. Aard parla continuamente e Ceziel darebbe qualsiasi cosa se tenesse la bocca chiusa. Ha cercato di spiegare le cose ad Aard, ma lui non crede a Geesje. Sembra che non la veda e probabilmente è perché guarda sempre a terra. Geesje volteggia molto sopra a Ceziel, anche se ultimamente sembra un po' più vicina.

L'impazienza è una caratteristica di Aard. Questa mattina Ceziel aveva programmato una passeggiata nel bosco per loro tre e Aard era disponibile, dopo aver pensato prima ai molti problemi che avrebbero potuto avere. Quando finalmente ha iniziato a riempire lo zaino, ha scoperto che "aveva bisogno" di così tante cose che doveva portare con sé altre due borse, una borsa della spesa e un ombrello. Finì che Ceziel dovette portare i bagagli pesanti altrimenti Aard non sarebbe partito.

Ora hanno finalmente raggiunto l'inizio del sentiero nel bosco e subito Aard vede un ciottolo molto interessante sulla sinistra, dove è muschioso e un po' paludoso nel mezzo. Appoggia lo zaino a terra e guarda la pietra da tutte le parti, mentre spiega a Ceziel da dove deve essere venuta e come è diventata così rotonda, come si sono create le vene scure e perché è finita da questo lato della foresta. In linea di principio, potrebbe essere che qualcuno abbia trovato la pietra in Italia, ad esempio, e l'abbia lasciata cadere accidentalmente qui, ma Aard sa per certo come funziona il tutto.

Ceziel sospira. Ci risiamo. Tocca Aard sulla spalla e indica la luce che cade così meravigliosamente sul sentiero nel bosco, ma Aard non reagisce. Vede degli escrementi di volpe a pochi metri di distanza e inizia a sezionarli con gli strumenti che ha portato con sé. Ci sono piume dentro e Aard pensa di sapere esattamente che tipo di piume. Racconta della digestione delle volpi, mentre Ceziel, che da tempo ha smesso di ascoltare, cerca di condurlo in una sorta di anfiteatro naturale, più avanti. Un posto tranquillo, dove ci sono molti animali. Spera che questo attiri Aard e pensa di poter sentire molti suoni di uccelli in quel luogo. Ceziel ama intensamente gli uccelli, ma Aard distoglie sempre la sua attenzione ancora e ancora con i suoi oggetti trovati.

Fortunatamente, il ripetuto annuncio di Ceziel che ci saranno molti animali, è abbastanza attraente per Aard. Procede fischiettando e raccoglie tutto ciò che trova interessante lungo la strada. L'anfiteatro è molto lontano e quando arrivano Aard è molto stanco. Si addormenta e non vede i curiosi cervi, i conigli e gli scoiattoli che si divertono intorno a lui. È sdraiato su una coperta e un cuscino che ha portato con sé, accanto alla bottiglia di bibita che ora è mezza vuota.

Ceziel ha portato dell'acqua e ne beve un sorso. Ora che Aard sta dormendo, Geesje le si avvicina molto, anche se non tocca mai il suolo. Gli uccelli volano e il mondo intero sembra pieno di fiori e canti degli uccelli. Geesje parla a lungo e tutto ciò che dice penetra profondamente nell'essere di Ceziel, anche se non riesce a ricordare le parole. I discorsi terreni la stancano sempre, mentre la parola di Geesje ha un effetto curativo. Ceziel nota che Aard sta uscendo dal suo sonno profondo. I suoi occhi sono aperti e si guarda intorno un po' confuso. Il suo orologio indica che è già tardo pomeriggio e inizia freneticamente a raccogliere le sue cose, borbottando che la giornata è quasi finita e che presto sarà buio.

Ceziel vorrebbe seguire la direzione indicata da Geesje, ma Aard protesta con veemenza. Si rifiuta di andare perché è molto sicuro che debbano andare da quella parte. Ceziel indica la posizione del sole, ma Aard vede che il sentiero è difficile da superare e indica un sentiero liscio e sabbioso dall'altra parte della radura. Rimproverando Ceziel e l'inesistente Geesje, Aard si inoltra risolutamente nella direzione sbagliata. Ceziel deve andare con lui e guarda Geesje con preoccupazione. Per fortuna Geesje è ancora lì, anche se sembra più alta di prima. Ceziel raccoglie i sacchi pesanti e con la sua rinnovata forza supera facilmente Aard, il quale inizia immediatamente a parlare e a spiegare perché è così sicuro che debbano andare in quella direzione. Lo sente nello pancia, dice, e “devi sempre ascoltare la tua pancia”.

In effetti è un bel sentiero scorrevole e stanno procedendo velocemente, ma Ceziel ha la sensazione che il sentiero non stia andando da nessuna parte. Non sa dire esattamente perché, ma tutto sembra sempre essere uguale. Continuano a passare dove c'è un grosso tronco d'albero caduto su cui crescono i funghi e hanno già visto quell'albero con i tre tronchi sei volte. Lo suggerisce con attenzione, ma Aard pensa che non abbia senso. Gli alberi molto spesso si assomigliano, dice.

Il vento inizia improvvisamente a soffiare forte e ogni tanto sembra cadere una goccia. Sta diventando buio, ma Aard non sembra accorgersene. Continua a camminare finché non si bagna davvero. Poi inizia una lunga declamazione sul perché non avrebbero dovuto andare in quell'anfiteatro, su come avrebbero potuto fare una piccola deviazione, dove ci sarebbe stato abbastanza da guardare e da raccogliere. Come Ceziel rende sempre difficile le cose e quanto terribilmente stanco Aard non sia di lei.

Adesso vuole tornare indietro e Ceziel esitante si volta, con una brutta premonizione. E infatti, sulla via del ritorno, mentre diventa sempre più buio e e piove sempre più forte, tutto sul sentiero rimane lo stesso. Alla fine, anche Aard si rende conto che non possono progredire in quel modo. Si siede su quel tronco d'albero con i funghi e pensa per due secondi. Indica il lato destro del percorso, dove c'è un'apertura che potrebbe essere l'inizio di un sentiero. Prende decisamente lo zaino e si incammina nella direzione scelta, con Ceziel accanto, che ricorda vagamente qualcosa delle parole di Geesje. Non può interpretarle con precisione, ma sa che questo deve essere fatto.

Aard armeggia nello zaino per trovare la torcia che ha portato con sé e l'accende. Ma la luce della torcia non arriva abbastanza lontano e vedono solo alberi. Ma possono ancora distinguere il "percorso" fintanto che esiste. Perché all'improvviso si ferma e si trovano in mezzo a una selva oscura, sotto la pioggia battente, mentre il vento ha già fatto a pezzi l'ombrello.

Aard è ormai completamente perso e non sembra più se stesso. In realtà tiene la bocca chiusa e si guarda davvero intorno. Non vede altro che foresta e come se non bastasse la batteria della torcia si sta esaurendo. Guarda disperato Ceziel e improvvisamente la sua voce suona come quella di un vecchio alla fine della sua vita. Non ricorda, dice, si arrende. Ma arrendersi non aiuta e non importa quanto Aard cerchi di non essere lì, in quella situazione orribile, lui è comunque lì.

Ceziel tace perché Aard non può essere aiutato. La situazione sta peggiorando, perché ora non riescono più a vedere il piccolo sentiero che hanno imboccato. Non resta altro da fare se non rimanere lì.

Aard cerca qualcosa a cui aggrapparsi nella sua miseria, ma non lo trova. Tutti i tronchi sono freddi e scivolosi e i rami spogli. Aard alza anche lo sguardo un paio di volte. E quando la pioggia si attenua, vede improvvisamente un raggio di luce attraverso l'oscura coltre di nuvole.

È Geesje.

 

back to home pdf share