Truth and Art

Arte e verità – Parte 2

back to home pdf share

To part 1


Quando i valori della cultura si appiattiscono

Goethe si immerse nella natura del Bello e del Vero. Cercò di scoprire i modelli di base della natura cercando la sorgente primordiale. Poiché l'anima può percepire solo ciò che corrisponde alla propria struttura, questa ricerca è stata anche la ricerca dell'anima primordiale; ed era certamente il contenuto delle ambizioni artistiche di Goethe e di molti artisti prima del suo tempo. Hölderlin descrive questo artista con queste parole: "Non viviamo per brillare, viviamo per fare del bene".

Questo "bene" può certamente essere equiparato alla necessità di creare, come artista, un'opera d'arte attraverso la quale possa risplendere lo splendore dell'eterno "Uno" o che affascini per la sua armonia. Nella storia dell'umanità, abbiamo più volte visto artisti che hanno creato tali opere d'arte in tutti i campi culturali. I collezionisti pagano oggi prezzi esorbitanti per tali opere d'arte. Così, l'arte sperimenta un certo cambiamento nel suo significato.

Questo cambiamento è stato probabilmente avviato dallo Zeitgeist (spirito del tempo), piuttosto che dagli artisti stessi. L'arte è diventata un oggetto di valore e da tempo ha smesso di svilupparsi per se stessa o per creare la possibilità all'anima di ricordare le sue radici dimenticate o di dare espressione al Bello, al Buono e al Vero in materia di fenomeni. Con lo sviluppo del design e della pubblicità è emersa un'arte di massa, in cui la ricerca degli archetipi o, in altre parole, del potenziale utopico, è passato sempre più in secondo piano. Il potenziale utopico costituisce la connessione con il mondo delle idee. Può essere spaventoso per l'anima quando, inaspettatamente, questo potenziale brilla all'improvviso direttamente dentro di essa, oltrepassando gli organi sensoriali. Per l'artista, questi momenti sono speciali ed emozionanti. Il campo in rapida evoluzione del design e della pubblicità, tuttavia, non riesce a cogliere questa forma d'arte.

Le aree artistiche moderne e di recente sviluppo hanno uno scopo molto diverso. Attirano l'attenzione dell'anima sulle aree materiali. Sono spesso prodotti di massa di breve durata. Sullo sfondo del loro scopo originale, queste opere d'arte possono probabilmente essere definite una bugia. Non si preoccupano di creare un'utopia che renda l'anima consapevole della sua origine e che la conduca alla libertà; non è un'arte di bellezza involontaria. Si tratta piuttosto di incoraggiare le persone ad agire all'interno del mondo materiale dei fenomeni. Ciò porta ad un appiattimento, che è una caratteristica speciale del nostro spirito del tempo.

Con il rafforzamento della mentalità materialistica il bello è diventato il "bello artificiale", il vero è diventato il "vero artificiale" e il buono è diventato il "bene artificiale". Questo sviluppo è iniziato molto prima dello sviluppo dell'arte di massa. Ma poiché l'essere umano, e quindi anche l'artista, non può per sua natura negare se stesso, si rende conto che l'arte è diventata menzogna, e in questo modo la verità diventa nuovamente visibile. L'arte è un'espressione dell'eterna storia d'amore – o dibattito – tra la Bella e la Bestia.

L'uomo vive questa storia d'amore come una lotta tra due anime, che ogni essere umano porta dentro di sé. La fiaba francese "La bella e la bestia" racconta la speranza che la bellezza, attraverso l'amore e la devozione al buono e al vero, riscatterà ciò che nel principe è bestiale.

Cos'ha di speciale il nostro Zeitgeist?

Non vogliamo concludere questo articolo senza dare uno sguardo al futuro. Abbiamo discusso del fatto che l'arte, così come la scienza, si è fatta strada nell'astrazione. Allo stesso tempo, o forse anche prima, è iniziato uno sviluppo che potrebbe essere chiamato intrattenimento. Non si tratta più solo dell'obiettivo delle ambizioni artistiche, ma di scrivere di filosofia, di scienza o di arte. Ciò ha dato origine a conferenze, film e spettacoli televisivi che non si concentravano più sui valori essenziali, ma servivano principalmente come diversivo. Questi programmi di facile comprensione godono di grande popolarità e continuano a inondare i media. Il Bello, il Vero e il Buono sono facili da capire e da digerire. Ciò li priva però del potere di condurre le persone a un incontro con la loro profondità. Vengono date risposte che non lo sono, risposte che appiattiscono i valori culturali. Inoltre, porre domande che vanno in profondità non sembra più essere necessario.

Abbiamo parlato della misura armoniosa di tutte le cose come espressione della Bellezza. Anche questa sensazione è di natura sensoriale. Ci sono sempre state fasi nello sviluppo culturale in cui la misura delle cose vissute attraverso i sensi era il contenuto e lo scopo principale della vita. Ora stiamo vivendo in una tale fase. Sperimentiamo come questo atteggiamento ci stia spingendo fortemente verso l'appiattimento.

Al contrario, la gloria dell'"Uno" va oltre l'esperienza sensoriale. L'anima si trova improvvisamente di fronte a impressioni che la spaventano profondamente, perché in quei momenti percepisce frammenti di un'altra realtà, oltre gli organi di senso. Questo può spesso sgomentare, ma lascia impressioni profonde. La scienza ha fatto esperienze così approfondite in fisica al punto che ha ottenuto risultati paradossali. Forse l'arte ha ancora questo sviluppo davanti a sé, uno sviluppo in cui la gloria dell'eternità condurrà l'arte ai limiti dell'esprimibile. Tali fasi di approfondimento periodico sono sempre esistite e esisteranno sempre.

 

Sources:

Henry Keazor, „Kunst ist eine Lüge, die uns die Wahrheit begreifen lasst.“ Manipulation und Fälschung in der Kunst, Heidelberg, 2018
Hermann Hesse, Das Glasperlenspiel, Frankfurt 2003
Platon, Gesammelte Werke als E-Buch Ausgabe von 2016
Leonardo da Vinci, Kunst und Wissenschaft des Universums, Arte Doku
Thomas Hettche, Die Zeit, Ausgabe 52, 2019: Die Freiheit der Kunst und das Leid der Welt
Nicolai Berdiajew, Das neue Mittelalter, Tübingen, 1950
Werner Heisenberg, Gesammelte Werke, Band III, Piper München 1985

back to home pdf share