Sknigoi, Abstract

Astratto o concreto

back to home pdf share

Formuliamo il titolo come una domanda: cosa è concreto, cosa è astratto nella nostra vita di esseri umani in fase di apprendimento e guidati dallo spirito, come allievi? Un essere umano che scopre e apprende, che nella sua vita cerca il passaggio verso il fondamento dell'esistenza, questo è ciò che chiamiamo allievo. Un gruppo di allievi che si sostengono a vicenda nella loro ricerca, lo chiamiamo scuola. A volte una scuola ha un maestro. Oltre la soglia c'è la nuova vita, che si svolge a un livello vibratorio superiore: una vita a partire dallo Spirito.

Astratto o concreto. Una delle definizioni di "concreto" è "percettibile con i sensi" e "astratto" è "oltre i sensi". La stessa dicotomia può essere trovata nell'etimologia della parola "realtà": reale è ciò con cui si può lavorare nel mondo che ti circonda, al contrario dell’esperienza interiore.

Nelle sue considerazioni, Platone distingue due mondi: il mondo quotidiano concreto e percepibile e il mondo reale delle astrazioni immutabili, al di fuori del tempo e dello spazio. Quindi due mondi.

Il confronto tra la coscienza dell'allievo principiante e una visione del mondo o un insegnamento può portare a un rapido ed estremo oscillare avanti e indietro tra riconoscere gli elementi del percorso dell'anima nella propria vita, e lo stato lontano, apparentemente irraggiungibile, di quella nuova vita.

La propria anima è alternativamente collocata in modo immaginario nella realtà tangibile della vita e poi di nuovo lontana fino a un punto infinitamente lontano. L'anima viene quindi vista come una realtà di cui noi, mortali, non possiamo sperimentare coscientemente nulla. Se l'ultimo punto di vista viene mantenuto per un certo periodo di tempo, allora si forma una convinzione: la nuova anima è qualcosa che non possiamo sperimentare e a cui non possiamo aggiungere o fare nulla. Il candidato viene lasciato a mani vuote in una situazione di stallo temporaneo.

All'altra estremità della fluttuazione, l'allievo pensa di scoprire manifestazioni concrete dei suoi progressi sul sentiero e vede molto da vicino e chiaramente i suoi compiti, anche nella materia.

Ciò che sa e può fare verrà utilizzato sul suo percorso durante l'apprendimento. Questo vale anche per la partecipazione al lavoro all'interno di una scuola o nel modo in cui tratta il suo maestro. Spesso passionale e ostinato, fino a quando non si scontra con un muro, oppure proietta la sua anima nell'infinito a causa di un discorso o di un frammento di letteratura.

Questa proiezione è un movimento verticale nella direzione del suo obiettivo? O rimane un immaginario spostamento orizzontale all'interno di questa realtà?

Finché c'è movimento, le cose vanno bene e l'allievo può imparare. La sua coscienza si evolve e la nuova anima si sviluppa dal contatto con l'ambiente di apprendimento intensivo che lo circonda. I problemi sorgono quando uno dei punti di vista estremi viene mantenuto e difeso: allora viene praticato un non-fare negativo o le azioni fluiscono dalla coscienza presente e dall'idea della completa manipolabilità della propria anima.

Hai familiarità con l'esperienza dell'incertezza che si evolve dall'inafferrabilità dell'anima, l'inafferrabilità dell'essere "un essere umano che apprende”?

A questo si contrappone un desiderio di rinnovamento sempre più forte, e quindi concretamente sperimentato, per il Vero Uomo, per ciò che ci trascende.

C'è il fattore tempo. Tempo come: il tempo di vita del singolo allievo; e il tempo della scuola, l'ambiente di apprendimento. Come individui potremmo aver già incontrato la scuola in giovane età, nella fase di costruzione della nostra vita terrena. Ciò richiede anche il tempo e l'energia necessari, che sembrano essere ancora abbondantemente, sì, quasi illimitatamente, disponibili. Conduciamo una vita attiva nella società e siamo pienamente impegnati, anche nell'organizzazione della nostra scuola. Impariamo attraverso le oscillazioni della nostra visione sulla nuova anima, nelle posizioni relative in costante cambiamento di noi e dell’anima.

Ora siamo arrivati a un'età più matura e la società si aspetta meno da noi. Il tempo e le energie ancora disponibili possono essere utilizzati nell'organizzazione della scuola. Perché c'è molto lavoro da fare e le generazioni più giovani hanno poco tempo.

I movimenti pendolari tra l'astratto e il concreto nella mente dell'allievo possono diminuire semplicemente perché c’è meno energia vitale, meno buon etere della vecchia vita disponibile. Il grande salto nella vita è stato compiuto e, guardando indietro, sembra essere meno lontano di quanto si sperava e anche non completamente nella giusta direzione. Questa esperienza fornisce quindi una lezione di vita karmica per un successivo ciclo di apprendimento. Le oscillazioni possono anche diminuire con l'intuizione e l'atteggiamento verso la vita e attraverso l'apertura della nuova anima, in uno stato molto concreto di allievo, nella realizzazione.

L'inevitabile e l'evitabile vortice nel nostro essere ci ha insegnato qualcosa: nonostante tutto è stato creato uno spazio silenzioso. E in quello spazio è nato qualcosa di completamente nuovo. Questo nuovo aspetto ci consente di sperimentare una crescente “stretta amicizia” all'interno del gruppo di persone che apprendono. Un'amicizia dell'anima, come somma dell'amore – che è astratto – e del potere – che è concreto – di Dio.

Forse il movimento all'interno dell'anima dell'allievo si è ora invertito: niente più oscillazioni tra una visione astratta e azioni concrete, che avvengono entrambe sul piano orizzontale della nostra realtà, ma una effettiva elevazione nella verticalità dell’afflusso dello spirito. Questa non è più una proiezione. Per definizione, il lavoro è concreto, legato alla realizzazione. Lo Spirito è astratto. Lo Spirito ci porta il Piano Divino, l'Idea della direzione necessaria per l'umanità e il mondo. Tra la progettazione e la lavorazione dovrà avvenire una decodifica traduttiva. Il lavoro si svolge alternativamente sia verso l'interno che verso l'esterno. L'azione interiore può anche essere molto concreta, magica. La magia interiore si auto-realizza. Sulla base della nostra coscienza attuale dovremo quindi agire, realizzare atti concreti e potremo percepire nella materia infinita un riflesso del risultato del nostro agire. Per essere in grado di imparare da esso.

Karl von Eckartshausen scrive:

Proprio come il sole rende tutto visibile e reale nel mondo sensoriale, così il Cristo rende tutto riconoscibile e reale nel mondo dello Spirito. Proprio come la persona sensoriale vede tutto alla luce del sole, così l'uomo spirituale vede tutto alla luce dello Spirito. Questo discernimento è saggezza: gli oggetti sono verità. [1]

La testa di una persona contiene il cervello. Nel cervello ci sono anche le porte dei sensi: occhi, orecchie, bocca e naso e parte della pelle. La funzione più essenziale del cervello è navigare, sulla base di una mappa interiore della realtà, costantemente aggiornata dall'input dei sensi. In questo modo possiamo muovere il nostro corpo attraverso questa mappa, la nostra realtà. L'influsso dello spirito altera la mente e cambia la percezione. Ridisegna la mappa interiore e in questo modo dà accesso a una realtà diversa. Percorrere il nostro viaggio attraverso questa realtà ci fa scoprire percorsi completamente nuovi.

 


Riferimenti:

[1] Karl von Eckartshausen: Alcune parole dal profondo dell’essere, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2005

back to home pdf share