walking the dog

Beneficio di un giudizio

back to home pdf share

Ora, una scuola secondaria è anche un ambiente in cui si verificano molte interazioni umane, spesso visibili e udibili dagli altri. Non riusciva a isolarsi, persino nel mezzo di una lezione, sentiva le urla nel corridoio o in una stanza attigua, mentre continuava a parlare automaticamente.

Insegnare era facile per lei e alla maggior parte dei bambini piaceva la sua materia: il disegno. Non ha avuto molti problemi a lavorare con loro, ma alcuni suoi colleghi erano così scortesi con i bambini da farla arrossire. Di indignazione. D'accordo, a volte potevano essere abbastanza fastidiosi, ma secondo lei quei bambini non meritavano di essere sgridati in quel modo. Ne aveva già parlato più volte con i suoi colleghi, ma nessuno di loro l'aveva presa sul serio.  Jonas, un suo collega, aveva aggiunto che doveva farsi gli affari suoi. Cosa che la fece indignare ancora di più.

In quei giorni tornava a casa stanca, il che a sua volta influiva sulla sua vita familiare. Non poteva nemmeno parlarne a casa, perché nessuno sembrava simpatizzare con lei. Lei stessa aveva due figli in età liceale e, in verità, neanche loro erano sempre facili.

Aveva un giorno libero il mercoledì e il figlio più piccolo aveva due pause tra le lezioni; a volte giocavano o facevano shopping insieme. Ora c'era anche lui, e lei stava ancora rimuginando tra sé per un incidente del giorno prima, quindi ha sollevato la questione. Il figlio sembrava ascoltare con vero interesse e poco alla volta l'intera storia è uscita. Il figlio non disse nulla finché Inez non ebbe finito l'intera storia. Poi disse:

‘”Non sono sempre d'accordo con te, mamma. Certo, a volte qualcuno viene punito ingiustamente, ma ci sono anche momenti in cui qualcuno ingiustamente la fa franca. Di solito non ci importa tanto quanto te. Pensiamo che Jonas sia un bravo insegnante. È molto spiritoso e se siamo difficili, a volte ci legge una storia eccitante, in modo che tutti noi ci divertiamo di nuovo. Ammiri spesso la signora Flagman, che è sempre così divertente e sorride così tanto, va d'accordo con tutti i genitori e racconta storie meravigliose. Ma la signora Flagman può anche essere molto fastidiosa e brontolare a lungo per i vestiti di qualcuno o per una parola sbagliata. Al campo scolastico, il suo dolce parlare ci ha un po’ stufati, mentre con Peters, di cui parli anche tu così spesso, abbiamo riso così tanto che ogni tanto ridiamo ancora.

Vedi l'ingiustizia ovunque e ne parli continuamente, così spesso che diventa molto noioso per noi. Sì, se presti attenzione, il mondo intero è pieno di ingiustizie, ma cosa stai facendo al riguardo? E pensi di non arrabbiarti mai ingiustamente con noi? Lo pensi davvero? Sicuramente avrai notato che a volte anche noi siamo arrabbiati con te, allora?”

È stato inaspettato. Improvvisamente un discorso così lungo e conflittuale. Non avevano mai avuto questo tipo di conversazioni insieme. Il suo figlio più giovane in realtà le ha tenuto una lezione, ma con un tono estremamente piacevole, inaspettatamente maturo. Come un amico. Ripensava al tempo in cui i suoi figli avevano litigato, tanto tempo prima, e lei cercava come al solito di scoprire di chi fosse la colpa. Poi il figlio maggiore, anche lui con un tono così amichevole, improvvisamente disse: “Perché ti preoccupi, mamma?” All'epoca era rimasta perplessa, non sapendo cosa dire o fare. Era andata a portare il cane a fare una passeggiata, perché trovava ancora difficile ascoltare e non interferire. Quando tornò con il cane, tutto era tranquillo. Stavano costruendo qualcosa insieme. 

Ora aveva come figlio un gentiluomo così saggio. Quali persone interessanti possono essere i discendenti, pensò calorosamente. Suo marito non le ha mai detto queste cose. Parlava di questioni pratiche, ma mai della vita interiore, per non parlare di cose conflittuali. Ma in questo modo ha ottenuto ciò di cui aveva bisogno, ora si rese conto. Era andata in giro con una domanda: perché c'è così tanta ingiustizia nel mondo. Aveva pensato che fosse una buona cosa non sopportarlo, ma ora cominciava a dubitarne.

Tutto è cambiato. Improvvisamente non sentiva più di avere ragione quando pensava di vedere l'ingiustizia in qualcun altro. Ora sapeva di vedere solo un lato della questione. Ma il problema continuava a infastidirla. Poi ha notato un brano in un libro aperto a casa di un’amica: Chi giudica, giudica solo se stesso. Ha iniziato a prestare attenzione a ciò che dicevano i suoi pensieri durante la giornata. Era come se qualcuno la stesse guardando perché si sentiva e si vedeva costantemente giudicare. Prima di scoprirlo, lo aveva già fatto. “Che cappotto strano”, gridavano i suoi pensieri, e si sorprese anche a voltare le spalle involontariamente quando vide qualcuno che non le piaceva. 

“Non giudicare”, era più facile a dirsi che a farsi. E come potresti fare delle scelte senza giudicare? Anche un comune lampione era soggetto a giudizio. Ciò che le è venuto naturale è che non ha più agito nel vecchio modo di giudicare. Non infastidiva più i colleghi con commenti e osservazioni e aveva anche molto più rispetto – e quindi più attenzione e comprensione – per i suoi due figli. Cercò tracce di saggezza nei suoi studenti e trovò sorprendentemente molti sguardi e osservazioni che indicavano che avevano in loro più di quanto avesse immaginato. La vita è diventata molto più interessante. Non rimuginava più, ma non trovava ancora molto che le piacesse. Quindi è rimasto un argomento sospeso a domande a cui non riusciva a trovare risposta.

Ma questa mattina si è svegliata con un'aspettativa stranamente eccitata che sembrava non avere senso. Cerca di ignorarla, ma non può. Nel pomeriggio porta il cane a fare una lunga passeggiata. E mentre lui si tuffa in uno stagno per l'ennesima volta per andare a prendere la palla, all'improvviso si accende una luce. Invece di cercare di ignorare il fatto che sta giudicando, può affrontarlo in questo modo: quando vede qualcuno fare qualcosa che trova riprovevole, si chiede semplicemente se lei non l’ha mai fatto. La conclusione è che non sta condannando la persona, ma l'atto, e che sta facendo qualcosa di utile per se stessa. Come aveva detto suo figlio, lei stessa talvolta aveva agito ingiustamente.

Non ha idea se sia una specie di esito finale, probabilmente no, perché stai ancora giudicando. Ma per ora le sembra un modo di vivere sano.

“Ma non posso spiegarlo a nessuno, almeno non saprei come", dice allegramente al cane, che da tempo agita la palla davanti a lei. 

back to home pdf share