Brahma

BRAHMAN e le divinità indiane: Volti del Divino – Parte 1

back to home pdf share

I miti, i racconti e le immagini sui volti del divino in India possono, anzi dovrebbero, essere intesi come indicazioni che dietro queste affermazioni si erge e opera un potere che non è "di questo mondo", un potere che portiamo dentro di noi e a cui possiamo cedere la nostra coscienza egoica terrena con umiltà, fede e fiducia. Portiamo dentro di noi la chiave, anzi la partecipazione al BRAHMAN, al Nirvana o al “regno che non è di questo mondo”.

Il pantheon delle divinità indù è immenso, come è scritto in una delle sacre scritture: "innumerevoli come i granelli di sabbia del fiume Gange". Eppure, dietro, al di sopra o all'interno di questa molteplicità c'è un punto di partenza, un principio che dissolve ogni limite di forma, tempo, spazio e rappresentazioni. Si chiama BRAHMAN,

...l'ASSOLUTO, l'Onnicomprensivo, l'UNIVERSALE. È il principio onnipervadente, divino, senza nome, senza forma, eternamente assoluto, insito in ogni cosa. BRAHMAN è il principio divino centrale del Vedanta. BRAHMAN non ha qualità materiale, NON è un concetto di questo mondo e quindi non può essere descritto a parole o immagini. BRAHMAN è il SÉ, il vero io di ogni organismo e la suprema realtà non duale  [1].

Questo [BRAHMAN] è il mio Atman nel cuore interiore, più piccolo di un chicco di riso o di un chicco d'orzo o di un seme di miglio. Questo è il mio Atman nel cuore interiore, più grande della terra, più grande del cielo, più grande dei mondi. Il tutto agire, desiderare, odorare, gustare, abbracciare tutto, senza parole, incurante, questa è la mia anima nel cuore interiore, questo è il BRAHMAN nel quale io, partendo da qui, entrerò. In verità, infatti, non c'è dubbio  [2].

Da questo "seme di miglio" nasce l'intero universo visibile e invisibile, in cui divinità, demoni, sistemi solari, galassie, ma anche persone, animali, piante e minerali si manifestano attraverso energie, vibrazioni e cristallizzazioni. La creazione dell'universo si traduce in un'apparente separazione tra BRAHMAN e le Sue creature, ma questa separazione è solo un'immaginazione, poiché tutto è permeato da BRAHMAN ed esiste in unità con Lui. La creazione dell'universo, il suo fiorire e la sua dissoluzione sono considerati nell'induismo come "i giorni di BRAHMAN", Kalpa (periodi di epoche inimmaginabilmente lunghe).

L’umanità ha fatto molti tentativi per descrivere il processo di creazione dell'universo. Molte, se non tutte le culture, hanno cercato di dare risposte a questo processo del venire all’essere dal non-essere assoluto, dall'onnicomprensivo, dall'illimitato non-essere del mondo percepibile con i nostri organi di senso. Da ciò nacquero innumerevoli scritti, immagini, statue, preghiere, filosofie, che cercano tutte di rendere tangibile l'incomprensibile, conoscibile l'inconoscibile, udibile l'inudibile. Lungo il cammino sono nati dei, divinità, angeli e santi dalle innumerevoli forme e attributi, immagini, somiglianze di ciò che non può essere rappresentato. Sono tutti tentativi limitati di testimoniare l'ineffabile mistero di Dio nel mondo dei sensi. Queste immagini, statue, templi e testi sono "volti di Dio"? Possono indicare all'umanità il mistero di BRAHMAN e rispondere alle sue domande?

Sulla base di rappresentazioni selezionate delle tre divinità principali dell'induismo: Brahma, Vishnu e Shiva, cercheremo di mostrare come le immagini di queste divinità possono guidarci sulla via della ricerca di BRAHMAN dentro di noi. 

Trimurti ("le tre forme"): Brahma, Vishnu e Shiva

Ci sono molti miti e racconti sulla creazione e non-creazione dell'universo da e attraverso l'Assoluto, BRAHMAN, e hanno tutti una cosa in comune: la manifestazione delle tre divinità principali, Brahma, Vishnu e Shiva, una trinità che a sua volta ha dato origine a molte, anzi innumerevoli, altre divinità, spesso con un riferimento diretto alla vita umana, ai suoi desideri, paure e bisogni.

A Brahma è attribuita la creazione dei mondi e dell'universo. Vishnu è visto come il sostenitore della creazione e Shiva come il distruttore dell'ignoranza e il rinnovatore. A ciascuna delle tre divinità sono assegnati attributi simbolici, una manifestazione femminile e "cavalcature", simboli e posizioni mistiche delle mani (mudra).

Sull'origine di Brahma si dice: Brahma è il primogenito nell'universo. Per creare il mondo e la razza umana si è diviso in due metà: il principio maschile Brahma e il principio femminile, la dea Gayatri, che a sua volta si esprime in molte manifestazioni diverse come, ad esempio, Saraswati [3].

Brahma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'induismo odierno, tuttavia, Brahma è appena visibile. Ci sono pochissimi templi in India dove viene adorato esclusivamente. Il sorgere dell'universo, la sua fioritura e la sua scomparsa sono considerati come l'inspirazione e l'espirazione di Brahma. I periodi inimmaginabilmente lunghi di questa inspirazione ed espirazione sono distaccati dalla vita quotidiana e dal lavoro degli umani e degli dei. Brahma è spesso raffigurato come un vecchio saggio con quattro teste, il che implica che guarda in tutte e quattro le direzioni ed è quindi onnipresente. È anche implicito che irradia i quattro testi fondamentali dell'induismo, i quattro Veda, per mantenerli vivi nella coscienza dell’umanità.

La manifestazione femminile di Brahma più conosciuta e anche ampiamente diffusa è Saraswati, la dea della conoscenza e dell'apprendimento, nonché dell'arte e della fertilità. Scolari e studenti, artisti e studiosi pregano Saraswati. La dea ci mostra la via della saggezza, una saggezza che porta al superamento della separazione e all'unione dell'Atman individualizzato con BRAHMAN.

Più visibili e tangibili sono le altre due divinità della trinità: Vishnu, il sostenitore e Shiva, il distruttore e rinnovatore del mondo. Sono praticamente onnipresenti. Innumerevoli templi, santuari, alberi sacri, corsi d'acqua, montagne, ecc. sono dedicati a Vishnu o a Shiva, in diverse incarnazioni. Per ogni esigenza, desiderio e aspettativa ci sono immagini, statue e templi raffiguranti una divinità o l’altra. Sono adorati, vengono fatti loro sacrifici e da loro ci si aspetta che soddisfino i desideri. La maggior parte di questi desideri riguardano la vita quotidiana e i suoi problemi, sebbene tutte le sacre scritture dell'India puntino sempre al trascendente, al superamento dei legami con questo mondo e alla fusione in BRAHMAN.

(Continua in parte 2)

 


[1] https://wiki.yoga-vidya.de/Brahman

[2]Chandogya-Upanishad (3.14)

[3] https://vedicgoddess.weebly.com/bhakti-masala-blog/brahma-the-creator-the-consort-of-saraswati

back to home pdf share