MMA21

Britta e lo spettro della futilità – Parte 1

back to home pdf share

 

Britta è una ragazza di sedici anni, carina, apprezzata dai suoi coetanei, una sportiva eccellente e di successo e una brava studentessa a solo due anni dal diploma di scuola secondaria, eppure non vuole più vivere.

Cerca modi per porre fine alla sua vita su Internet. Un'amica con cui si è confidata la convince a cercare aiuto e ad essere ricoverata in una clinica psichiatrica per bambini e adolescenti.

Dopo sei settimane viene dimessa e ricoverata in una clinica diurna per essere seguita e controllata. Passano le prime settimane e dalle sue conversazioni diventa sempre più chiaro che non vede alcun significato nella vita, solo un peso. Questo fardello, crede, aumenterà con il passare degli anni. Chiede: “Che senso ha se vivo altri settant'anni e poi devo morire? A quale scopo?” Secondo il suo pensiero, porre fine alla vita il prima possibile è preferibile a vivere una vita senza scopo.

Resiste a qualsiasi tentativo di dissuaderla da questa convinzione. Nessun argomento la convince che la vita abbia un significato, e che potrebbe un giorno scoprirlo. Giorno dopo giorno frequenta le sue sedute, segue le sue terapie, eppure appare sempre più esausta, si interessa sempre meno a ciò che la circonda e si accorge appena degli sforzi dei suoi compagni pazienti di consolarla e confortarla.

Durante una conversazione con il suo medico, ammette di pensare costantemente al suicidio, giorno e notte, e di cercare modi per farlo su Internet. Solo il pensiero di ferire i suoi genitori le ha impedito di portare a termine i suoi piani. Secondo lei, sarebbe molto più facile se l'eutanasia fosse legale per chi non vuole vivere. Dopotutto, nessuno le ha mai chiesto se desiderava nascere.

Il Dottore, preoccupato, suggerisce che Britta sia riammessa nel reparto di protezione. Sembra quasi sollevata, rilassata, quando viene presa questa decisione.

Britta non riesce a trovare una risposta alla domanda "perché"!

Sfortunatamente, l'incapacità di Britta di trovare un senso alla sua vita è condivisa da molti giovani che, nonostante abbiano un relativo successo a scuola e abbiano una cerchia stabile di amici e provengano da ambienti familiari "normali", cadono in depressione. Pensano che la vita non valga la pena di essere vissuta e non hanno risposte alla domanda sul perché si sentono in questo modo.

Un nuovo fenomeno? L'epidemia del Coronavirus è responsabile di un aumento della depressione, dal momento che le restrizioni imposte hanno ridotto molte opportunità di contatto per i giovani, dal momento che anche a scuola erano temporaneamente possibili solo incontri online. 

Tuttavia, uno sguardo più attento alle statistiche rivela che anche prima dell'epidemia la depressione tra i bambini e gli adolescenti era in aumento. Tra il 2009 e il 2019, il numero di casi di depressione registrati in Germania è raddoppiato. Detto questo, c'è stato comunque un aumento dell'incidenza della depressione registrata tra i giovani durante l'epidemia del Coronavirus, attribuibile all'isolamento dai loro gruppi di coetanei e amici. Tali contatti umani sono essenziali per costruire e mantenere l’autostima.

Per i giovani, anche genitori devoti e impegnati non sostituiscono il contatto fisico con amici e coetanei. Un'importante lezione di vita vissuta durante la pubertà è il graduale "distacco" dalla "casa" dei genitori. Questo processo naturale può essere visto all'opera attraverso la crescente "distanza" che si crea tra i giovani e i loro genitori, mentre allo stesso tempo aumenta l'influenza dei coetanei e amici. Lo "specchio dell'esterno" acquista importanza!

L'interazione sociale aiuta

È noto che l'interazione sociale, lo scambio e l'affermazione tra le persone contrastano la depressione. Risvegliano sentimenti di connessione che trasmettono significato, sicurezza, risonanza e autoefficacia. I giovani sperimentano che le loro azioni hanno un impatto nel mondo esterno. Non si sentono passivi e indifesi, ma vivi e creativi. Tutto questo dà loro significato e realizzazione. Il loro sé è così rafforzato e preparato per la vita.

Com'è possibile che questo senso di sé fondamentalmente positivo sia negato ad alcuni? Come si può vedere dall'esempio di Britta, anche chi sembra avere tutto può esserne colpito.

Possiamo vedere che sono particolarmente a rischio quei giovani che hanno vissuto in un ambiente difficile o traumatico, che sono per natura piuttosto timidi e hanno poca autostima. Le restrizioni ai contatti Covid avranno potenzialmente dato a questi giovani motivi legittimi per ritirarsi, e così gradualmente "disimparano" molte delle abilità sociali positive sviluppate attraverso il contatto con i loro coetanei.

Un altro potenziale fattore di stress nei giovani è l'instabilità delle amicizie. Le amicizie di vecchia data spesso si rompono, il che può indebolire la capacità di recupero mentale, specialmente durante la pubertà.  

I cambiamenti fisici del corpo durante questo periodo possono anche causare insicurezze mai sperimentate in precedenza in molti bambini e adolescenti. Spesso si confrontano con i modelli "perfetti" presentati sui social media e nei confronti dei quali si percepiscono imperfetti e spesso poco attraenti. Se molte di queste circostanze si incontrano, questi giovani cominciano a non fidarsi né del proprio corpo né della propria anima; hanno letteralmente perso “se stessi” e si sentono sempre più isolati e soli.

Spesso può quindi svilupparsi un ciclo auto-rinforzante; mentre l'immagine di sé si erode e la fiducia diminuisce, può seguire un ritiro dal contatto con gli amici e il mondo in generale, aumenta così la sensazione di isolamento, solitudine e imperfezione; una spirale discendente che rafforza solo il basso livello di autostima.

Una notizia confortante in tutto questo è che a lungo termine la depressione ha una buona prognosi nei bambini, così come negli adolescenti.

Tuttavia, la depressione nei bambini e negli adolescenti è una grave crisi della vita. È quindi estremamente importante che questo venga riconosciuto e che i segnali premonitori delle tendenze suicide siano presi sul serio. Secondo uno studio condotto nel 2001, il suicidio era all'epoca la seconda causa di morte più comune tra i giovani (in Germania), dopo la morte accidentale.

Nella cosiddetta fase pre-suicida, le persone colpite sperimentano spesso un deterioramento della razionalità e della stabilità emotiva, e il suicidio si presenta come l'unica soluzione. È importante riconoscere i primi segnali di allarme e, nonostante le possibili resistenze, cercare continuamente il dialogo con il malato e ribadire gli elementi positivi che potrebbero non vedere più. Se necessario, si deve anche agire contro la volontà del minore, per proteggerlo da se stesso.

(Continua in Parte 2)

back to home pdf share