catarismo 2

Catarismo, la religione dell'Amore – Parte II

back to home pdf share

(Vai a parte I)

La religione dei “buoni uomini”

All'inizio, la religione dei “buoni uomini" si sviluppò all'interno della Chiesa cattolica romana. I Catari, pur non assumendo integralmente i dogmi cristiani e rifiutando l'Antico Testamento, rivendicavano il Cristianesimo primitivo e proclamavano un totale distacco dalla materia (incarnazione del male), e una inclinazione verso a un ascetismo rigoroso.

È evidente che una posizione così radicale attirò presto i sospetti dell'ortodossia cattolica. Ciò ha portato a una seconda fase, in cui la religione Catara è stata vista come un pericolo per il futuro della Chiesa cattolica romana, in cui, per circa un secolo, il Catarismo si è sviluppato in parallelo, anche se ai margini del Cristianesimo romano.

La terza fase è la persecuzione crudele e fanatica a cui furono sottoposti i "buoni uomini", i "puri", o "perfetti", termine usato dai Cattolici romani per deridere coloro che consideravano loro avversari.

Nell'anno 1165 si tenne vicino ad Albi il Concilio di Lombers, l'ultimo tentativo di riavvicinamento tra Catari e Cattolici romani. Tuttavia, il Concilio si rivelò un vero fallimento e, di conseguenza, la Chiesa di Roma decise di estirpare con la forza la religione catara, poiché era considerata un'eresia e una vera minaccia per l'unità della Chiesa cattolica romana.

La crociata contro l'eresia catara

Il Catarismo era soprattutto una religione Cristiana che pretendeva di essere portavoce dell'autentico messaggio di Cristo.

Abbiamo una lettera inviata a Bernardo di Chiaravalle dal prevosto Everwin dell'abbazia di Steinfeld (diocesi tedesca di Colonia) nel 1147, in cui fa riferimento a un gruppo di cristiani considerati eretici:

Recentemente si sono scoperti, nelle nostre terre vicino a Colonia, degli eretici, di cui alcuni ritornarono alla Chiesa, per la nostra soddisfazione. Due di essi, cioè colui che chiamano il loro vescovo e il suo compagno, difesero la loro eresia in un’assemblea di chierici e laici, alla presenza dello stesso arcivescovo e di molti importanti nobili, a partire dalle parole di Cristo e degli apostoli. (…) Dopo aver udito ciò, vennero ammoniti per tre giorni; ma poiché si rifiutavano di cedere, vennero fatti prigionieri dal popolo mosso da un eccesso di zelo e, nonostante noi, furono messi al rogo e bruciati. E, ciò che è più sorprendente, entrarono nel tormento del fuoco e lo sopportarono non solo pazientemente, ma anche con gioia. Su questo punto, Santo Padre, vorrei, se fossi vicino a lei, avere la sua risposta sul perché questi figli del diavolo possono trovare nella loro eresia un valore simile alla forza che la fede in Cristo ispira nei veri religiosi. 

Secondo la testimonianza di Everwin, questi "figli del diavolo" dicevano di se stessi che erano la Chiesa di Cristo, eredi della tradizione apostolica, perché seguivano Cristo, e che erano i veri discepoli della vita apostolica, perché non cercavano il mondo né possedevano casa, campi o denaro, così come Cristo stesso non possedeva nulla né lasciò che i suoi discepoli possedessero nulla. Affermavano che "non erano di questo mondo". Everwin sottolinea anche che battezzavano ed erano battezzati, non con acqua, ma con fuoco e Spirito, invocando la testimonianza di Giovanni Battista. Tale battesimo avveniva mediante l'imposizione delle mani, attraverso il rito detto "Consolamentum".

Gli "eretici Catari" mettevano in dubbio i sacramenti della Chiesa di Roma, dicendo che non era necessario battezzare i bambini, né pregare per i morti, né chiedere l’intercessione dei santi. (alla fine del XII secolo, Matfre Ermengaud de Bézier, nel suo trattato contro gli eretici, indicava che di tutti i loro errori, il più importante era l'interpretazione del sacramento del battesimo).

Secondo la testimonianza di Everwin, la struttura della Comunità degli eretici comprendeva tre livelli: "gli eletti" (coloro che avevano ricevuto il "Consolamentum", i "perfetti", il gruppo più interno), "i credenti" (coloro che seguivano le dottrine, ma non erano stati battezzati), e "gli ascoltatori" (coloro che ascoltavano la predicazione degli eretici). Il prevosto fa notare che tali eretici avevano il loro Papa e che, anche tra le donne, c'erano degli "eletti".

I Catari usavano moltissimo il Nuovo Testamento, così come alcuni libri dell'Antico Testamento, sebbene mostrassero una chiara predilezione per il Vangelo di Giovanni. Hanno tenuto in grande considerazione anche la preghiera del "Padre nostro", considerando Cristo come il mezzo attraverso il quale Dio si è rivelato all'umanità.

Le interpretazioni catare delle Sacre Scritture scatenarono ben presto l'ira dell'ortodossia romana, al punto che Papa Innocenzo III organizzò una crociata per porre fine a quella che era considerata l'eresia Catara. Così, nel 1209, un esercito di circa 30.000 soldati devastò il sud della Francia. Nella sola Béziers, una delle prime città a cadere, furono sterminati più di 15.000 uomini, donne e bambini. I crociati, sotto la guida di Simon de Montfort, seminarono il terrore e condannarono al rogo migliaia di "buoni uomini".

Viene da chiedersi quali orribili crimini giustificassero persecuzioni e massacri così crudeli. Bernardo di Chiaravalle, considerato un santo dalla Chiesa romana, e nemico dichiarato del Catarismo, nei suoi sermoni 65 e 66 sul Cantico dei Cantici (molto probabilmente pensando alla lettera inviatagli da Everwin) paragona l'eretico (cataro) a una volpe che nasconde le sue azioni:

Se li interroghi sulla loro fede, nessuno sembra più cristiano di questi eretici. Se osservi il loro modo di vivere, li troverai irreprensibili in tutto; e ciò che predicano lo dimostrano con le loro opere. Vedrai che frequentano la chiesa come testimonianza della loro fede, onorano i sacerdoti, fanno l'elemosina, si confessano, partecipano ai sacramenti, c'è qualcuno più fedele?

Rivedendo la loro vita e i loro costumi, nessuno è violento, non coinvolgono nessuno, nessuno esagera. Inoltre digiunano, non mangiano il pane gratis, lavorano con le loro mani per guadagnarsi da vivere.

Nonostante il tono ironico del testo, il ritratto morale di Bernardo di Chiaravalle non potrebbe essere più encomiabile per uomini e donne bollati come eretici e agenti del diavolo.

La realtà è che il Cristianesimo dei Catari e il loro modo pratico di viverlo minacciavano le strutture dogmatiche della Chiesa ortodossa, perché i "buoni uomini" non credevano nel battesimo d'acqua, né nell'Eucaristia, né in nessun altro sacramento della Chiesa Cattolica romana.

(Continua in parte 3)

back to home pdf share