leaf

Come nasce un film - Parte 2

back to home pdf share

 

AP: Quando si gira un film, sono necessari preparativi intensi, che si tratti di Rilke, Hammarskjöld o qualcun altro. Coinvolgono viaggi, conversazioni infinite, ricerca e alla fine devi mettere insieme intuitivamente i pezzi del puzzle, in modo che ne venga fuori qualcosa di nuovo, da cui uscirà un film completo. Vorresti parlarci di questo processo?

RS: C'è sempre qualcosa di nuovo che si sviluppa. È avventuroso. Ho uno storyboard, so più o meno cosa dovrebbe esserci nel film. Ma quello che mi sorprende ogni volta è il ritmo. Il ritmo: cosa segue, quando e come. Conosco le  scene che ho girato, conosco i testi che ho registrato ecc., conosco i brani musicali che potrei usare. A volte aspetto il finanziamento per molto tempo, a volte ci vogliono sei mesi per raccogliere tutti i soldi. In questa fase ho sempre molto tempo ed è sovente il momento in cui emerge la musica del film. Provo molti suoni, variazioni, a volte sono toni singoli, piccole melodie, motivi e penso: potrebbe essere questo, potrebbe adattarsi, potrei usarlo più tardi qui o là. Questo accade anche prima delle riprese, nella fase tra la scrittura della sceneggiatura e il finanziamento. Le riprese di solito avvengono dopo.

E poi ho dozzine, centinaia di motivi e di atmosfere a livello musicale. Di solito non so esattamente quando userò cosa, ma molto spesso si chiamano a vicenda. A volte un'immagine ha bisogno di un tono e a volte un tono ha bisogno di un'immagine. Questa è una corrispondenza che potresti quasi definire magica. Può succedere che finisco una scena con un certo suono e questo suono evoca l'immagine successiva. È lo stesso con i testi.

             Testi, suoni, immagini, sono tre elementi che possono evocarsi a vicenda.

Poi mi sento sempre più un assistente, in fondo è una sorta di gioiosa schiavitù, perché il film è diventato il maestro. Di solito questo inizia dopo pochi minuti. All'inizio sono completamente libero, ho impostato un inizio, e questo può essere qualsiasi cosa, ma dopo 10 o 20 o 30 minuti – va sempre peggio – l'organismo vivente, che è il film, mi dice: questo non funziona per niente, dimenticalo, vai in un'altra direzione. Mostra una tendenza, una possibilità. Sì, penso, questo è vero, ora lo trovo molto più plausibile. Poi gioco con le possibilità e così facendo diventa chiaro che solo una delle cinque possibilità può essere quella giusta.

Il film lo accetta con gratitudine, poi mi permette, per così dire, di continuare così. OK, hai scelto la cosa giusta, mi dice. Questi sono veri dialoghi.

Dopo 60 minuti diventa travolgente, ma è anche bello perché il film è già lì, qualcosa è stato fatto e il film ha già un'autorità maestosa, è diventato un essere vivente.

C'è una grande sensazione di felicità quando sento di aver fatto molte cose per bene, che il film è vivo. C'è qualcosa che è forte, ora non devo commettere errori perché se sbaglio adesso posso dimenticare tutto. Succede molto velocemente: un tono sbagliato, un testo sbagliato, un'immagine sbagliata, un ritmo sbagliato e ogni spettatore – ne sono convinto – lo sentirà. Penserà: Ah, era strano, non andava bene. Non puoi farlo perché allora lo spettatore uscirà dal film e non sarà più nel flusso. Ed è per questo che ci vuole sempre più responsabilità man mano che il film avanza. Hai a che fare con un essere, con il quale sei in costante dialogo.

AP: Questo è molto bello perché dimostra la vivacità di un'opera d'arte, indipendentemente dal tipo di opera d'arte di cui tratta. Vorrei farti un'ultima domanda: provi ciò che l'arte ti fa – non importa se è la tua arte o quella di qualcun altro - che ti guida personalmente o che ti ispira nella tua vita? oppure che vorrebbe prendere forma in qualche altro modo nella tua vita?

Arte che nutre l'anima

RS: Sì, certo. Penso di poter dire che l'arte è il più grande tesoro della mia vita. Avere a che fare con arte – musica, letteratura, pittura – è stata una parte indispensabile della mia vita per tutto il tempo che posso ricordare. Non riesco a immaginare di vivere senza l'arte. Mi preoccupa quindi che la nostra società non attribuisca una grande importanza all'arte. Se guardo i programmi culturali in televisione, che si tratti di teatro moderno, letteratura o film, c'è così poco che nutre la mia anima, c'è così tanto sensazionalismo, così tanto ossequio allo spirito del tempo, produzioni che vogliono avere un effetto politico, che non sono ambigue come la vera arte, ma che sono univoche, che hanno uno scopo, che vogliono essere politicamente corrette. Ciò a volte mi rattrista davvero.

Tuttavia, c'è ancora il grande tesoro d'arte degli ultimi secoli, è così gigantesco e non ho nemmeno iniziato ad aprirlo. Ieri sera ho trovato un tesoro del genere su Youtube. È una serie meravigliosa chiamata "Alla scoperta di Beethoven". Joachim Kaiser, il grande critico musicale, dialoga con il direttore d'orchestra Christian Thielemann, uno dei più entusiasmanti direttori del nostro tempo. Parlavano delle sinfonie di Beethoven, della Pastorale e dell'Eroica. Questo è stato incredibilmente liberatorio e stimolante e mi ha dato così tanta forza che ho pensato: abbiamo bisogno di molta energia in questo momento. Da dove dovrebbe venire? In realtà dovrebbero esserci molti di questi programmi, ma non è affatto così nei media pubblici. L'arte ha una strana funzione di alibi, e deve sempre aderire allo spirito del tempo per rimanere rilevante. Ma all'improvviso questa sinfonia di Beethoven era così rilevante, nel momento in cui questi due grandi musicisti ne parlavano, era così attuale e così importante che i 200 anni trascorsi dalla sua composizione sono completamente irrilevanti. Questa musica è per me un serbatoio di consolazione e ispirazione, soprattutto in tempi come questi.

 

back to home pdf share