Sunset winter

Come percepisce l'anima?

back to home pdf share

Cosa provano le anime?

Profonda connessione interiore con tutto.

Esperienza di affinità.

Legame nell'amore creativo.

Legame che non lega.

Legame che racconta la storia della creazione.

Come percepisce l’anima?

Primo, l'anima è un grande orecchio. Riceve radiazioni e vibra come una corda tesa. Forse una delle corde del monocordo, l'armonia di tutte le sfere. Ogni tremore e movimento si manifesta in modo sincrono nell'anima del mondo. L'orecchio dell'anima si apre gradualmente ed è ricurvo come una spirale, come il guscio perlaceo di una lumaca. L'orecchio dell'anima parla e diffonde saggi consigli. Puoi sentire la sua voce.

Secondo, l'anima è l'occhio che ti offre diverse prospettive di percezione. Ciò che l'anima vede, lo conosceva già e continua a sentirlo in profondità. Alla luce della nostra mentalità, distinguiamo tra gli spiriti e in essa si rivelano tutte le verità e le bugie. Mostra l'essenza delle cose senza compromessi. La visione è conoscenza. La visione è vista con la coda dell'occhio come le immagini di una profezia. Non è una profezia del futuro, perché l'anima spirituale è al di là del tempo e dello spazio. Sono bagliori e idee di eternità. 

Terzo, l'anima sperimenta un tocco dell'energia spirituale del Regno originario. Ti prende una mano e ti chiede un ballo con le linee di forza dello Spirito. Se accetti questo valzer, ti guiderà finché non la lascerai andare. Poi, all'improvviso, dopo tanto tempo, ricordi i passi e senti la certezza della sua guida, sapendo che non puoi farti da parte. Il suo sangue scorre già in te. È intorno a te e dentro di te, perché lo spirito si fa carne.

Quarto, le anime sentono la nuova atmosfera che respirano. Con ogni respiro, lasciano entrare gli eteri della libertà e fuggono dalla vecchia natura. Se siamo a corto di fiato, allora l'anima ha i polmoni spalancati, attraverso i quali scorre una brezza pulita e purificatrice. Il respiro dell'anima è tutt'uno con il respiro vitale del logos, inspira ed espira. È difficile resistere al profumo delicato e dolce delle rose. Com'è materno e gentile. Il profumo delle rose viene diffuso nel mondo intero come un'espirazione dalle anime spirituali liberate. È l'atmosfera curativa dell'unico bene superiore.

Quinto, l'anima si nutre di nuovi eteri, accetta il pane e il vino della nuova alleanza. Ogni pellegrino assetato e affamato di manna divina sarà saziato. Chi ha sperimentato questa grande mancanza e questa difficoltà? La sete inestinguibile viene solo lenita. Così l'anima rimane aperta, desiderosa e determinata ad andare avanti.

Sesto, l'anima cosciente pensa ed è in grado di pronunciare la Parola dell'inizio, perché è connessa con la Parola creatrice. È stato creato un nuovo focus di coscienza, un nuovo pensiero. L'anima spirituale riceve nuovi organi di senso attraverso i quali può percepire una nuova realtà, un'altra dimensione. Salpa sulla sua chiatta verso Caphar Salama, il villaggio della pace, l'isola dello Spirito.[1]

Settimo, l'anima viene come una nuova persona, come un'anima spirituale. Diventa di nuovo l'originale Adamo.

Nell’essere umano c'è l'inizio e l'obiettivo dello sforzo spirituale, l'alfa e l’omega.

Gli organi della nuova anima hanno una propria percezione ed esperienza. Attraverso questi organi, l'anima è conosciuta e riconosce gran parte del piano spirituale. Osserva e vede correlazioni analoghe. Vive la propria genesi, giorno dopo giorno, fino al compimento, al consummatum est.

I nuovi organi possono quindi reagire e lavorare con gli elementi originari, come il fuoco (la forza creatrice o il fiat); l’aria (l'idea creativa, o logos); l’acqua (la vita creatrice o maria-madre-matrice); e la terra (il cosmo creativo, microcosmo-umano essere-anima spirituale).

Pensieri sulla percezione dell’anima

Tutto ciò che possiamo scrivere sulla percezione dell'anima sono solo immagini dell'indescrivibile. Tuttavia, è un argomento comune nei testi spirituali, perché cerchiamo costantemente di farlo. Ecco alcune delle numerose riflessioni di altri autori sulla percezione della nuova anima.

Jan van Rijckenborgh (1896-1968) descrive la trasformazione degli organi sensoriali lungo il percorso spirituale nel libro Non esiste spazio vuoto. [2]

A questo si unirà una potente attività da parte dei Misteri, al fine di rivelare tutto quanto era rimasto nascosto, nella speranza che molti vedano, riconoscano e ascoltino; poiché chi vede, riconosce e ascolta può anche reagire. […] Dal punto di vista mistico-gnostico, l’occhio deve accendere la Luce, cioè deve dare l’impulso di ritorno a una Luce che già brilla. Tutto ciò che possediamo interiormente è ricercato e attirato dall’occhio. Esso lo inspira come ossigeno spirituale destinato ai bisogni di luce dell’organismo. […] Su questa base, l’intelletto viene modificato, le abitudini di pensiero cristallizzate vengono attaccate e tutta la vita dei sensi e dei desideri viene radicalmente sovvertita dalla Luce rivelatrice. Inizia la grande demolizione dell’intero stato naturale, perché l’essere umano comincia a percepire direttamente e a comprendere qualcosa dello Spirito che viene riversato su tutta l’umanità. 

In De Lumine, Marsilio Ficino (1433-1499) presenta l'analogia degli occhi come raggi luminosi della vista.

La luce è il riso del cielo degli spiriti nascenti, come si mostra soprattutto alle persone, le quali, ogni volta che gioiscono nello spirito e hanno un sorriso sul volto, sicuramente brillano anche dentro, e il loro spirito si espande e il loro viso e soprattutto i loro occhi che sono i più celesti, sembrano brillare, e quando ridono girano come corpi celesti. […] Raggi delle stelle ridenti, come gli occhi delle menti divine, sono diretti molto benevolmente e gioiosamente ai semi delle cose, riscaldando ogni cosa e portandola nel mondo.

In conclusione, possiamo citare il Vangelo della Verità:

Il Padre è amorevole e ciò che procede dalla sua volontà è buono. Egli ha conosciuto ciò che è vostro, affinché là voi troviate la vostra Quiete. Dai frutti si conosce ciò che vi appartiene. I figli del Padre, sono essi la sua fragranza, e la manifesta in ogni luogo. Se essa si mescola con la materia, Egli affida la propria fragranza alla luce e la fa sollevare nel suo Silenzio, al di sopra di ogni forma e di ogni rumore. Perché non sono le orecchie che fiutano l’odore, ma è lo Spirito che può odorarlo, e lo attira in se stesso e lo immerge nella fragranza del Padre. Lo riconduce dunque in porto, lo rimena al luogo di dove è uscito, alla nostra fragranza originale, che ora è fredda.   

 


[1]   Andreae, Johann Valentin: Christianopolis, Commentato da Jan van Rijckenborgh, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 1999

[2]   Rijckenborgh, Jan van:  Non esiste spazio vuoto, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2010

back to home pdf share