Mirror illusion

Dal sogno alla realtà

back to home pdf share

Eh, pensi, cos'era? Ma non lo scoprirai. Non era una voce sonora, eppure era come se ti parlasse qualcuno che conosci. Non hai nulla per stabilire cosa sia successo, ma non puoi smettere di pensarci. Perché, ti chiedi, dovrei svegliarmi? Non stavo dormendo, vero? Eppure il mondo non è più come prima, guardi le cose in modo diverso. La routine è finita; ora la tua vita è piena di domande.

Una tale esperienza è davvero possibile. È simile a ciò che accade a Jim Carey nei panni di Truman nel film "The Truman Show": sta solo vivendo la sua vita e improvvisamente una lampada cade dal cielo. Non c'è niente da vedere lassù, eppure una lampada cade dal cielo. Da quel momento, Truman si accorge improvvisamente che le persone continuano a dirgli le stesse cose, che il mondo intorno a lui si rivela una commedia. Tutto quello che fino ad ora gli piaceva ora non gli piace più, e vuole uscirne.

Un altro esempio: c'è un documentario tedesco su un ragazzo di circa diciassette anni che un giorno viene trovato in spiaggia con un'amnesia totale. I suoi amici hanno realizzato il documentario. Il ragazzo era vicino a casa sua e tutti lo hanno riconosciuto, tranne lui stesso. Guardava il mare con occhi nuovi e diceva: "Che energia!" Poiché i suoi amici e la sua famiglia, i suoi compagni di classe e vicini di casa lo conoscevano bene, si rivolgevano a lui com'era, o almeno, come era stato. Ma lui era completamente diverso. Non gli piacevano le cose che prima amava, come andare al caffè con i suoi amici. Aveva gusti completamente diversi, si stava quindi reinventando completamente. Poteva pensare bene, ma tutto era nuovo. Non aveva disabilità dall'evento. Era una persona nuova, ma chi era stato prima? Cosa è stata la sua vita "precedente", un sogno?

Secondo Don Miguel Ruiz, un Tolteco la cui famiglia, dice, ha conservato l'antica saggezza tolteca per il presente, è proprio così. Nel suo libro I quattro accordi  [3], si esprime così:

La gente sogna tutto il tempo. Ma prima che nascessimo, le persone prima di noi avevano già creato un grande sogno, per così dire, per tutti, che chiameremo il sogno della società o il sogno del pianeta. Il sogno del pianeta è il sogno collettivo di miliardi di piccoli sogni personali che insieme creano il sogno di una famiglia, il sogno di una comunità, il sogno di una città, il sogno di un paese e, infine, il sogno di tutta l’umanità. Il sogno del pianeta include tutte le regole della società, le sue credenze, le sue leggi, le sue religioni, le sue diverse culture e modi di essere, i suoi governi, le scuole, gli eventi sociali e le vacanze.

Nasciamo con la capacità di imparare a sognare, e le persone che sono nate prima di noi ci insegnano a sognare secondo il sogno della società.

Tuttavia, una volta che iniziamo a risvegliarci, possiamo scegliere come procedere. Possiamo cambiare così completamente da essere veramente nuovi. È ancora un sogno? Forse lo è. Un gruppo di indigeni in Malesia, i Senoi ("il popolo dei sogni"), divenne improvvisamente famoso nel mondo negli anni '70, specialmente in America. I sogni hanno un posto importante nella loro vita. Sono sempre spiegati in modo positivo. Ad esempio, se un bambino sogna di essere inseguito da una tigre (che è un vero pericolo), gli anziani gli dicono di non aver paura della tigre e che nel sogno della notte successiva deve sconfiggerla con un bastone o una lancia. Se non è abbastanza forte, deve chiamare un amico in suo aiuto. Se sogna un incendio, sa che può spegnere il fuoco con l'acqua. I Senoi si distinguono inoltre per essere molto equilibrati e quasi mai aggressivi.

Gli psicologi hanno colto al volo questa opportunità e hanno iniziato a insegnare alle persone a sognare "lucidamente" e a cambiare i propri sogni. Come di solito accade con le caratteristiche naturali scoperte di altri popoli, fu sviluppato un metodo che si è evoluto in tutti i tipi di tentativi di controllo dei sogni che erano molto lontani dall'originale dei Senoi. Le persone hanno iniziato a volare nei loro sogni, proiettando tutti i propri desideri. Imparare a sognare con lucidità è diventato uno sport in cui puoi soddisfare i tuoi desideri in tutti i modi. La domanda seria qui è se tutta questa manipolazione non ignori completamente la funzione della notte e la funzione del sogno. Vincere le proprie paure è qualcosa di ben diverso dal fare viaggi di piacere portando con sé la propria coscienza diurna, mentre la notte dovrebbe essere il dominio dell'anima per eccellenza.

Il sonno del corpo è la sobrietà dell'anima,

dice Ermete Trismegisto al suo discepolo. Anche con l'interpretazione dei sogni puoi andare in tutte le direzioni: puoi iniziare a cercare il significato dei simboli, mentre forse quei simboli sullo sfondo della coscienza avrebbero un effetto completamente diverso se li lasciassi stare.

Ci sono sogni impressionanti di cui ti rendi conto al risveglio che hanno qualcosa di molto speciale in serbo per te, anche se davvero non sai cosa significano. Molti anni dopo, un tale significato può diventare improvvisamente chiaro, soprattutto se non elabori tu stesso una spiegazione immediata.

Naturalmente, la domanda è: se ti sei "svegliato", sei davvero sveglio, o c'è un altro livello di veglia sopra di te, e forse sopra quello un altro ancora? Potrebbe anche essere, ma sarebbe inutile cercare di forzare una simile ascesa, perché proprio come un bambino che impara a camminare diventa un bambino in età prescolare, c'è una crescita naturale, anche della coscienza. Coloro che forzano le cose sprofondano solo in un sogno ancora più profondo.

Da bambina, la scrittrice Elisabeth Haich sognava di essere la figlia di un faraone e che suo zio era un sommo sacerdote. Voleva diventare sacerdotessa e nel suo libro Iniziazione [1] descrive una prova a cui ha dovuto sottoporsi sdraiata in un sarcofago, e quali immagini sono apparse davanti alla sua coscienza. Ha ceduto alla tentazione di un uomo e il risultato è stato che doveva davvero viverla. Quindi potete immaginare che siamo davvero sulla terra per imparare a resistere a tutte queste tentazioni e a vivere come vogliamo essere nel più profondo del nostro cuore: sacerdoti e sacerdotesse della Luce, re-sacerdoti e regine-sacerdotesse. Ora ci sono molte tentazioni e "la carne" è spesso debole. Questo rende concepibile che la vera essenza di un essere umano debba ‘vivere' molti sogni prima che tutti gli aspetti siano forti e saldi. Ma non dobbiamo farlo da soli. Tutte le persone risvegliate, di qualsiasi livello, aiutano i dormienti e i sognatori con l'intuizione, se sono aperti a questo. E con forza. Con un potere più forte della tentazione ma che ottieni solo quando lo chiedi e che passa in secondo piano se non lo usi.

Questo è molto diverso dal cercare di migliorare la tua personalità, o la tua posizione, o diventare più felice, sebbene quest'ultimo sia una conseguenza naturale di ogni passo compiuto su quel percorso di vita veramente benefico. Benefico, non solo per chi lo percorre, ma tutti quelli che avvicina sono toccati dallo splendore della luce che può dimorare in una tale persona. Più va avanti, vivendo secondo le sue intuizioni, più potente è la radiosità. E come il sole non è una sfera che possiamo vedere in lontananza indossando speciali occhiali, ma un nucleo di luce che tocca anche noi, in cui quindi siamo, così la radiazione di una persona illuminata va sempre più lontano, infinitamente lontano, per illuminare chiunque abbia il cuore anche solo leggermente aperto.

Per il sognatore, il sogno è reale in quel momento. E ciò di cui è consapevole, può agire su di esso. Poi si avvicina al risveglio e… non può che rifare lo stesso sogno, cercando sempre di agire correttamente, secondo le intuizioni che ha. Questa è crescita e questa è la realtà. 

Un testo di Valentino, dal Vangelo della verità  [2]

Finché l'ignoranza li riempì di paura e confusione, e li lasciò dubbiosi, confusi e divisi, furono perseguitati da molte illusioni e vane delusioni, come se fossero sprofondati in un sonno profondo in preda a brutti sogni.

O fuggono da qualche parte, o non hanno la forza di andare avanti se vogliono inseguire gli altri, o sono coinvolti in atti di violenza, o stanno picchiando, o stanno cadendo da una grande altezza, o stanno volando su nel cielo quando non hanno nemmeno le ali.

Poi di nuovo sembra che qualcuno stia cercando di ucciderli, quando non c'è nessuno che si occupi di loro, o che stiano uccidendo loro stessi i loro cari, perché sono macchiati di sangue.

Fino al momento in cui coloro che sperimentano tutto questo si risvegliano. Allora vedono improvvisamente: niente. Perché non era niente, erano solo illusioni.

Così scacciano l'ignoranza, come scacciano il sonno a cui non si aggrappano più, non più di quanto considerano queste visioni come realtà. Ma li lasciano dietro come un sogno nella notte. Considerano la conoscenza del Padre come la luce del mattino. Così ciascuno ha agito come se dormisse durante il tempo in cui era ignorante, e così si rialza come se fosse sveglio.

gioia per l'uomo che ritrova se stesso e si risveglia!


Estratti da: I Quattro Accordi [3]

Nasciamo con la capacità di imparare a sognare e le persone nate prima di noi ci insegnano a sognare secondo il sogno della società. Quel "sogno collettivo" ha così tante regole che quando nasce un bambino "attiriamo" l'attenzione di quel bambino fin dalla nascita per inculcare queste regole. Il sogno collettivo usa mamma e papà, la scuola e la religione per insegnarci a sognare.

L'attenzione è la capacità che abbiamo di discernere le cose e concentrarci solo su ciò che vogliamo vedere. Possiamo percepire milioni di cose contemporaneamente, ma con l'aiuto della nostra attenzione possiamo tenere tutto ciò che vogliamo veramente vedere in primo piano nella nostra mente. Gli adulti hanno catturato la nostra attenzione e, attraverso la ripetizione, hanno impresso informazioni nella nostra mente. In questo modo abbiamo imparato tutto ciò che sappiamo.

Usando la nostra attenzione abbiamo imparato un'intera realtà, un intero sogno. Abbiamo imparato come comportarci nella società: a cosa credere e a cosa non credere; cosa è accettabile e cosa non è accettabile; cosa è bene e cosa è male; cosa è bello e cosa è brutto; cosa è giusto e cosa è sbagliato. Tutta quella conoscenza, tutte quelle regole e idee su come dovremmo comportarci nel mondo – tutto ciò c'era già quando siamo nati. (…)

Il sogno che viene da fuori, il sogno collettivo, richiede la nostra attenzione e ci insegna in cosa credere. (…) Non hai scelto tu di parlare inglese. Non hai scelto la tua fede e il tuo modello di valori morali: erano già fissati per te dalla nascita. Non abbiamo mai avuto l'opportunità di scegliere cosa credere e cosa non credere. Anche quando si tratta del più piccolo di tutti questi accordi. Non abbiamo scelto nemmeno il nostro nome.

Da bambini, non abbiamo avuto la possibilità di scegliere le nostre convinzioni, ma abbiamo acconsentito alle informazioni che ci sono state trasmesse da altre persone e che provenivano dal sogno del pianeta. (…) Una volta che siamo d'accordo, ci crediamo, e questo è ciò che chiamiamo fiducia. Avere fede significa credere incondizionatamente.

È così che impariamo da bambini. I bambini credono a tutto ciò che dicono gli adulti. Siamo d'accordo con loro e la nostra fede è così forte che il sistema di credenze controlla il nostro sogno di tutta la vita. (…)

Chiamo questo processo di indottrinamento l'addomesticamento degli esseri umani. (…) Il sogno collettivo ci insegna come dobbiamo affrontare la vita come esseri umani. (…)

Tutte le nostre normali tendenze si perdono in quel processo di adattamento. (…) L’indottrinamento è così potente che a un certo punto della nostra vita non abbiamo più bisogno di nessuno che ci domi. Non abbiamo più bisogno di padre e madre, della scuola o della chiesa: siamo così ben addestrati che ci addomestichiamo da soli. Siamo animali addomesticati. (…)

Ognuno di noi nasce con una certa quantità di forza personale che ricostruiamo ogni giorno. Sfortunatamente, sprechiamo molto di quel potere personale creando e mantenendo tutti quegli accordi e le cosiddette intuizioni. Abbiamo ancora abbastanza forza per sopravvivere ogni giorno, ma la maggior parte della forza viene utilizzata per comportarci secondo le convenzioni e le intuizioni che ci tengono intrappolati nel sogno del pianeta. Ma come possiamo cambiare l’intero sogno della nostra vita, se non abbiamo la forza di cambiare anche il minimo accordo, la minima intuizione?

Se possiamo vedere che sono i nostri accordi che regolano la nostra vita, e non ci piace il sogno della nostra vita, dobbiamo cambiare gli accordi. Quando siamo finalmente pronti a cambiare i nostri accordi, ci sono quattro accordi molto potenti che ci aiuteranno a rompere quegli accordi che provengono dalla paura ed esauriscono la nostra energia.

Ogni volta che rompi un accordo, cambia una comprensione, tutta l'energia che è servita a crearlo e sostenerlo torna a te. Se adotti queste quattro nuove intuizioni, creeranno abbastanza potere personale per sfondare l'intero vecchio sistema di accordi e intuizioni.

Per iniziare a vivere secondo le quattro intuizioni hai bisogno di una forte volontà, ma rimarrai stupito dalla trasformazione che porteranno nella tua vita. Vedrai il dramma dell'inferno scomparire davanti ai tuoi occhi. Invece di vivere in un sogno infernale, creerai un nuovo sogno: il tuo personale sogno celeste.

 


Riferimenti:

[1] Elisabeth Haich, Iniziazione, Memorie di un’Egizia, Edizioni Amrita, 1999

[2]  G. Quispel, Valentino lo gnostico e il suo Vangelo della verità, In De Pelikaan Bibliotheca Philosophica Hermetica, Amsterdam 2003

[3] Don Miguel Ruiz, I Quattro Accordi, Il Punto d’Incontro Edizioni, 2011

back to home pdf share