thunderstorm-3417042_1280-jplenio

Dall'Universo all'Essere Umano – Parte 1

back to home pdf share

Che cos'è l'energia? L'energia è una capacità che si ottiene per mezzo di una forza di cui possiamo misurare gli effetti, una forza che ci permette di compiere un lavoro o di mettere in moto una dinamica. È nota in quattro forme: forza gravitazionale; forza nucleare debole; forza nucleare forte; e forza elettromagnetica.

Tutto è interconnesso e tutto fa parte di questo universo quantistico.

In questo articolo vorremmo sviluppare, prima di tutto, gli esperimenti scientifici più rilevanti sull'essere umano e la nozione di energia, che sono legati ad alcune nozioni dell'Insegnamento Universale. Inoltre, vorremmo ottenere alcune chiavi per elevare la nostra frequenza vibratoria, che potrebbero o ci permetterebbero di avvicinarci o fare dei passi verso l'UNO, verso il divino, anche se è un piccolo passo.

Iniziamo parlando di Louis de Broglie, che ricevette nel 1929, all'età di 37 anni, il Premio Nobel per la Fisica per la sua "scoperta della natura ondulatoria dell'elettrone" [1].

Tutta la materia, gli atomi, le molecole, le cellule, i tessuti, gli organi e ogni persona, sono tutte ONDE, e queste onde hanno una vibrazione specifica.

Chiamiamo "biocampo" il campo formato dalla somma di tutte le onde emesse dal nostro corpo.

I biocampi hanno quattro proprietà:

1. sono invisibili,

2. sono portatori di informazioni,

3. hanno dinamiche polari (proprio come i magneti),

4. e sono OLISTICI.

Il biocampo ci fornisce informazioni sulla forma e la funzione del corpo, dei pensieri, delle emozioni, dell'energia vitale, dei sentimenti, delle abitudini e degli istinti, della memoria, della percezione extrasensoriale; anche dei tratti della personalità.

Parallelamente a questa scoperta dei biocampi, all'inizio del XX secolo è stata sviluppata la fisica o la meccanica quantistica.

Nel 1911, Max Planck, premio Nobel nel 1918, sviluppò il seguente concetto:

Esiste una specie di substrato dell’universo.

Questo substrato è noto come CAMPO DI ENERGIA DEL PUNTO ZERO o Matrice Divina  [2]

Secondo la meccanica quantistica, il vuoto non esiste. C'è un flusso di particelle subatomiche che appaiono e scompaiono costantemente ed è questo movimento che spiega l'intensa energia contenuta nel Campo di Energia del Punto Zero. Queste fluttuazioni ed energia vengono rilevate alla temperatura dello zero assoluto (zero Kelvin, -273 gradi Celsius).

Il fisico Heisenberg, ha affermato invece che la caratteristica dell'universo quantistico è la comunicazione istantanea di tutte le sue componenti. In questo campo di energia del punto zero si trovano informazioni vibrazionali non locali.

In altre parole, questo substrato dell'universo, noto come campo di energia del punto zero, in quanto substrato di natura quantistica, è una porta aperta verso la quarta dimensione.

I biocampi fanno parte del campo di energia del punto zero.

Albert Szent Györgyi, (1893-1996), ungherese e premio Nobel nel 1937, ci ha mostrato che il corpo umano ha una matrice elettrica.

Vale a dire, grazie alla matrice acquosa che circonda la materia organica, si ha un movimento di elettroni e protoni nei tessuti, che genera un processo vibratorio di informazione [3].

Gli esseri viventi sono controllati da questi campi, da queste matrici. Così, quando nasce una rosa, la sua matrice energetica contiene l'informazione della sua struttura, è portatrice di quell'informazione, che svolgerà il ruolo di stampo.

Per comprendere la nozione di campo o biocampo, pensiamo alla "nuvola" di informazioni digitali che ci è così vicina.

Tutte le informazioni sono nel biocampo, e questo biocampo è, come abbiamo detto, nel campo di energia del PUNTO ZERO, che è il "luogo" dove si trovano tutte le informazioni, cioè il campo quantistico dell'intero Universo, la Matrice Divina.

In sanscrito è conosciuto come AKASHA.

Il campo di energia del punto zero è equivalente a ciò che i fisici chiamano il vuoto quantistico. Ma questo vuoto non è assoluto, è pieno di energia; le informazioni sono lì; è non locale, fuori dello spazio/tempo.

Siamo attraversati da molti fili, costituiti da fibre di collagene, che sono assemblaggi di proteine; le proteine con l'acqua formano un semiconduttore: è il "Corpo Elettrico" che forma la matrice elettrica [4].

Per riassumere, stiamo parlando dell'Universo Quantico, del Punto Zero, del biocampo, della Matrice Elettrica, della Matrice Acquosa e infine delle strutture organiche necessarie per trasportare queste informazioni.

L'informazione passa dal dominio quantistico al dominio elettrico, cioè dal campo magnetico al campo elettrico.

Ciò si spiega con la legge di Faraday: "la produzione di energia elettrica è indotta dal campo magnetico che può essere amplificato da trasformatori”.

Il nostro corpo è progettato per captare i campi magnetici e trasformarli in campi elettrici, perché la disposizione delle cellule dei tessuti nel corpo umano e in altri organismi viventi consente di catturare campi magnetici. Ad esempio DNA, collagene, actina-miosina, fosfolipidi nelle membrane, cloroplasti nelle foglie, mielina nelle cellule di Schwann, coni e bastoncelli nella retina, microtubuli nelle ciglia.

Dennis Gabor (Budapest 1900-Londra 1979), ingegnere e premio Nobel per la fisica nel 1971 per le sue scoperte sull'olografia. Tramite l’olografia è stato possibile dimostrare l'"olistico", cioè la proprietà con cui l'informazione è espressa in Tutto.

Un ologramma è un'immagine contenente informazioni tridimensionali. È quindi il risultato di un'immagine di interferenza tra le onde provenienti da un oggetto fotografato e quelle provenienti dal raggio laser che è stato utilizzato per illuminare l’oggetto.

Ogni punto di un'immagine contiene tutte le informazioni relative a questa immagine sotto forma di una struttura, uno stampo, una matrice che è un modello di interferenza.

Questa struttura arriva al cervello attraverso i nostri sensi, gli occhi, l’udito, ecc., viene poi decodificata da strutture non ancora conosciute e il sistema ottico del cervello ricompone l’immagine [5].

Secondo Edgard D. Mitchell (1991)

Possiamo considerare l'ologramma quantico come un'informazione non locale immagazzinata nel campo di energia del punto zero, creata da ogni atomo, ogni cellula o molecola di un organismo vivente.

Ogni esperienza oggettiva o soggettiva è depositata nel nostro ologramma personale, con il quale risuoniamo perfettamente.

Ognuno di noi ha frequenze che hanno una risonanza unica, che fungono da impronte digitali per identificare le nostre informazioni non locali.

Non solo abbiamo il nostro ologramma quantistico, ma anche le informazioni olografiche possono essere recuperate attraverso il meccanismo di risonanza. Ed è possibile che altre persone vi accedano attraverso questo meccanismo, vibrando alla stessa frequenza.

In questo caso ci riferiamo ai campi morfici di Rupert Sheldrake.

La risonanza morfica è l'influenza dei modelli registrati nel campo di energia del punto zero su modelli di attività simili nel nostro mondo. La risonanza agisce per somiglianza.

I campi morfici hanno una memoria incorporata. C'è una memoria collettiva in ogni cosa, pianta, animale e tutto in generale. C'è una memoria di forma, funzione e comportamento. La memoria collettiva umana è ciò che Carl Jung (1875-1961) chiama "Inconscio Collettivo".

Concludiamo, quindi, che il biocampo è olistico e frattale; ogni parte contiene il tutto, compresa la personalità.

Continueremo a sviluppare questo argomento nel prossimo articolo.

(vai a  parte 2)


[1] Tesi confermata da due sperimentatori americani, Davisson e Germer, che osservarono la prima diffrazione di un elettrone attraverso un cristallo.

[2] Calphysics Institute: Energia del Punto Zero e Campo del Punto Zero

[3] Poveda F, Marti E, Gil D, Carreras F, Manel Ballester: Evidenza della struttura elicoidale globale del cuore mediante lo studio della trattografia multiconduttiva MRI (Jam Coll Cadiology Imaging 2012, 5:754-64).

[4] James L. Oschmann, Medicina energetica (Macro Edizioni 2012)

[5] Talbot M. L'universo olografico. Le simulazioni di Cowen R supportano la teoria che l'universo sia un ologramma (Nature 10, deem.2013).

back to home pdf share