Aquarius

Di fronte allo specchio nero della mia anima

back to home pdf share

Oggi ho deciso di vivere un giorno senza il mio cellulare. Premo a lungo il pulsante di spegnimento e guardo questo schermo nero. Vedo il riflesso del mio viso. Infine, perché tutti guardano questo schermo nero, questo specchio nero, per usare il titolo di una serie televisiva di fantascienza inglese?

All'origine di Internet, però, c'era l'utopia collettiva di un mondo egualitario, felice e libero. C'è l'inno all'avvento dell'Era dell'Acquario che apre il musical "Hair". Perché, come forse non saprai, l’Internet globale di oggi è un discendente diretto delle piccole comunità hippie dell'area di San Francisco, sulla costa occidentale degli Stati Uniti, negli anni '70.

All'origine di Internet c'erano queste comunità dai capelli lunghi in California che sentivano le potenti influenze dei loro tempi. Sono stati questi gruppi a creare l'idea di una nuova era dell'Acquario, un'utopia le cui trasformazioni hanno generato la mostruosa rete globale di computer, Internet e tutte le reti digitali che usiamo ogni giorno con i nostri computer e telefoni.

Gli ideali di queste comunità? Tutte le utopie di una New Age: realizzazione spirituale, manifestazione del "Sé", fioritura della coscienza nelle sue dimensioni cosmiche, pace universale e fine delle guerre.

I loro strumenti? Computer, agenti dell'universalità planetaria, garanti dell'assenza di gerarchia e garanzie di una democrazia globale e decentralizzata.

La loro strategia? Deviare l'uso dei computer militari dell'epoca usati nella guerra del Vietnam e nei missili di un programmato olocausto nucleare, e dare gratuitamente alla gente questa nuova tecnologia promettente.

E, come un evento improbabile che oggi ci sembra incredibile, in meno di trent'anni questa strategia degli hippy del Flower Power è diventata realtà. Una persona occupa un posto essenziale in questi progetti utopici delle comunità californiane degli anni '70: Stewart Brand. Già negli anni '60 aveva immaginato e promosso i miti dell’informatica con il Whole Earth Catalog. Forse ce l'hai avuto tra le mani questo catalogo inverosimile che originariamente avrebbe dovuto permettere di trovare tutto ciò di cui hai bisogno per vivere in modo indipendente in una comunità. Fu da questa enumerazione di prerequisiti per una nuova era che nacque la controcultura americana, con le sue comunità di "pace e amore" e gruppi rock.

Perché i social network, storicamente, sono germogliati nel terreno fertile della controcultura e della cultura musicale del Flower Power. Intorno a San Francisco, i santuari della cultura hippie divennero i templi della Silicon Valley. I musicisti della rock band The Grateful Dead sono stati i riferimenti essenziali per tutti gli informatici che, negli anni '80, hanno creato il sistema di conferenza elettronica WELL, il primo sistema che prefigurava Internet e i social network.

Ed è anche attraverso l'autore di Whole Earth Catalog, Stewart Brand e i suoi amici intimi e familiari, tra cui Steve Jobs, futuro CEO di Apple, che Internet è diventato un oggetto che poteva essere acquistato e venduto sul grande mercato della cultura liberale americana. Il grande gioco degli ideali di marketing era iniziato. Steve Jobs, Mark Zuckerberg e Bill Gates avevano capito già negli anni '90 che le più grandi ricchezze del futuro non sarebbero state nascoste nel terreno. Non sarebbero state vene di metalli preziosi o pepite d'oro. No, la più grande ricchezza del futuro sarebbe stata l'universo virtuale di Internet e gli specchi dei suoi social network.

In trent'anni, le famose GAFA, le società multimiliardarie della Silicon Valley, hanno dimostrato che avevano ragione. Google, Apple, Facebook e Amazon sono diventati mostri tentacolari. Dalla Silicon Valley, in California, governano molti aspetti delle nostre vite quotidiane, in Europa, in tutti e cinque i continenti e persino nei luoghi più remoti del pianeta. Una parola riassume questa nuova forma di colonizzazione del pianeta da parte delle tecnologie digitali: gentrificazione, la gentrificazione di intere regioni da parte dei lavoratori digitali e dei loro valori. Una frase, che la dice lunga, riassume questo processo: rendiamo il mondo un posto migliore. Questo "mondo migliore", in realtà, non ha bisogno di essere creato o sintetizzato! Esiste già, devi solo lasciarlo manifestare.

Allora cosa è successo per passare dagli innocenti e puri valori delle pacifiche comunità hippie al capitalismo duro di Apple o Facebook?

Cosa è successo per passare dall'amore universale e libero del musical Hair agli algoritmi di Instagram che determinano matematicamente con quali persone connettersi per ottenere il massimo profitto dalle loro azioni?

Allora, cosa è successo per passare da queste idee utopiche di un pacifico villaggio globale al controllo assoluto di tutto e di tutti attraverso i Big Data di Google, in un Brave New World, un mondo "migliore" degno di George Orwell o delle peggiori distopie di Aldous Huxley?

Perché oggi le aziende Internet come Google, Amazon o Facebook sono così potenti che stanno piegando gli stati. Le statistiche GAFA 2020 probabilmente farebbero rizzare i capelli degli hippy degli anni ‘70, se fossero ancora lì e avessero ancora i capelli lunghi. Il numero cumulativo di utenti dei social media sul pianeta supera i tre miliardi e mezzo di persone. In Francia, il 100% dei giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni è connesso a Internet ogni giorno. Il valore finanziario di Google e Apple è stimato in oltre $ 1.000 miliardi, tre volte il PIL di un paese come la Danimarca. Lo stile delle foto di Instagram determina le tendenze. Un singolo hashtag può innescare milioni di reazioni. In breve, le tecnologie Internet controllano il mondo intero. Allora come siamo arrivati qui?

Per cercare di capirlo, torniamo a una legge fondamentale dell'universo, la legge di attrazione e repulsione. Per le prime comunità hippie, negli anni '70, la pace universale non era un'utopia, era una realtà vibrazionale e questa vibrazione doveva diventare una realtà incarnata nel mondo. Queste comunità volevano attirare una nuova era con la "legge di attrazione", con la sola forza delle loro intenzioni. Molto consapevolmente, queste comunità hanno visto il futuro offerto all'umanità dalle forze di quella che hanno chiamato "la Nuova Era dell'Acquario". E, con la forza della loro ideazione, stavano cambiando la loro coscienza per cambiare il mondo intorno a loro.

Con l'aiuto delle pratiche di meditazione e degli insegnamenti dell'induismo, alcuni microgrammi di LSD e funghi allucinogeni e molta intuizione, hanno esplorato i mondi sottili. Sono giunti alla conclusione che la forza più grande dell'Universo non poteva essere altro che l'Amore. Non solo amore libero, ma vero amore. Amore e Pace, la forza cosmica capace di fondere nei suoi caldi raggi millenni di brutalità, incoscienza ed egoismo. La forza che trascende e trasforma olocausti e genocidi, compreso il genocidio dei nativi americani, per i quali le comunità hippie degli anni '70 volevano assumersi sia la responsabilità che le conseguenze. L'amore, la forza che unisce gli opposti, unisce i nemici e armonizza le dissonanze. Amore e Pace erano per queste comunità della costa occidentale un'emanazione della legge fondamentale, la legge che vedevano manifestata nella Legge di Attrazione, tanto è vero che l'amore unisce, attrae e pacifica.

Gli informatici sanno che tutto nel nostro universo può essere codificato con 1 e 0. Il codice binario è anche la struttura di base del linguaggio dei microprocessori e del computer. Tutto ciò che esiste può essere definito dalla polarità positiva e negativa. La vita si esprime sempre con le sue due polarità, sia attraverso la procreazione fisica o la creazione intellettuale e artistica.

Nel nostro sistema nervoso, sono ancora queste due polarità che consentono alla coscienza di manifestarsi. La polarità esiste a tutti i livelli. Ad esempio, il sistema sensoriale conscio è in polarità con il sistema vegetativo inconscio. In ogni processo di apprendimento, deve essere presente la polarità. È necessario che ci siano un "giusto" e uno "sbagliato" per imparare qualcosa. La polarità è necessaria anche al livello più elementare del funzionamento della coscienza. È necessaria affinché la nostra coscienza possa semplicemente rappresentare la realtà. È la polarità tra "io" e "non io" che permette alla coscienza di manifestarsi. E questa nozione di differenza tra l’”io" e "ciò che non è l’io" non è così ovvia come si potrebbe pensare. Fino all'età di tre anni, ad esempio, il bambino non distingue bene tra il proprio corpo e gli oggetti che lo circondano. E quando raggiungiamo l'età adulta, molti di noi confondono le proprie emozioni con quelle delle persone intorno a noi. Nei sistemi che insegnano l'illuminazione immediata, come lo Zen in Giappone, è la coscienza dell’“io" il maggiore ostacolo alla liberazione, mentre il “non-io” è la porta dell'illuminazione.

Quindi, "io" o "non io"?

Per andare oltre, entriamo in noi stessi, nel nostro sistema nervoso. Dal 1990, i ricercatori hanno scoperto che nel nostro cervello ci sono cellule speciali che riflettono la polarità del mondo esterno. Queste cellule nervose si attivano quando eseguiamo un'azione... ma anche quando osserviamo qualcuno che compie la stessa azione. Studiando questi neuroni – che sono stati chiamati "neuroni specchio" – comprendiamo come gli esseri umani interpretano le intenzioni degli altri e iniziamo a comprendere il processo di apprendimento della nostra coscienza.

Questo è esattamente ciò che sta accadendo attraverso lo specchio dei nostri telefoni cellulari. Ed è anche la ragione del gigantesco sviluppo dei social network. Abbiamo bisogno, la nostra coscienza ha bisogno, di vedere un "altro" fare le cose che facciamo noi. La nostra coscienza ha un bisogno vitale di uno "specchio". E la coscienza in trasformazione ha bisogno di uno specchio mutevole.

Questo è senza dubbio il motivo dell'eterno ottimismo dei social network, la messa in scena della realtà quotidiana. Sempre più belle – grazie agli algoritmi di foto-ritocco di Instagram, sempre più amici – grazie alle storie di Facebook, sempre più forti e uniti – grazie agli hashtag… Abbiamo bisogno di queste immagini quotidiane di una realtà trascendente, perché da qualche parte dentro la nostra coscienza, c’è una certezza. La certezza che la realtà non può essere solo ciò che il mondo ci mostra. Deve esserci un significato in tutto questo. Un mondo più grande deve esistere da qualche parte nello spazio virtuale. Siamo sicuri: c’è qualcos'altro. Nel profondo di noi c'è questa certezza: l'amore deve manifestarsi. Dentro di noi sentiamo questa spinta, questa vibrazione e questa energia verso un mondo nuovo, più vero e più trasparente.

Oggi, ovunque, da Greta Thunberg a Pablo Servigne, vediamo questo impulso collettivo verso la libertà, l'autonomia, la trasparenza, l'autenticità, la condivisione. Questi valori non sono nati in noi per caso. Non sono nati per caso nelle comunità hippie della California. Questi valori sono le firme di un grande cambiamento globale, un cambiamento radicale che sta conquistando ogni società, il cambiamento che alcuni chiamano Era dell'Acquario.

Quindi l'Era dell'Acquario apparirà sullo schermo nero del mio cellulare? Sto guardando lo schermo nero proprio ora. Nel mio riflesso posso vedere chiaramente quella piccola scintilla nella parte inferiore dei miei occhi. Contiene la risposta alla domanda?

back to home pdf share