Art

Divisionismo – ovvero come il Verbo si fa carne

back to home pdf share

È noto il brano sopra citato del Vangelo di Giovanni (1,14) sul Verbo che si fa carne. Molte persone credono che si stia parlando di determinati eventi del passato, forse molto lontani. Tuttavia, non analizzeremo qui queste opinioni. Cercheremo invece di mostrare come questo testo abbia attinenza con la nostra realtà attuale, con la vita delle persone moderne.

Lo faremo sull’esempio della rivista Logon. In realtà, potremmo utilizzare molti altri esempi per questo scopo, come alcuni siti Web, un paio di altre riviste o persino i social media, ma Logon sembra molto adatto ai nostri scopi.

Ci si potrebbe chiedere se Logon abbia effettivamente uno scopo specifico nella sua attività. Possiamo presumere che molte persone trovino al suo interno testi che sono in una certa misura interessanti. È anche vero che ci sono articoli che il lettore medio può trovare di difficile comprensione. I loro argomenti sono così diversi o astratti che non è facile cogliere un messaggio chiaramente visibile. È possibile vedere un significato più profondo nell'attività di Logon

Cercheremo di spiegare il significato di tutto ciò facendo riferimento alla tecnica del divisionismo, una tecnica creata dai pittori impressionisti e ulteriormente sviluppata dai post-impressionisti. La sua caratteristica principale consiste nell’applicare macchie di colori “puri” in modo tale che, osservate da lontano, le loro combinazioni diano all'occhio l'impressione di vedere i colori complementari o le loro sfumature. In questo modo l'artista cerca di creare l'effetto visivo di vibrazione e luminosità che non può essere ottenuto semplicemente mescolando i colori.

Se osserviamo da vicino le opere dipinte con questo metodo, vediamo fondamentalmente solo una raccolta caotica di macchie multicolori. Solo osservando queste opere da lontano possiamo percepire più chiaramente l'immagine voluta. Ora trattiamo Logon come un'immagine di questo tipo e osserviamolo da diverse prospettive.

Come dobbiamo scegliere la distanza corretta? Innanzitutto immaginiamo che ogni articolo sia solo un punto in una composizione colorata che si sta creando. All'inizio non è ancora chiaro quale sarà la sua forma finale e alcune “macchie” potrebbero apparire non molto riuscite o non possedere bei colori. Altre potrebbero non corrispondere o adattarsi alla composizione.

Cosa potrebbe essere questa composizione, creata da Logon? È solo una raccolta casuale di impressioni personali, idee e informazioni che sono comparse nella mente di qualcuno? Certo, ma questo non significa che qualcosa di significativo non sorga in questo modo. Cerchiamo di trovare un senso in questo.

Ogni articolo, scritto da una persona, è in una certa misura un'espressione del suo stato d’essere, dello stato di coscienza e della vita di quella persona. Quindi si potrebbe pensare che Logon in qualche modo esprime uno stato di coscienza di una certa comunità multiforme di persone. Tutti gli autori cercano, più o meno consapevolmente, di trasmettere ciò che comprendono interiormente, utilizzando le proprie intuizioni e la propria istruzione per rappresentare queste idee. 

Logon può quindi essere visto come espressione di interpretazioni individuali dei messaggi ricevuti dagli autori. A volte questi messaggi sono diversi, ma a volte la stessa idea è al centro, espressa in modo diverso, poiché è facile capire che le stesse informazioni possono essere espresse in varie forme, proprio come gli artisti possono dipingere il cielo o le montagne in molti modi. 

Come possiamo essere certi che ci siano effettivamente dei messaggi che ci vengono trasmessi? Sembra che le persone abbiano sempre intuito l'esistenza di certi impulsi che dirigono il funzionamento del mondo. Li conosciamo con nomi come “Parola di Dio”, “Fato”, “Provvidenza”, “Destino”, “Piano del Logos”. A volte vengono anche chiamati “caso cieco”, “teoria delle probabilità”, “leggi della fisica”, “principio di selezione naturale” o “evoluzione”.

Gli esperti di teoria dell'informazione e genetisti tendono a credere che la quantità di informazioni contenute nelle strutture genetiche conosciute finora non sia sufficiente per codificare l'intera complessità degli organismi viventi. Ma c’è anche una vasta gamma di esperienze emotive e mentali che non sono limitate agli umani. Quindi è logico che ci debba essere un'altra fonte di informazioni che influenza lo sviluppo e la sostenibilità della vita sulla Terra. I geni, per esempio, possono essere visti come elementi di una manifestazione materiale di quella fonte; come il modo in cui “il Verbo si fa carne”.

Fin dalla nascita, tutti gli esseri umani sono invitati a collaborare con questi impulsi, conosciuti anche come Gnosi, che in sostanza significa la cognizione della giusta conoscenza. Parte di questa conoscenza ci arriva in modi diversi: attraverso il contatto e la comunicazione con altre persone, la visione di film, la lettura di libri o articoli in Logon, ad esempio. Ma può anche venire a noi dal nostro interno, sotto forma di intuito, conoscenza interiore, ispirazione, ecc., che sembrano apparire proprio quando siamo pronti a riceverli. Le persone percepiscono questa conoscenza interiore in modi diversi e reagiscono ad essa secondo il proprio stato di vita, per così dire su diversi livelli.

Esiste un modo corretto per rispondere a tali impulsi? Sì, ma può essere diverso per ognuno di noi, in quanto dipende dall'esatta natura delle informazioni che dovrebbero prendere forma in noi con forme mentali ed emotive più solide. Perché è in noi che questa informazione – la Parola – si fa carne, assumendo forme più reali, più percepibili. Può essere espressa attraverso vari tipi di arte, scoperte scientifiche o anche sotto forma di attività fisica. Ad esempio, in linea con la propria tradizione, alcune tribù di popolazioni indigene dell'Australia vagavano periodicamente lungo itinerari rigorosamente designati. In questo modo esprimevano il loro contatto profondo con questi impulsi, incarnandoli, cioè rendendoli reali per se stessi e per gli altri.

Ma torniamo a Logon e guardiamo l’intera immagine da una posizione più oggettiva, da una distanza maggiore. Perché le “macchie” stesse, anche tutte insieme e perfettamente composte, non creano ancora un'immagine. Ciò che occorre è una mente che osservi l'intera composizione e possa produrre l'impressione prevista. Questo effetto non è solo una raccolta delle percezioni dei singoli articoli e delle relazioni tra di essi, ma un'impressione più ampia, più complessa e più profonda, piena di vitalità e luminosità, come con la tecnica del divisionismo.

Questa mente osservante è creata da tutti i lettori degli articoli. Ogni lettore contribuisce alla creazione dell'immagine appropriata in modo molto individuale. L'impatto di questa immagine sulle persone, sentito intuitivamente da molti, aumenta con ogni nuovo “punto” e con ogni nuova percezione dei punti già esistenti. Influirà sull'umanità nel suo insieme, cambiando la natura del nostro mondo, come è successo molte volte nel corso della storia.

Influirà anche sugli individui, motivandoli interiormente a cercare la Verità e aumentando il loro livello di comprensione di ciò che sta accadendo intorno a loro. In questo modo, grazie alle persone, il Verbo si fa carne e abita in mezzo a loro. Possiamo vedere la sua gloria nella misura in cui lo permette la nostra capacità di percepire la conoscenza che porta. Questa capacità dipende dal grado in cui siamo liberi da stereotipi personali, familiari e culturali. Dipende anche da quanto il nostro pensiero è elevato a un livello di percezione appropriato, perché solo così possiamo percepire la Parola nella sua forma più piena, vedere più chiaramente Dio e contemplare la gloria che l’Unigenito riceve dal Padre, pieno di grazia e di verità.

back to home pdf share