eyes

Essere e "non essere" nei Tre Volti di Dio

back to home pdf share

Gli occhi: due piccoli fari

Per entrare in contatto con un'altra persona, la prima cosa che cerco è lo sguardo. Provo a leggere la sua faccia. Poiché molte persone, a causa della pandemia del Coronavirus, nascondono il viso sotto una mascherina, spesso il contatto è solo con i loro occhi. Gli occhi non si possono nascondere come le espressioni facciali. Il contatto attraverso gli occhi è più diretto, onesto e aperto. In generale, il viso gioca un ruolo importante quando si tratta di percepirsi l'un l'altro, comunicare qualcosa o focalizzare l’attenzione.

Gli occhi sono molto speciali. Non possono nascondere nulla. Sono il punto di attrazione speciale del nostro volto per gli altri, e per noi sono le finestre attraverso le quali guardiamo verso l'esterno per contemplare le cose e allo stesso tempo illuminare il mondo che ci circonda con due piccoli "riflettori". La loro vigilanza è spesso il punto di partenza per le esperienze.

Quando gli occhi guardano dentro

Inoltre, gli occhi possono fare di più. Possono essere chiusi per guardare dentro. Ci sono altri mondi nei quali vaghiamo, a volte felici, a volte ansiosi, tristi o molto desiderosi. Gli occhi hanno a che fare con la percezione. La percezione crea connessione, da cui scaturiscono movimento e dinamiche, l'inizio di ogni attività creativa.

A un esame più approfondito, gli esseri umani vivono in molti mondi, e ognuno con la propria realtà. Questi mondi non sono sempre belli. A volte si entra in essi cercando ardentemente, vagando attraverso di essi come nelle stanze di una grande casa. Qualcosa, profondamente radicato interiormente, spinge in avanti. Poi si cerca di sfuggire a questi mondi per costruirne di migliori. Questa è la sostanza di cui sono fatti i film e scritti i libri.

Nuovi mondi, apparenza o realtà

All'inizio degli anni settanta usci il film Il mondo sul filo del regista tedesco Rainer Werner Fassbinder. Il personaggio principale sviluppa un mondo virtuale al computer, e si rende conto lentamente di essere solo una parte di un mondo virtuale. Amici e colleghi pensano che sia pazzo, ma lui raccoglie incessantemente prove a sostegno della sua tesi e alla fine incontra una donna che funge da collegamento con il mondo reale e conferma tutti i suoi sospetti. Grazie a una storia d'amore egli infine trasferisce la sua coscienza al suo creatore originale e sfugge così dal mondo artificiale. Ma deve morire nel suo mondo originale per farlo.

Ci sono molte indicazioni nella scienza, nella religione e nell'arte, del fatto che il nostro mondo è una realtà assoluta per noi solo finché ci crediamo fermamente. Nel libro Il Mondo di Sofia di Jostein Gaarder, Sofia scopre di essere solo la protagonista di una storia d'autore. Sofia deve liberarsi dal libro dell’autore ribaltando la storia ed entrando nel mondo delle idee come Sophia – la saggezza – come forma eterna. Si tratta delle domande fondamentali dell'umanità: "Chi sono io?" e "Cos'è questo mondo in cui vivo?"

La ricerca dell'origine

Tali argomenti hanno un grande fascino perché abbiamo in noi la conoscenza della nostra esistenza in mondi illusori e la pulsione alla ricerca della verità. Miti e storie della creazione mostrano in modo impressionante quanto possa essere diversificata questa ricerca. Ad ogni modo, questi miti e queste storie danno alle persone un'idea della loro origine.

Le storie della creazione mostrano che l'origine ha molti volti, i quali variano notevolmente a seconda delle persone e della cultura.

Nell'Apocrifo di Giovanni, uno scritto gnostico trovato vicino alla città egiziana di Nag Hammadi nel 1945, si può trovare l'origine e lo sviluppo della creazione descritti come un'interazione di tre "volti di Dio". Nel volto dell'"innominabile" si sviluppa l'idea di un essere umano creato ad immagine di Dio. Nel secondo volto si sviluppa uno spazio creativo di realizzazione, in cui prendono vita tutte le dinamiche che rendono riconoscibili le idee e i pensieri del primo volto. Infine, nel terzo volto, si forma la polarità della luce e delle tenebre, in cui lo sviluppo dell'essere umano a immagine di Dio diventa possibile attraverso l’esperienza.

Potenziale, dinamismo ed esperienza

Il "volto delle idee" guarda ad occhi chiusi. È innominabile perché non c'è nessuno più grande che possa dargli un nome. È inconoscibile perché nessuno arriva abbastanza in profondità per vederne l'essenza. La fisica parla di pura potenzialità, alcune indicazioni religiose semplicemente di "nulla". Non mostra dinamismo, nessun movimento e nessuna attività.

Il secondo volto, quello della realizzazione, nasce dal primo; è pura luce, una luce di suprema bellezza. Questo volto è puro amore, e genera dinamismo dalla potenzialità del primo volto, in onore di Lui, l'Altissimo. Si guardano: il primo è l'idea; il secondo il suo pensiero. Così nascono la conoscenza, l'incorruttibilità, la vita eterna e la verità. In questo modo, un "eone" immortale si dispiega dal secondo volto in stretto coordinamento con il primo, dando vita ad altri eoni e popoli.

Tuttavia, l'immagine non è ancora completamente creata. Perché con la creazione attraverso la luce del secondo volto si sviluppò anche l'oscurità, che non era una componente del primo volto. Mentre questa oscurità assume essenza e vita, nasce il terzo volto, una creazione che non è più una componente del primo volto. La terza creazione vive della luce del secondo e conduce alle tenebre.

Il terzo volto crea un mondo che non conosce più l'intera creazione, ma porta ancora al suo interno il primo e il secondo volto come un’intuizione. Genera vita capace di incontrare lo sguardo del primo e del secondo volto, perché inconsciamente li porta nel suo essere. In un mondo di esperienza, la vita matura in conoscenza, saggezza e amore. Infine, la visione cosciente del primo e del secondo volto produce un essere umano, un essere duale che appartiene a più mondi. Attraverso l'esperienza diventa consapevole del lato oscuro della creazione, attraverso la maturazione del lato chiaro. Questo essere umano si sviluppa a somiglianza di Dio, ritorna così al tutto della creazione.

Da abitanti delle caverne a immagine di Dio

Proprio come il secondo volto apre i suoi "occhi" secondo il suo ritmo e guarda nel mondo del terzo volto, così lì, in reazione a ciò, l'alta cultura segue l'alta cultura, in cui si sviluppano esseri umani che possono vivere nella totalità della creazione. Sotto il loro sguardo, si rendono conto dapprima di essere solo "abitanti delle caverne". Cominciano a chiedersi: "Chi sono io?", "Da dove vengo?" Le domande e la realizzazione portano al potere del secondo volto che circola in loro, e creano un nuovo corpo mente-anima che il terzo volto deve eventualmente liberare. Ciò che inizia con le domande finisce in un corpo di saggezza e amore. Con questo, le persone trasformate entrano finalmente in un "Nuovo Mondo" in cui la conoscenza di tutti e tre i volti diventa una cosa normale.

back to home pdf share