Men

Essere o non essere

back to home pdf share

Tutti abbiamo la libertà di essere o di non essere. Significa che abbiamo la possibilità, il potenziale interiore, di vivere in armonia con le leggi dell'universo. Con “universo” non intendo solo il mondo materiale come lo conosciamo, ma l'insieme dei mondi visibili e invisibili in cui tutto è intrecciato e connesso.

Abbiamo questo magnifico potenziale interiore, ma come funziona nella nostra vita quotidiana? La parola “libertà” non lascia l'amaro in bocca quando guardiamo alla nostra pratica quotidiana? Non siamo forse diventati schiavi di un sistema economico molto distruttivo?

Alcuni anni fa, mentre guardavo il film Crazy Heart, rimasi colpito dal testo di una canzone [1] interpretata dal protagonista “Bad Blake”, un tormentato cantante country. Ecco una parte del testo:

Sono andato dove non dovrei andare.

Visto chi non dovrei vedere.

Fatto quello che non dovrei fare.

Sono chi non dovrei essere.

È buffo che cadere sia come volare.

Almeno per un po’.

Queste parole contengono molta esperienza di vita, molta saggezza. Soprattutto nella frase particolarmente azzeccata: “È buffo che cadere sia come volare…” Pensiamo che stiamo volando verso i nostri obiettivi, i nostri desideri, il nostro senso della vita auto-costruito. Quello che non sappiamo è che volare è come cadere. Ma poi, con umorismo e senso della realtà, arriva l'inevitabile "almeno per un po’". Abbiamo toccato terra. La realtà frantuma i nostri sogni, spezza le nostre ali.

Posso incolpare qualcuno per questo? Sì, me stesso. Sono andato dove non dovevo andare, visto chi non dovevo vedere, fatto quello che non dovevo fare e sono chi non dovrei essere. Allora la domanda è: dove devo andare e chi dovrei essere?

Devo andare in un determinato posto per essere libero? La risposta è: sì e no. Beh, questo non aiuta molto. Il problema è che se lo comprendiamo in modo ordinario – devo fare la valigia e andare in Tibet – allora la risposta è “no”, perché ci portiamo sempre con noi, siamo i nostri stessi carcerieri.

Sì, devo andare in un certo posto. Per fare questo devo prima riconoscere che libertà non significa liberazione di me stesso, ma liberazione da me stesso. Posso aprirmi alla coscienza globale che si crea dentro di me. Là, dove il mio essere si muove nelle "acque della Vita".

Dove sono queste acque di libertà? Gesù, il Cristo, disse di se stesso che non aveva un posto dove posare il capo. [2] La sua realtà, il livello vibrazionale della sua coscienza, era molto al di sopra delle condizioni terrene. In questo senso, il suo campo energetico non poteva mai trovare uno stato di risonanza, di armonia, all'interno delle circostanze della vita dualistica terrena. Non aveva un posto dove posare il capo. Ma disse anche: “Il mio regno non è di questo mondo”. [3]  Le cose erano ben diverse nella sua realtà superiore, governata dalla legge dell'Amore universale; lì poteva posare il capo. Gesù il Cristo ci ha invitato a unirci a Lui nella sua realtà superiore. Voleva liberare il vero essere umano dalla sua prigionia, riscattare l'anima-spirito dalla schiavitù. In questo senso, la risposta alla domanda: “Devo andare da qualche parte per essere libero?” è sì!

Se siamo stanchi della miseria e della sofferenza, della crudeltà e delle guerre, se siamo stanchi di noi stessi, possiamo andare da qualche parte a vivere in libertà e armonia? Dovremmo collegare questa domanda con il verso del testo “Sono chi non dovrei essere". Ma chi sono io e chi dovrei essere?

Non è una domanda facile. Un essere umano è un sistema molto complesso. Innanzitutto, dobbiamo tenere conto del fatto che siamo costituiti da una parte mortale e da una parte immortale. La parte mortale è la nostra personalità, la parte immortale la chiamiamo microcosmo o monade. Se ci concentriamo sulla parte mortale, vediamo che è una composizione molto complessa. Tutti noi abbiamo una quadruplice personalità in cui risiede una triplice coscienza-ego. Se vogliamo capire di più su noi stessi, dobbiamo investigare questa triplice coscienza-ego.

Se confrontiamo la nostra personalità con un'auto, allora l'ego è il guidatore. In generale, non siamo consapevoli che l’ego non è un unico centro operativo, ma consiste di tre centri separati di coscienza che interagiscono caoticamente. Nel suo libro Il Nuovo Tipo Umano, Jan van Rijckenborgh fornisce una descrizione molto chiara di questa situazione. La potete trovare nei capitoli La natura dell’imprigionamento dell’uomo e Nessun ponte unisce l'uomo naturale all’uomo spirituale.

Abbiamo un centro di coscienza nella nostra testa, connesso alle nostre capacità mentali. Il secondo centro di coscienza è nel nostro cuore, collegato ai nostri sentimenti ed emozioni. Il terzo centro di coscienza è nel nostro bacino. Questo terzo centro è il nucleo più fondamentale e primitivo della nostra coscienza-ego ed è collegato ai nostri istinti e pulsioni. Questo terzo ego riguarda la sopravvivenza e la gratificazione dei nostri desideri. Ogni essere umano è dotato di un tale triplice ego, e questo ci mette in una posizione abbastanza difficile. È come se ci fossero tre guidatori in macchina. Quando la testa vuole girare a destra, il cuore interferisce e tira il volante a sinistra. Per completare il caos, il terzo ego interviene e mette l'auto in retromarcia. Dove stiamo andando?

L'umanità ha cercato di risolvere questo problema con l'educazione e la cultura. Ma solo gli ego nella testa e nel cuore possono essere educati e coltivati. Il terzo ego rimane sempre la bestia brutale che vive secondo il principio della sopravvivenza. Per le persone colte, per le persone che vivono secondo alti ideali e lottano per il bene, questo terzo ego è fonte di dolore e delusione. Vorremmo chiudere gli occhi su di esso, negarne l'esistenza e nasconderci dietro la nostra cultura. Ma non è una soluzione. La storia dell'umanità, intrisa di sangue, lo dimostra. Per arrivare a una valutazione oggettiva di noi stessi, per raggiungere una vera conoscenza di sé, dobbiamo accettare anche questa parte di noi stessi.

Un essere così imprevedibile non potrà mai raggiungere la “libertà”. Sarebbe semplicemente troppo pericoloso per l'intera creazione. La libertà può essere concessa solo a coloro che sanno gestirla in modo responsabile. Non importa quanti libri abbia letto “la volpe”, se finisce in un pollaio, il risultato è certo. Allora tutti gli sforzi dell'umanità sono vani? Le nostre mani saranno sempre macchiate di sangue? No, c'è una soluzione! C'è una via per la libertà, una via per la liberazione!

La possibilità della liberazione non si trova nella nostra parte effimera, nella nostra personalità, ma nella parte immortale, nel nostro microcosmo. Nel rapporto che possiamo instaurare con lei c'è la porta della libertà. Quando apriamo questa porta, apriamo la possibilità di una trasformazione totale della nostra coscienza. Il problema è che non siamo consapevoli del nostro microcosmo, ne ignoriamo l'esistenza e iniziamo a costruire sulla base sbagliata, sulla “pietra angolare” sbagliata. La pietra angolare sbagliata è la triplice coscienza dell'ego; è il “Bad Blake” che vive in tutti noi. Ora, per favore, prestate attenzione a una citazione mistica della Bibbia:

Ecco, io pongo in Sion una pietra d'angolo, scelta, preziosa, e chi crede in essa non resterà deluso.[4]

Forse non è facile da capire, ma indica una realtà interiore: c'è una pietra angolare spirituale; è il centro, il cuore del microcosmo, il cuore della nostra parte immortale. Se iniziamo a costruire su questa pietra, ricostruiremo il sacro tempio umano in cui vive lo Spirito. Allora diventeremo veri esseri umani, allora saremo trasformati da esseri umani naturali in esseri umani spirituali. Allora saremo liberi.

La pietra angolare spirituale, il centro del microcosmo, è un tesoro in cui l'immagine del vero essere umano è custodita come un'eredità sacra. È di questa immagine che si può dire che “Dio creò l'uomo a sua immagine”. [5]. Quando scopriamo questo tesoro perduto in noi stessi, allora stiamo facendo quello che dovremmo fare. Quando questa immagine riacquista forza e prende vita, quando viene animata, allora vediamo chi dovremmo vedere: il nostro vero Sé!

Allora possiamo dire con gioia: “Sono andato dove dovrei andare, e ora sono chi dovrei essere!”

 


[1] https://www.youtube.com/watch?v=RX4-U2r4lS0

[2] Matteo 8:20

[3] Giovanni 18:36

[4] 1 Pietro 2-6

[5] Genesi 1:27

back to home pdf share