Hölderlin Turm

Friedrich Hölderlin: Metà della Vita

back to home pdf share

Friedrich Hölderlin nacque il 20 marzo 1770. Quest'anno festeggiamo il suo 250° compleanno. Morì il 7 giugno 1843. Al momento della sua nascita, l'"Età dell'Oro" del classicismo tedesco stava sorgendo; morì come uno degli ultimi grandi classici.

Dove troviamo la verità? Nella religione? Nella filosofia? Nell'arte? O solo nella “nuda vita”? Per trovare la verità su un artista, dobbiamo leggere la sua biografia o le sue opere? Diamo uno sguardo più da vicino.

La vita di Hölderlin

Cosa sappiamo di lui?

Cresce nel piccolo paese rurale di Nürtingen, sulle rive del fiume Neckar. Trascorre un'infanzia felice e sognante, profondamente immerso nella rigogliosa bellezza della natura: Sono cresciuto nell'armonia del boschetto sussurrante e ho imparato ad amare tra i fiori. Sono cresciuto tra le braccia degli dei. Seguirono anni di severa austerità nella scuola del monastero di Maulbronn, insieme a studi di teologia protestante presso l'accademia di Tubinga. Ma non diventa pastore, come sua madre desidera, non può. La sua stessa religiosità, nutrita da profonde fonti interiori, non lo permette, è inconciliabile con la ristrettezza del dogma protestante.

Seguirono anni di viaggi irrequieti, cambiando sovente l'impiego di tutor. Nella casa del banchiere Jakobus Gontard a Francoforte, come insegnante privato del  figlio, incontra Susette, la moglie di Gontard. In lei vede la realizzazione personificata del suo desiderio del complemento perfetto. Susette, graziosa e santa come una sacerdotessa dell'amore, come fosse intessuta dalla luce e dall'aria, così spirituale e delicata. Presto entrambi condividono un amore sincero e vivace. Il destino concede loro due anni, poi lo smascheramento. Hölderlin è costretto a partire. In un primo momento le resta ancora vicino, incontri rari e fugaci e scambio di lettere dolorose. Alla fine, Hölderlin si allontana. Sente che in lui sta avvenendo un cambiamento: Dolore, amorevole spirito familiare, lontano da te tutti gli spiriti della morte suonano sulle corde del mio cuore.

Alla fine anche i suoi amici se ne accorgono. Holderlin scivola, con la sua coscienza lucida, nell'illusione. Eppure continua a scrivere, determinato, senza riguardo per se stesso. Crea elegie e inni lunghi e sfaccettati, le sue opere più grandi e più profonde: l'ode Patmos, La Celebrazione della Pace, la sua grande visione della seconda venuta di Cristo e, infine, la breve poesia Metà della Vita.

Dopo aver appreso che Susette è morta, lo shock lo spinge ancora più in profondità nella follia. All'età di 36 anni viene ricoverato nell'ospedale psichiatrico di Tubinga e, l'anno successivo, è affidato alle cure di un maestro falegname di nome Zimmer. Vivrà per altri 36 anni in una piccola stanza della torre sopra il fiume Neckar, in uno stato di squilibrio mentale, interrotto occasionalmente da momenti di chiarezza pieni di luce. Poi, finalmente, la morte lo accoglie.

Hölderlin Portrait

Autore del ritratto: Franz Karl Hieme

 

Metà della Vita

Non c'è bisogno di interpretare questa poesia, è così vicina alla vita di Holderlin. Guardiamo però il disegno artistico: non c'è un "io" in questa autobiografia lirica; l'autore rimane velato, tutto diventa suono (o risonanza):

Con le sue pere gialle

e rose selvatiche ovunque

la riva è sospesa nel lago.

Hölderlin evoca l'opulenza della natura e la bellezza dei suoi doni: la riva è "sospesa" nel lago, il cielo e la terra si toccano.

O amabili cigni,

È il poeta che parla, il “cigno che canta”.

ubriachi di baci

Egli è ubriaco dei baci, delle benedizioni della vita, delle intuizioni del trascendentale.

immergete la testa

nell’acqua sobria e sacra.

Si immerge nelle acque di un etere celeste, purificatore e divino. Ma poi:

Ahimè,

Un grido! Il destino sta crollando, il bardo è minacciato dal silenzio, il cigno, lui, che si è immerso nelle acque celesti:

dove trovare, quando

è inverno, i fiori, e dove

il raggio del sole,

e l’ombra della terra?

Dove potrebbe andare senza la pienezza della vita, senza il grazioso gioco degli eventi?

I muri stanno

senza voce e freddi,

Dove può andare, privato del dialogo intimo con il celeste? E il muro? Non è ancora la fine.

e le bandiere tintinnano al vento.

La follia si nasconde oltre il muro.

Che poesia, che sintesi di 73 anni di vita in quattordici versi! La verità di questa vita è completamente contenuta in essa, e tuttavia non dice nulla sulla personalità di colui che ha vissuto questa vita e ha scritto questa poesia. Abbiamo così un esempio di come la verità possa essere contenuta molto bene nell'arte, ma trasformata, elevata nell'impersonale – e quindi nell'imperituro.

E quel che resta, i poeti trovano (Holderlin).

 

back to home pdf share