Cathars, Foix

I Catari: pira funeraria a Montségur, 777 anni fa – Parte 2

back to home pdf share

(Parte 1)

Il nulla agisce come un potere irreale invisibile solo attraverso la sua attrazione e riceve un'esistenza in prestito dalle paure dell'uomo. Il male sorge nelle anime intrappolate nella materia e indebolite dall'attrazione del nulla.

Crociata contro i cristiani

Blanca era la signora di Laurac, un feudo nel Lauragais, una regione considerata un epicentro dell'eresia durante l'Inquisizione. Era una devota catara (une croyante) e, rimasta vedova in età avanzata, si trasferì con la figlia minore in una delle "case" del villaggio. Dopo la sua iniziazione visse la vita di una Bonne Femme.

Come Bonne Femme aveva gli stessi diritti e doveri dei suoi fratelli maschi. Poteva diventare Priora della Maison, poteva predicare e officiare tutti i riti, anche dare il Consolamentum. Ai Bons Hommes era riservato solo l'ufficio di vescovo.

Blanca ebbe cinque o sei figli, i quali divennero tutti catari devoti. Una delle sue figlie fu coinvolta in uno dei primi grandi processi dell'Inquisizione nel 1238. Un’altra figlia, Guéraude, viveva a Lavaur (Lauragais) e quando il luogo fu attaccato durante la prima crociata nel 1211, suo fratello, un potente signore occitano, si precipitò in aiuto della sorella. Fu crudelmente assassinato insieme ai suoi 80 cavalieri. Guéraude è entrata nelle cronache della crociata come Na Geralda. Fu gettata in un pozzo e uccisa con una pioggia di sassi dai soldati della crociata. In questo attacco a Lavaur, 400 catari furono bruciati sul rogo.  [1]

777 years

 

Nel 1244 le pire furono accese al castello di Montségur, ultimo rifugio della Chiesa dei Bons Hommes. Nonostante questa devastante sconfitta, Pierre Authier (all'epoca notaio del conte di Foix), suo fratello, suo figlio e alcuni audaci compagni consentirono una brillante rinascita del catarismo nella contea di Foix e a Tolosa, finché anche loro furono catturati dall'Inquisizione e condannati al rogo nel 1310. L'ultimo Bon Homme, G. Bélibast, fu ucciso nel 1321.

La filosofia del catarismo

La spiritualità cristiana nell'anno 1000 era del tutto dualistica. Vedeva il mondo come la scena di un conflitto tra due forze opposte, quella del bene e quella del male. I monaci e i cavalieri ecclesiastici erano considerati i buoni, i miscredenti e gli eretici i cattivi. Sopra le forze opposte c'era un solo Dio Onnipotente. Concentrarsi su un Dio che governa il bene e il male, tuttavia, non fornisce ancora una risposta alla domanda: da dove viene il male? Per i Catari, la domanda era: come può essere che una Chiesa che vuole rappresentare la potenza di Dio sulla terra perseguiti e uccida i cristiani?

Nei secoli XII e XIII i loro studiosi svilupparono una visione dualistica le cui radici trovarono nella Bibbia, specialmente nel Vangelo di Giovanni. La Parola divina dice: "Tutto è stato fatto per mezzo di lui; e senza di lui nulla è stato fatto di ciò esiste" (Gv 1,3).

Per i Catari questa frase non aveva alcun senso logico. Perché l'affermazione che tutte le cose sono fatte per mezzo di lui dovrebbe ancora trovare conferma in una doppia negazione?

Trovarono una spiegazione che li convinse negli scritti gnostici ebraici dei Naasseni. I Naasseni (nel II secolo) basarono la loro interpretazione del brano del Vangelo di Giovanni sul testo originale greco, che tradussero come segue: "Tutto è stato fatto per mezzo di lui, e senza di lui è stato fatto il nulla".  [2] 

I Catari adottarono questa versione nel loro Nuovo Testamento (Le Nouveau Testament Occitan, una copia del quale è conservata a Lione) in occitano: sans lui es fait nient. [3]  Essa divenne uno dei fondamenti del loro dualismo assoluto. [4]

Sia in Italia che in Occitania, il dualismo assoluto assunse un'impronta filosofica a metà del XIII secolo. A causa dello sviluppo della teologia nelle prime università d'Europa (soprattutto in Italia) e della scienza della scolastica in esse insegnata (argomentazione scientifico-metodica basata sulla logica aristotelica), gli studiosi catari iniziarono a razionalizzare e a presentare filosoficamente l'immaginario spesso confuso delle mitologie gnostiche. Purtroppo, a parte pochissime opere, questi scritti filosofici sono andati perduti.

Probabilmente lo scritto filosofico più importante dei Catari è Il Libro dei Due Principi (Liber de duobus principiis) di Giovanni di Lugio, che divenne Vescovo dei Catari di Desenzano (Lago di Garda) intorno al 1250.  [5]

Il libro dei due principi

Il dualismo assoluto presuppone due principi opposti che operano durante il processo divino della creazione. Alla base di questi due principi vi sono due diverse sostanze dell'essere: l'essere assoluto divino tutto-bene e l'assoluto nulla o non-essere. Il nulla è già presente all'inizio della creazione. Non è malvagio, lo diventa più tardi, nelle anime intrappolate nella materia e indebolite dall'attrazione del nulla.

L'interrogatorio di un cataro davanti all'Inquisizione nella contea di Foix nel 1320 suggerisce come i semplici credenti sperimentassero il dualismo assoluto:

Hai mai avuto un insegnante che ti ha insegnato gli articoli di fede che hai appena confessato?” “No, li ho scoperti io stesso mentre pensavo al mondo. Da quello che percepisco in esso, non credo che Dio l'abbia creato. [6] 

Il processo divino della creazione

Il bene assoluto

Il non essere assoluto

esce dalla sua eterna e trascendente unità totale e crea le anime umane attraverso la sua luce.

contemporaneamente entra nel processo dal suo vuoto assoluto, quindi il tempo viene in essere.

D'ora in poi, la creazione divina è soggetta al tempo.

 

Attraverso il processo temporale, le anime sperimentano una diversa densità di irradiazione attraverso la luce divina.

A contatto con la luce, il nulla agisce come resistenza e limitazione.

 

Il nulla agisce come un potere irreale invisibile solo attraverso la sua attrazione, e dalle paure dell'uomo riceve un'esistenza in prestito.

Innanzitutto la materia soccombe a questa attrazione del nulla, poiché contiene la più bassa pienezza dell'essere, e tutti gli elementi sono disordinati. Questo trascina con sé molte anime, che si confondono, si connettono con la materia e quindi peccano.

 

Così nasce il mondo dell'essere misto: un miscuglio dell'essere (melange) del bene e del male. La creazione di Dio è ancora imperfetta.

Quando la luce si mescola con l'oscurità, fa risplendere l'oscurità. Ma quando l'oscurità si mescola alla luce, la luce diventa oscurità e non è più luce. È malata. (Apocrifo di Giovanni)

"Capire il bene"

– questa era una frase che i Catari pronunciavano per farsi conoscere con discrezione durante il tempo della persecuzione.  [7]

Era questa giusta comprensione del bene che interessava Giovanni di Lugio nella sua opera. Disse:

Poiché a molte persone è impedito di riconoscere la vera verità, ho deciso di illuminare coloro che la comprendono. Per calmare la mia anima, spiego la vera fede attraverso le testimonianze delle Sacre Scritture con argomenti veri, dopo aver preventivamente invocato l'aiuto del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. [8]

Di Lugio spiegava che Dio può operare nella sua creazione in diversi modi:

Da un lato, può intensificare il suo potere di essere nelle anime che lo bramano, in modo che possano resistere al nulla.

Inoltre, in cooperazione con l'uomo, può trasformare il male in bene attraverso il potere degli opposti. Può operare la sua grazia e può rivelare all'uomo la verità, la radiazione divina, che nei Vangeli si pone come la Buona Novella. Dio combatte nell'uomo stesso quando lo serve. Le preghiere e i riti dell'uomo sono sacrifici di cui Dio ha bisogno per trasformare il male in bene. Dio ha bisogno dell'uomo per perfezionare la sua creazione.

E infine, Dio acquista potere nel tempo attraverso la sua eternità rendendo possibile la reincarnazione per l'anima umana. Attraverso la sofferenza che l'uomo sperimenta, può diventare cosciente del nulla e acquisire il potere di trasformarlo.

Tutte le anime umane un giorno saranno salvate, secondo il messaggio di Giovanni di Lugio. Anche le anime degli inquisitori...

"Nel Catarismo c'era qualcosa che non si spegneva con la pira funeraria" (Jean Duvernoy). [9]

 


[1] Anne Brenon, Cathares – La contre-enquete, p. 75 ff

[2] Michel Roquefort, La religion cathare, Paris 2009, p. 277

[3] Ibid., p. 279

[4] Oltre al dualismo assoluto, c'era anche un "dualismo moderato" tra i catari che si avvicinava all'insegnamento cattolico. Attribuiva la creazione del mondo a un angelo caduto. Questo angelo si era levato contro il Dio onnipotente e da allora aveva tenuto prigioniere le anime umane in questo mondo. A metà del XIII secolo, tuttavia, il dualismo assoluto divenne sempre più prevalente.

[5] Renè Nelli, Ecritures cathares, Monaco 2011, p. 75-185

[6] Michel Roquebert, op. cit.

[7] Anne Brenon, Dico des Cathares, a.a.O., p. 82/83

[8] Renè Nelli, La Philosophie du catharisme, Paris1975

[9] Jean Duvernoy, La religione dei Catari, Edizioni Mediterranee, 2000

back to home pdf share