way of light

I numeri raccontano la storia della vita Parte 4

back to home pdf share
To part 3

Il famoso teorema di Pitagora è essenzialmente l'espressione di una legge generale della vita. Mostra in modo geometrico come, sulla base del principio maschile, il tre, e il principio femminile, il quattro – come tesi e antitesi interrelate da un angolo retto (distinzione cosciente) – la sintesi sia generata. Questo può essere visto come il "principio del bambino". Questo "bambino" collega i genitori l'uno con l'altro; è l'ipotenusa.
Il triangolo rettangolo con i cateti di lunghezza tre e quattro e l'ipotenusa cinque è talvolta chiamato il “Triangolo d'oro”. Il tre, espressione del concetto di uomo, il principio maschile (spirito, mente, energia...), trova il suo completamento nel quadrato del tre, il più alto che sia possibile nel mondo del tre:

 

32

È il compimento del principio maschile.
Il quattro, espressione del concetto di donna o principio femminile (intuizione, resa...), trova il suo completamento nel quadrato del quattro, il più alto che sia possibile nel mondo del quattro:

 

42

It is the fulfilment of the feminine principle.

If man and woman as a unity achieve the highest, the utmost, of what they are able to achieve, they will join as

32 + 42 = 52   or   9 + 16 = 25

Allora venticinque è il quadrato di cinque, il compimento del cinque. Questo è il frutto desiderato, la manifestazione, il bambino. È il frutto dell'uomo e della donna, quando diventano un'unità, entrambi nel compimento di se stessi. Così nasce il nuovo.
Il triangolo trasversale della piramide di Chefren in Egitto consiste di due triangoli d’oro, i cui lati corti formano un angolo retto e la loro lunghezza è proporzionale a tre e quattro. L'ipotenusa, che rappresenta il cinque, conduce verso l'alto, alla cima della piramide.

 

Nell'immagine della piramide, così come nel teorema di Pitagora, è indicato il percorso assegnato come compito alla vita umana. È un sentiero che ci separa dall'attaccamento materiale, e ci conduce al mondo del quattro nel mondo dello spirito. In generale, la cima di ogni piramide con base quadrata rappresenta il cinque. Dal quadrato, il quinto punto, la cima della piramide, la quintessenza sorge sopra il suo centro.

Il mondo materiale e manifestato del quattro ha bisogno di un polo opposto, una controparte che sia generato da esso; ha bisogno di una coscienza che sia in grado di comprendere che il mondo terreno è anche soggetto alla legalità e all'ordine ed è governato secondo le leggi spirituali dell'anima. Questo polo opposto è l'essere umano, il cinque, che si erge perpendicolarmente alla terra. È la giustificazione; è concepito come un organo per riconoscere Dio. Possiamo vedere il suo compito nel simbolismo della piramide.

L'essere umano si sviluppa dal quattro. Possiamo rappresentarlo simbolicamente quando si erge sulla terra e allarga le braccia. Forma quindi una croce. È suo compito è mediare tra il mondo concreto, terreno (l'asse orizzontale) e la terra divina primordiale (l'asse verticale) e superare gli opposti. Proprio come una persona, quando è in piedi, occupa il suo posto tra il cielo e la terra, il cinque occupa la posizione centrale nell'intervallo numerico da uno a nove. Si trova nel mezzo dell'arco di tensione tra il cielo e la terra:

 

I numeri raccontano la storia della vita
.

Il cinque è anche la somma di due – la polarità nella materia – e tre – la vittoria sulla divisione nel potere divino.

2 + 3 = 5

Nella cultura ebraica e indiana, il cinque esprime la volontà umana creativa e i suoi poteri individuali interiori. Il cinque è indivisibile. Indica l'individualità, l’indivisibile nell'essere umano. Ne diventiamo consapevoli attraverso il collegamento del due con il tre. Se un essere umano è maturato dall'esperienza, è in grado di crescere dal semplice individuo all'individuo creativo, la perfezione del cinque.
Questo mistero diventa chiaro, quando osserviamo le figure geometriche, appartenenti al cinque, il pentagono e la stella a cinque punte (il pentagramma).
Il pentagramma era venerato come un segno sacro, e la sua costruzione fu tenuta segreta fino al XVI secolo. È sempre stato un simbolo dell'ordine divino. Senza il cerchio (il simbolo dell'unità) e la croce (la sua sezione trasversale), non può essere costruito. La relazione tra il pentagramma, il cerchio e la croce, simboleggia il percorso cui è chiamato l’essere umano cercatore. La via d'uscita dal mondo del quattro diventa possibile per lui, attraverso la resa di tutto il suo essere al mondo dell'uno. In questo contesto, l'anima si trasforma in un pentagramma.

 

 

pentagram 2
.

Se osserviamo il pentagono, un collegamento con l'infinito potrebbe essere suggerito dalla seguente costruzione: Da un angolo, per esempio quello superiore, possiamo costruire una serie di pentagoni o pentagrammi che, uniti tra loro, diventano sempre più piccoli e crescono verso l'angolo superiore che li collega. Viceversa, sembra anche che sempre più pentagoni e pentagrammi crescano verso l'esterno all'infinito. In questo modo, possiamo immaginare che il pentagono più piccolo sia un simbolo del microcosmo, nel quale si riflettono i segreti del macrocosmo.
Allo stesso modo possiamo riconoscere che anche all'interno di ogni pentagramma c'è un pentagono in cui può essere costruito un pentagramma, e così via. Il pentagramma è quindi un simbolo dell'uomo che è incorporato nel tutto cosmico.
Il pentagramma contiene un altro segreto: quello della sezione aurea o della proporzione divina. Anche le membra umane hanno queste proporzioni: con le braccia distese, la proporzione della lunghezza del braccio rispetto alla larghezza delle spalle più la lunghezza del braccio è quella della sezione aurea. Lo stesso vale per tutte le altre parti del corpo umano: mani, dita, gambe, testa e tronco.

 

 

pentagram
.

Questa relazione simboleggia che, sebbene vi sia una separazione dal tutto, la parte separata rimane ancora connessa al tutto.
Durante il Medioevo, nella Cabala di Heinrich Cornelius Agrippa, la figura del corpo umano con le braccia e le gambe distese è raffigurata come un pentagramma.
L'uomo è chiamato alla libertà e possiede un corpo come strumento, corpo che mostra le leggi della divisione divina. Lo vediamo in particolare nelle sue membra.
Se una persona percorre la strada del divenire cosciente, guadagnerà anche più potere dalla sua crescente conoscenza, e la sua libertà e indipendenza cresceranno. Un tale individuo può sempre scegliere di usare la sua libertà in due modi.
Conosciamo anche due modi per rappresentare il pentagramma: o con una punta in alto o con due punte in alto. Quest'ultimo si riferisce alla dualità ed è spesso associato al male, al diavolo dalle due corna, all'angelo caduto.

Il percorso da uno a cinque descritto finora comprende l'inizio del divenire coscienti, i passaggi della percezione, della crisi, della decisione e la visione così acquisita delle cose e la realizzazione del loro significato.
Inoltre, questo percorso implica un continuo approfondimento e purificazione nel mondo della materia attraverso il riconoscimento degli opposti e della transitorietà di tutto ciò che è terreno. Questo è il motivo per cui la via conduce verso l'interno, verso il principio spirituale nel cuore.
In questo modo, il cinque si eleva dal quattro. Se un essere umano riconosce, sulla base della somma delle sue esperienze e delle relative purificazioni, i principi in base ai quali è stata formata la vita, al suo quinto stadio comincerà a condurre realmente e coscientemente la propria vita secondo le leggi spirituali. Inizia così il suo percorso di iniziazione, la rinascita interiore dallo Spirito, dalla scintilla di Spirito nel cuore.
Se consideriamo l'origine geometrica del pentagono, possiamo riconoscere questo percorso nei sobri simboli di questa geometria.

 

 

To part 5
back to home pdf share