Heaven

Il fascino dell’oro

back to home pdf share

Secondo uno studio commissionato dalla Reisebank AG tedesca nella primavera del 2021, quasi 29 milioni di adulti in Germania possiedono oro sotto forma di monete o lingotti, in media 75 grammi. Questa tendenza ha ricevuto un ulteriore impulso durante i mesi della pandemia, soprattutto nella “Generazione Z”, ovvero i nati intorno al volgere del millennio.

Nella sua Eneide, il poeta romano Virgilio parla di auri sacra fames. Può essere tradotto come “santa fame d'oro”, ma anche come “maledetta fame d'oro”. Che cos'è questo fascino ambiguo che il denaro, specialmente nella sua incarnazione come oro, esercita su molte persone?

Il denaro e la magia dell'onnipotenza

Gli economisti di solito attribuiscono al denaro tre funzioni: mezzo di scambio, riserva di valore e misura di valore. Mentre tutte le merci si deteriorano nel tempo, il denaro rimane sempre valido e garantisce un accesso inalterato al mondo delle merci. Distilla ciò che è astrattamente comune alla grande varietà di beni. Questo “nucleo di valore” può essere trattenuto, accumulato, ma anche riconvertito in beni utili. In questo modo, il possesso di denaro offre la possibilità di acquisire qualsiasi merce in un momento liberamente selezionabile.

Il denaro dà il potere di esaudire i desideri. Anche la possibilità di ottenere molte delle cose non acquistabili nella vita aumenta per chi possiede denaro. La saggezza popolare lo sa quando dice: i soldi non possono renderti felice, ma puoi almeno comprare uno yacht per navigare verso la felicità.

A differenza della maggior parte degli animali, gli esseri umani nascono fisiologicamente prematuri. Dipendono da un ambiente di supporto per diversi anni dopo la nascita. Vivono, chi più, chi meno, chi prima, chi dopo, il dolore della mancanza, della risposta inadeguata dell'ambiente ai loro bisogni. Il denaro accumulato attira psicologicamente con la promessa di evitare tali esperienze in futuro. Offre la possibilità di costruire una sorta di muro protettivo intorno a se stessi contro le minacce materiali sotto il cui dominio si deve vivere.

Ancora più profondo è il riferimento alla vulnerabilità esistenziale dell'essere umano. Ovunque si trovi e cammini, per quanto le sue stelle possano brillare per lui in quel momento, ha ancora la caducità del suo piccolo mondo, anzi di se stesso, che gli alita sul collo. “Nel mondo avete tribolazioni”, dice Gesù nei suoi discorsi di addio (Gv 16:33). Alla deriva nella corrente della vita, un salvagente sembra essere gettato all’uomo con il denaro. La magia dell'onnipotenza, un soffio di eternità: “I beni del ricco sono la sua roccaforte, sono come un'alta muraglia nella sua immaginazione”. (Prov. 18:11)

L'oro nella Bibbia

La tradizione cristiana, tuttavia, non usa immagini di denaro e oro solo con questo avvertimento. 

L'oro appare spesso nella Bibbia come simbolo di divinità e fedeltà al corrispondente desiderio interiore che va ben oltre la ricchezza terrena. Ad esempio, quando nel Libro dell'Esodo Mosè (capitolo 25) riceve istruzioni dettagliate per realizzare l'Arca dell'Alleanza che assicura la presenza di Dio al popolo eletto, l'oro gioca un ruolo importante come materiale. Non è diverso circa 500 anni dopo, quando il primo tempio ebraico fu costruito a Gerusalemme sotto Salomone (1 Re 6 e 7). Non solo l'altare, i cherubini alati in legno, ma anche le pareti, i pavimenti e le ante delle porte sono generosamente ricoperti d'oro. Quasi 1000 anni dopo, i Magi dell'Oriente portarono oro a Betlemme, insieme a incenso e mirra, per rendere omaggio a Gesù (Matteo 2:11). Infine, per la fine dei tempi, la Nuova Gerusalemme che discende dal cielo è descritta nel 21° capitolo dell’Apocalisse come la città fatta in gran parte d’oro. 

La tensione tra questo aspetto illuminante da un lato e la potenza abbagliante che lo splendore dell'oro può irradiare dall'altro è presente anche in un episodio degli Atti degli Apostoli. L'azione si svolge un pomeriggio a Gerusalemme, non molto tempo dopo la Passione, la Resurrezione e la prima Pentecoste, cioè nel tempo in cui si riuniva la prima comunità cristiana. A una porta d'ingresso del tempio, tradizionalmente indicata come la “Porta Bella”, siede un uomo disabile, paralizzato dalla nascita, che viene portato lì ogni mattina a mendicare. I due apostoli Pietro e Giovanni vogliono recarsi al tempio per la preghiera pomeridiana. Il paralitico chiede loro l'elemosina. Pietro lo guarda a lungo con attenzione e gli dice: “Non ho argento, né oro; ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo di Nazaret, alzati e cammina!” (Atti 3: 6) Nello stesso momento la forza arriva ai piedi del paralitico. E Pietro lo aiuta ad alzarsi.

Quindi Pietro non regala oro fisico al paralitico, che servirebbe solo a mantenere qualcosa di imperfetto. Non lo aiuta a sistemarsi un po' più comodamente e a proteggersi un po' meglio dalle avversità della sua vita precaria. Ma non rifiuta nemmeno la sua richiesta, perché cos'altro resta al paralitico se non desiderare un miglioramento? Pietro semplicemente non gli permette di continuare a rassegnarsi al male fondamentale della sua esistenza. Stimola un desiderio più profondo e quindi conduce i riflessi e le paure dell'esistenza oltre l'avidità. Aiuta il paralitico a concentrarsi su ciò che vuole davvero piuttosto che su ciò di cui pensa di aver bisogno.

“Perché dov'è il tuo tesoro, lì sarà anche il tuo cuore”. (Matteo 6:21)

Con il denaro, un uomo può estendere la sua portata ai confini del mondo con tutto ciò che ha da offrire. Se gode di questi frutti terreni senza incatenarsi alla loro caducità, allora può rimanere fedele alla sua vera ricchezza e vivere nella sua pienezza. Il fascino del denaro e dell'oro si collega all'intuizione dell'uomo per ciò che punta oltre lui nella sfera della perfezione, ma lo raggiunge nel suo stato di mancanza e separazione. Il desiderio stimolato svanisce quando si sottomette a garantire questa condizione umana decaduta e carente.

D'altra parte, l'esperienza della propria limitatezza rispetto allo splendore dorato della trascendenza può anche far sorgere la motivazione incondizionata per farla brillare nella propria vita. Questo orientamento interiore si manifesterà poi anche nello sforzo di imparare a gestire correttamente l'oro terreno.

Il filosofo francese Gilles Deleuze ha descritto la tendenza umana a superare i limiti del presente come l'inevitabile “desiderio di desiderare”. Non si può sfuggire al fascino dell'oro, alla ricerca del tesoro.  Bisogna però decidere se si tratta di tesori terreni o di “tesori nei cieli” (Mt 6: 20).

 

 

 

 

back to home pdf share