Universe

“Il grande guaritore è arrivato!”

back to home pdf share

Il testo che segue è un tentativo di avvicinarsi, con l'aiuto di uno dei salmi di Mani, al messaggio di guarigione contenuto in un cristianesimo universale.

Ecco, il grande guaritore è arrivato!

Sa come curare tutte le persone.

Ha disseminato il suo tesoro di medicine e annuncia: "Chi lo desidera, sarà guarito".

Si occupa di tutte le guarigioni!

Non c'è vera guarigione se non attraverso di lui.

Non respinge nessun malato, non prende in giro nessun ferito.

È abile nel suo lavoro.

Le sue parole sono gentili.

Sa come incidere e curare. Circoncide e purifica.

Brucia e lenisce nello stesso tempo.

Vedi, la sua gentilezza ha fatto sì che ognuno di noi riconoscesse la propria malattia.

Non nascondiamogli la nostra malattia! Non lasciamo che il cancro sia nelle nostre membra, affinché non distrugga la bella immagine dell'uomo nuovo in noi.

Possa lui concederci una guarigione da tutte le ferite.

Possa lui portare via le nostre offese, le cicatrici bruciate nelle nostre anime.

"Ecco, il grande guaritore è arrivato!"

Questa gioiosa esclamazione innesca in me ogni volta una vibrante speranza. Una parte di me fiduciosa, quasi infantile, vorrebbe correre immediatamente incontro al guaritore e chiedergli di guarire anche me. Ma poi altre voci, voci "ragionevoli", figlie di molte delusioni, si fanno avanti segnalando dubbi. Una parte di loro ha perso ogni speranza ed è rassegnata: "Sì, può aiutare gli altri, ma io...?" C'è persino una vocina ben educata che cerca di dissuadermi dal disturbare il grande guaritore indaffarato con le mie sciocchezze. Sorge in me uno fastidioso vortice di impulsi contraddittori. Spero di poterlo fermare aprendomi a poco a poco al messaggio del testo.

"Sa come curare tutte le persone"

Questo è ciò che dice lo scrittore del salmo e io sento una resistenza interiore a questa buona notizia. Questa resistenza non è forse una specie di arroganza mascherata, il pensiero che io sia qualcosa di speciale e quindi particolarmente incurabile? Tuttavia, l'arroganza forse è solo protezione contro nuove ferite causate da un possibile fallimento o rifiuto. Poi vengo a sapere che il grande guaritore non respinge nessuno né prende in giro nessuna persona ferita. Le voci di dissenso e di vergogna che cercano di impedirmi di mostrare le mie ferite si placano. "Le sue parole sono gentili”. Mi accorgo che sto diventando un po' più fiduciosa, non ho più paura di aspri rimproveri. Spero in una mitezza e misericordia che non sono in grado di concedermi. La sua dolcezza è ancora una volta lodata: "Vedi, la sua gentilezza ha fatto sì che ognuno di noi riconoscesse la propria malattia". C'è qualcosa di molto confortante in questo: davanti a lui non ho nulla di cui vergognarmi. Protetto dalla sua misericordia posso ammettere la mia infermità senza timore. E non sono sola. Tutti coloro che si sono rivolti a lui sono stati premiati con questa conoscenza di sé. Mi sento invitata a unirmi a queste persone, a rompere il mio isolamento, e ancora una volta siamo tutti incoraggiati:

"Non nascondiamogli la nostra malattia!"

Sorge in me un nuovo sentimento, un sentimento di appartenenza alle persone che stanno vivendo la loro infermità e desiderano la guarigione. Che tipo di malattia è la nostra? Il poeta parla del "cancro" nascosto "nelle nostre membra". Una cellula cancerosa è considerata degenerata, non è più consapevole del quadro generale, dell'organismo a cui appartiene e nel quale ha un compito al servizio del bene comune. Si è praticamente isolata e sta proliferando in un cieco egoismo. Ciò significa distruzione e, in ultima analisi, autodistruzione. Quasi tutti gli esseri umani non somigliano a una tale cellula cancerosa? E anche l'umanità nel suo insieme? Cosa sappiamo delle leggi cosmiche e di un ordine primordiale che ci è permesso di servire con gioia e libertà? Giriamo invece intorno a noi stessi con egoismo e testardaggine, finché non arriviamo al punto in cui, riconoscendo l'insensatezza di questo girare, siamo costretti a fermarci. Come si esce da questo ciclo patologico?

"Chi lo desidera, sarà guarito"

Il testo ci promette la guarigione. Sicuramente questo "desiderio" deve avere una qualità speciale. Deve essere come l'arsura di un escursionista nel deserto, come il desiderio d'aria di una persona che sta annegando. Deve essere più grande della lussuria che guida i nostri desideri di piaceri terreni. Deve essere un desiderio insaziabile di far parte di nuovo di un ordine assolutamente significativo sostenuto dall'amore, e assumere con gioia il nostro compito in esso. Chi è guidato da questo desiderio sarà accolto dal grande guaritore.

Che tipo di metodi di guarigione userà su di noi? All'inizio sembra un nuovo tormento: si parla di "circoncisione" ed "esaurimento", e quella parte di me che gira intorno a se stessa si ritrae. Ma sento che l'egoismo non ha posto nell'ordine primordiale, e la sua eliminazione potrebbe essere collegata al dolore bruciante e alla sensazione di essere tagliato fuori da qualcosa che mi ha tenuto prigioniera. Tuttavia, la paura emergente di una tale cura è mitigata dalla certezza che il guaritore non farà solo azioni dolorose, ma anche lenitive.

“Sa come incidere e curare. Circoncide e purifica”.
Ho fiducia che il sollievo non tarderà ad arrivare: "Brucia e lenisce allo stesso tempo". Non corrisponde anche alla mia umile esperienza? Ogni volta che lascio andare qualcosa a cui mi sono ostinatamente aggrappata, provo quasi sollievo, distacco, pace.

Questo processo di guarigione può richiedere molto tempo e un atteggiamento  costante e umile verso il guaritore; dobbiamo chiedere di perdonare tutto ciò che abbiamo inflitto a noi stessi e agli altri, consciamente e inconsciamente, e che ci ha lasciato cicatrici emotive. Probabilmente cercheremo ancora di evitarlo, desiderando seguire la nostra strada o ottenere sollievo percorrendo sentieri segreti. Tuttavia, siamo rassicurati che:

"Non c'è vera guarigione se non attraverso di lui”.

Spero profondamente che a poco a poco qualcosa cresca IN me, qualcosa che mi guiderà nel mio percorso di guarigione. Il testo la definisce "la bella immagine dell'Uomo NUOVO". Vive in me come un vago ricordo di qualcosa che è andato perduto. E il desiderio di qualcosa che vuole rivivere in me.

E chi è questo guaritore? Penso che sia il germe divino nell'uomo. Vuole essere rivestito da me, vuole che diventi la sua immagine. E per questo ha bisogno della "persona guarita".

back to home pdf share