Appletree

Il melo – una storia dalla tradizione Indù

back to home pdf share

A una bambina del villaggio piaceva andare a trovarlo. Quasi ogni giorno saliva sulla collina per salutare l'albero, sedersi ai suoi piedi e giocare. Spesso l'albero giocava con lei agitando i suoi rami al vento, permettendole di cogliere una mela e talvolta facendola cadere davanti a lei. Così è andata per anni al ritmo delle stagioni.

Finché un giorno qualcosa sembrava essere cambiato. L'albero vide la ragazza salire sulla collina con la testa china e le spalle cadenti e disse: "Ehi, cosa sta succedendo? Non ti ho mai vista venire da me in questo modo". La ragazza sospirò e disse: "Ah, non lo so, mi sento solo un po' triste". Per tirarla su di morale, l'albero disse: “Possiamo giocare, forse sarai un po' più felice". Il melo agitò i suoi rami e le foglie di un ramo le sfioravano dolcemente le guance. "Oh no, non ho voglia di giocare", rispose la ragazza. "Ho bisogno di soldi per comprare le cose di cui ho bisogno". "Bene", disse l'albero, "non ho soldi, ma puoi prendere le mie mele e venderle al mercato. Allora avrai soldi e potrai comprare le cose che ti servono". E così è successo per diversi anni e la ragazza, che lentamente era diventata una giovane donna, ha potuto soddisfare le sue esigenze con i soldi delle mele. Per un certo numero di anni ne fu felice.

Finché un giorno le cose andarono del tutto diversamente. Il melo vide la ragazza salire sulla collina con la testa china e disse: "Che ti succede? Non ti conosco così, è successo qualcosa?" La giovane si strinse nelle spalle e disse: "Sì, non lo so, non sono più soddisfatta". L'albero rispose: "Forse posso aiutarti, dimmi cosa sta succedendo". La giovane rispose: “Ho bisogno di legno per costruire una casa per me e per il mio compagno. Siamo riusciti a risparmiare un sacco di soldi, ma non è abbastanza e il legno è costoso”. "Oh", disse l'albero, "ma posso aiutarti in questo. Prendi i miei rami, sono abbastanza grandi e forti". E i rami grandi e forti furono tagliati e così la giovane donna poté finire la casa e iniziare una nuova vita. L'albero fu lasciato sulla collina con dei rametti, e di nuovo la donna fu felice per un po'.

Un giorno, molti anni dopo, il melo vide la donna ormai adulta salire sulla collina con passo pesante. "Ehi, piacere di rivederti, come stai?" "Oh, sto bene", fu la risposta un po' forzata e spensierata. "Beh, non sembri molto felice, ti è successo qualcosa? Posso aiutarti?" chiese il melo. "Beh, non lo so, ma sai, la mia famiglia è cresciuta e i miei figli ora vivono da soli. E all'improvviso mi sono resa conto che non ero mai stata più lontano da casa di questo villaggio e della zona circostante. Vorrei uscire, solcare i sette mari e conoscere altre culture. Ma allora avrò bisogno di una barca”. "Oh, ma posso aiutarti in questo! Prendi il mio tronco, vedi com'è grosso. Puoi facilmente farne una barca e navigare ovunque”. E così avvenne, e il melo rimase con un ceppo largo e robusto sulla collina vicino al villaggio.

Molti, molti anni dopo, una figura curva salì sulla collina dove il ceppo del melo aspettava pazientemente. Non il passo di un bambino o il passo vigoroso di una donna nel fiore degli anni, no, era un passo malfermo e vacillante. E il ceppo riconobbe la bambina di quel tempo nella donna ormai vecchia disse: "Ehi, che bello che vieni di nuovo a trovarmi! Come sei stata dall'ultima volta?" In risposta non ci fu altro che un sospiro sussurrato. "Avvicinati un po', non riesco a sentire", disse l'albero, "ma rilassati, prenditi il tuo tempo, non ho fretta”. Il sospiro della donna si fece più pesante e si avvicinò molto lentamente. "Cosa vuoi, vuoi mele da me o legna?" La risposta fu: "No, non ho bisogno di niente, vorrei solo un posto dove riposare". Allora il ceppo disse: "Oh, vieni a sederti qui su di me, sono un buon luogo di riposo per te, perché vedo che sei stanca". E intorno alla donna giovani ramoscelli di fiori bianchi argentei crebbero alla luce del sole.

Fonte:

Un'interpretazione personale della Bhagavad Gita 18

back to home pdf share