Journey

Il mio viaggio spirituale

back to home pdf share

Le domande mirano ai seguenti aspetti del percorso:

Quali segni ci sono sui percorsi spirituali; su cosa possiamo fare affidamento, cosa ci guida? Che ruolo gioca per te la conoscenza (comunicabile) su un percorso spirituale? È possibile che l'ignoranza possa svolgere un ruolo importante? Cosa ci cambia?

Kon: Per me, fin dalla mia giovinezza, il viaggio spirituale della vita includeva principalmente la scoperta dei motivi più intimi, e quindi la creazione di un percorso pratico, comprenderlo di nuovo attraverso tutte le prove e le trasformazioni biografiche e di conseguenza "aggiustare le viti”; e infine lasciare maturare ciò che si può fare, per poi concentrarsi su ciò a cui si vuole dare forma il “prossimo round”, in una nuova vita.

Il primo segnale è una sorta di "istinto del destino" che deve essere scoperto – cosa voglio veramente, e come lo distinguo da cosa vuole la testa – a cui noi contemporanei moderni siamo sposati... Per me, dall'età di circa 16 anni in poi, è stata la ricerca delle fonti di saggezza dell'Oriente: Lao Tze è diventato un compagno molto stimato, e l'antica cultura indiana mi ha trasmesso – in particolare attraverso la Bhagavad Gita – la mia "religione originale” della ricerca spirituale attraverso molte vite. Anche con Platone ho trovato il motivo dell'immortalità (Fedro, Fedone) a me profondamente familiare.

Dalla saggezza d'Oriente a Rudolf Steiner

Attraverso Rudolf Steiner, ho poi scoperto crescendo che l'Occidente ha un suo percorso spirituale che si ispira alla Rosacroce, e poiché il metodo di Steiner è così preciso, i suoi scritti sono diventati per me una guida affidabile. Prima di tutto il suo Cristianesimo come fatto Mistico e I Misteri dell'antichità, quindi Come conseguire la conoscenza dei Mondi Superiori e La Filosofia della Libertà, che ho solcato con approvazione entusiastica in tanti giorni quanti sono i capitoli in essi contenuti. A quel tempo, avevo già imparato da solo l'intera storia della filosofia, e potevo quindi apprezzare il percorso spirituale di Steiner.

In questo senso, Steiner è diventato per me un indicatore dell'evoluzione della coscienza, e questo mi ha dato la fiducia necessaria per riprendere i suoi vasti risultati di ricerca, che corrispondono alla sua coscienza, con un esame di coscienza aperto per andare avanti ancora e ancora. In particolare, come ricercatore moderno, Steiner ha scoperto le intenzioni profonde di Cristiano Rosacroce, e ha così permesso una visione chiara del significato del sé originale e autonomo di Cristo.

In questo modo, la "conoscenza comunicabile" potrebbe diventare un indicatore del mio viaggio spirituale attraverso la vita, ma Steiner mi ha sempre fornito argomenti metodici su come sviluppare la conoscenza personale e la conoscenza di sé.

Su queste tracce ho presto scoperto i miei "cantieri", ovvero: cosa impedisce il progresso spirituale? Negli anni ho potuto compiere alcuni passi attraverso l'autocontrollo nell'igiene dell'anima, parallelamente allo sviluppo di una vita meditativa.

Trattando giovani che hanno difficoltà a trovare la loro strada nella "vita normale", i miei 28 anni di pratica professionale come educatore mi hanno offerto, quasi ogni giorno, situazioni assolutamente eccezionali, che richiedevano da me la massima presenza di spirito e utili intuizioni. Un lavoro che era spesso estenuante, ma anche profondamente soddisfacente e che mi ha condotto attraverso molte iniziazioni allo sviluppo dell'altruismo nella compassione.

Un organo per la conoscenza interiore

Attraverso questo, si forma in te un organo per ciò che è necessario: una conoscenza interiore, una voce del cuore, che impari a seguire sempre meglio, cadendo e rialzandoti. Da ciò emerge una consapevolezza del destino, che in alcuni momenti apre le porte a vite precedenti, che ho imparato a integrare nei miei compiti attuali, o meglio, con cui mi trovo nel "processo in corso". Così mi sento sempre più attivo in un processo di sviluppo che offre sempre nuove sorprese: una biografia come organo di un'individualità, sempre in cammino verso il grande archetipo di un IO integrativo che cammina con noi in Cristo.

Per diventare consapevoli della Sua partecipazione, un "non-sapere cosciente di sé" è una condizione fondamentale – come l'ha formulata per la prima volta Nikolaus von Kues all'alba dei tempi moderni. Creare questo stato nello spegnimento pienamente cosciente della consueta coscienza del pensiero, al fine di condurre alla percezione, può essere considerato come un'arte elevata anche nel senso delle intenzioni dei Rosacroce.

Così le mie stelle guida sono chiamate esseri spirituali concreti e talvolta anche terreni. Stimolano costantemente la mia trasformazione verso un servizio all'umanità.

Grazie per le vostre domande, mi hanno dato l'opportunità di caratterizzare brevemente questo percorso, guardando indietro negli ultimi 70 anni.

 

G. Alfred Kon

Alfred Kon

Nato ad Arnhem (Olanda) nel 1950, ha studiato filosofia e teologia ad Amsterdam e Stoccarda e pedagogia curativa a Eckwälden.

Per 28 anni si è assunto la responsabilità dei bambini e dei giovani bisognosi di cure spirituali presso "Haus Sonne" a Walsheim, Saarland. Inoltre, è stato insegnante di scuola superiore e formatore di insegnanti. Dal 2003 al 2015 ha diretto la "Praxis Gaspard" a Saarbrücken come libero professionista per il life counseling e l'educazione degli adulti, con terapia artistica, corsi e perfezionamento in diagnostica.

Inoltre, è attivo in patria e all'estero come docente ospite di arte e storia culturale, antroposofia e pedagogia curativa.

Dal 2016 vive a Lebrade, Schleswig-Holstein e gestisce il laboratorio d'arte "Brighid".

 

back to home pdf share