Herbs

Il miracolo in noi stessi. Pensieri sulla medicina naturale e culturale – parte 2

back to home pdf share

To parte 1

Il potere curativo della cultura: usare il potere della nostra mente e della nostra coscienza

Nei momenti in cui siamo bisognosi di cure, abbiamo ciò che chiamiamo cultura, ovvero ciò che le persone hanno creato con la loro mente. Ciò a cui ci riferiamo come cultura include anche artefatti tecnici (inclusi strumenti tecnici in medicina). Ma nella nostra comprensione, il nucleo della cultura sono i valori e le norme, la bellezza e le arti, nonché il tempo libero e anche il gioco. Intesa in questo modo, la cultura è sia un atteggiamento interiore che un disegno consapevole nel contesto della mente e della coscienza delle persone.

Uso qui la parola medicina culturale (Kulturheilkunde). Tale medicina, che attinge alle risorse della cultura, rafforza il “medico scalzo” in una situazione di emergenza e gli fornisce le risorse mentali e artistiche che possono utilmente integrare gli strumenti della naturopatia.

Questa integrazione è di grande importanza perché gli esseri umani, in quanto esseri naturali, sono esseri limitati; hanno bisogno di cultura per sopravvivere. Le persone, rispetto agli animali, non sono né particolarmente forti né veloci. Non sono equipaggiati in modo ottimale e non sono particolarmente resistenti. Tuttavia, possono compensare questo svantaggio con la loro "seconda natura": la cultura. Unendo le forze, condividendo e collaborando, conquistano persino una sorta di supremazia. In questo rivestono particolare importanza la cosiddetta "intenzionalità condivisa" e "l'azione cooperativa".

Ciò è reso possibile da ciò che chiamiamo mente e coscienza, e dal linguaggio, dall'informazione e dalla comunicazione. Le persone possono coordinare le proprie azioni, creare piani specifici a lungo termine e produrre strumenti. La cultura e la tecnologia consentono alle persone di sopravvivere in un ambiente che inizialmente rappresenta una grande sfida.

Abbastanza presto, nella storia, gli uomini sono stati in grado di proteggere e prendersi cura dei membri malati delle loro tribù, sostenendo attivamente il processo di guarigione con vari rimedi (piante, artefatti, atti rituali) e persino costruendo luoghi di guarigione speciali.

caduceus

Le Asklepieia, i primi centri di guarigione nell'antica Grecia, erano allo stesso tempo anche luoghi di cultura. In queste strutture, il mezzo di guarigione più potente era la parola: la guarigione e l'arte della parola andavano di pari passo. Questo è meravigliosamente espresso in un canto tradizionale: λόγος = φάρμακον = ἰατρός. [1] Queste parole formano una sorta di mantra e significano:

La parola è la cura e la cura è il dottore.

I cosiddetti "tre passi dell'antica dietetica" sono necessari per comprendere questo mantra: il guaritore doveva prima influenzare lo stile di vita del paziente, e ciò era possibile solo con la parola e la comunicazione. Se questo non era sufficiente, nella seconda fase erano utilizzate piante officinali, che erano comunque somministrate in un contesto comunicativo.

Il coltello, ovvero gli interventi chirurgici, erano riservati a una terza fase, quando le piante officinali non fornivano più l'aiuto necessario. Ma si procedeva esattamente in questo ordine: prima la parola, poi le medicine e ultimo il coltello! Nella medicina moderna sembra che a volte l'ordine sia invertito. Forse non necessariamente a beneficio dei pazienti.

Per uno stile di vita sano, le persone potevano orientarsi su principi molto semplici, che sono particolarmente ben espressi in tre iscrizioni sul tempio di Delfi:

Riconosci te stesso!

Niente in eccesso!

Tu sei! Sii chi sei!

Attraverso questo e una buona cura di sé, le persone arrivavano a quella che oggi chiamiamo auto-efficacia, cioè contribuivano alla loro guarigione e ad un benessere con le proprie azioni. Ciò incoraggiava le persone a continuare quello stile di vita. Il sentimento positivo associato all'auto-efficacia fornisce potenti impulsi in modo che possa avvenire l'auto-guarigione.

La cultura fornisce significato alle comunità umane. Consente inoltre l'orientamento in situazioni di emergenza e dà la forza necessaria per affrontare i problemi. Il filosofo Friedrich Nietzsche ha riassunto questo in una frase:

Una volta che hai il tuo "Perché" della vita, vai d'accordo con quasi ogni "Come". [2]

Il miracolo in noi stessi: stimolare l'auto-efficacia e l'auto-guarigione

La cultura come dispensatrice di significato è di fondamentale importanza nelle situazioni di emergenza e per i malati. Influenza l'atteggiamento interiore del paziente che, a sua volta, facilita o ostacola il processo di auto-guarigione. Inoltre, la creazione di ambienti curativi e l'intrattenimento attraverso l'arte e la musica, la conversazione amorevole e l'attenzione possono creare stimoli di guarigione.

Gli "atteggiamenti interiori" e le "immagini interiori" di coloro che cercano la salvezza decidono se la guarigione può avvenire e se i poteri di auto-guarigione possono essere stimolati. Intesa in questo modo, la guarigione è un processo molto naturale e allo stesso tempo un miracolo. Questo miracolo avviene in noi stessi come auto-guarigione. Si verifica quando tutto combacia. Qualsiasi forma di guarigione, compresa la medicina moderna, alla fine può solo fornire gli stimoli affinché questo miracolo avvenga in noi. Gli incredibili successi della medicina moderna non devono assolutamente essere sottovalutati. Certo, è vantaggioso avere la medicina moderna, e anche noi ne abbiamo bisogno. È indispensabile, soprattutto in caso di incidenti e lesioni, nonché per malattie acute e pericolose per la vita. Ma siamo ben consigliati se non dimentichiamo ciò che abbiamo in noi come potere curativo – in situazioni in cui gli artefatti tecnici della medicina non sono disponibili.

Ogni guarigione è auto-guarigione e l'auto-guarigione può essere appresa con l'aiuto dell'immaginazione,

come ha detto in poche parole lo psicoterapeuta Gary Bruno Schmid. [3] 

La persona malata "decide" in modo determinante con la sua mente e la sua coscienza se procederà verso la guarigione o verso la malattia.

Erwin Liek, uno dei medici più famosi nella Repubblica di Weimar, afferma quanto segue nel suo libro Il Miracolo della Medicina: "Chiamiamo miracoli ciò che non possiamo vedere nella sua efficacia. Mentre lo vediamo, il miracolo si ferma”. E inoltre:

Dietro tutta la materia c'è lo spirito, e questa irrazionale, metafisica cosa che chiamiamo "vita". Un'arte di guarire senza l'irrazionale è impensabile.

Liek conclude che "non possiamo cavarcela solo con il pensiero scientifico", il medico dovrebbe effettivamente essere una sorta di artista, "L'arte medica è la conoscenza della natura umana, giudizio delle persone, empatia imparziale e naturale per i malati e il loro ambiente, passando da un'anima all'altra. Non può essere fatto solo con la scienza”.


[1] Ernst Howald, Eine vorplatonische Kunsttheorie (Una teoria dell'arte pre-platonica). In: Hermes 54 (1919).

[2] Friedrich Nietzsche, Crepuscolo degli idoli, Rusconi Editore, 2010.

[3] G.B. Schmid: Medicina della coscienza: guarigione psicogena attraverso l'immaginazione. In: Suggerimenti: Forum della Società tedesca per l'ipnosi e l'ipnoterapia - DGH Edizione 2013.

 

 

back to home pdf share