creation

Il Mito della Creazione 2020

back to home pdf share

Il cuore svolge un ruolo determinante sul sentiero che conduce alla consapevolezza, poiché la vera comprensione non nasce mai dalle macchinazioni del pensiero bizzarro. Una persona che vuole imparare a vedere la creazione, deve imparare a percepire e misurare la profondità dell'universo nel proprio cuore. In quella profondità contempla l'unità, la luce, l'illimitato e lo sviluppo infinito.
Da dove viene questa miopia, questa limitazione e questo doloroso egoismo?

Le acque primordiali

La forza creativa galleggia sulle acque del campo quantico. Il creatore appare come un'unità che vuole mostrare all'osservatore la sua vastità incommensurabile e la sua gloria. Invia quindi sette impulsi creativi. Il pieno potenziale del creatore si rivela in un campo madre che può ricevere i sette impulsi per dare vita all'uomo della Nuova Era. Dal campo quantico questo Umano viene alla coscienza con un'anima osservatrice. Acquisisce la capacità di creare magia dal campo quantico, per perfezionare la creazione. Impara a pensare in modo creativo: i suoi pensieri sono immagini luminose nel Tutto. Non hanno limiti, e creano la vita. Quindi l'uomo vede che la creazione è buona, piena di luce e infinita. La creazione è unita all'amore per la vita intera. La vita è una cosa sola nel creatore e può svilupparsi come unità planetaria nella perfezione. E così l'uomo può in definitiva servire la santa Madre-Terra e tutta la vita che è sulla strada della perfezione. E il creatore vede l'osservatore e gli conferisce un'indipendenza unica. E l'osservatore invia tutto il suo amore nel campo quantico.

La proiezione

La vita secondo i sette impulsi è onnipresente rispetto alla nostra coscienza attuale. Non è limitata nello spazio e nel tempo, poiché i nostri sensi la percepiscono. Quando proviamo a immaginare se c'è qualcosa al di fuori dello spazio e del tempo, il nucleo della nostra coscienza si avvicina a un velo. Un'apertura in esso mostra l'infinito dal centro del nostro essere. È un'impressione di tutto ciò che esiste e non esiste ed è quindi illimitato per l'osservatore. L'unità si esprime nell'uomo e allo stesso tempo è il Tutto nella sua infinità. L'osservatore è colui che limita la rivelazione a ciò che la coscienza consente.

Per avvicinarsi all'unità, è quindi necessario scrollarsi di dosso tutti i limiti, staccarsi dallo spazio e dal tempo. Avvicinarsi all'unità è in realtà un processo di approfondimento della percezione. Come risultato di questo cambiamento, la coscienza cresce, alla quale l'unità può rivelarsi.

Vista da questa unità, la nostra realtà attuale è una crescente limitazione della coscienza. In altre parole, l'unità si divide attraverso la nostra coscienza in parti che insieme rappresentano la loro realtà limitata. Alla luce dell'unità, questa creazione è al di fuori dell'unità stessa. L'uomo, per così dire, gioca con le ombre proiettate dalla luce dell'unità nel mondo sensoriale. In questo modo, un universo è proiettato nell'ombra con un inizio e una fine. Come essere umani siamo un punto nel tempo, ognuno con il proprio desiderio di possedere alcuni frammenti dell'unità. Quindi la proiezione dall'unità si traduce in una frammentazione della coscienza che dura milioni di anni. Seguiamo ora con slancio ciò che una volta era stato suggerito per la massima frammentazione possibile della rappresentazione. Ogni persona è catturata nella sua rappresentazione fisica quantistica della proiezione originale dall'unità.

Ora c'è qualcosa incorporato nella proiezione che consente di osservare nuovamente il confine. Possiamo quindi presumere di nuovo l'unità, e quindi iniziare a cercarla. La proiezione non viene cancellata, ma sempre più messa in luce dall'unità. In questo modo, la coscienza umana acquisisce la sensazione di vedere attraverso una grande illusione. Dopotutto, c'è una proiezione in atto dall'unità e ogni persona ha il suo modo di prenderne coscienza. L'attuale cambiamento cosmico nella sfera collettiva delle proiezioni aiuta in questo. Sempre più persone diventano in qualche modo consapevoli di ciò che accade nella coscienza collettiva.

Coscienza diversa

Riconnettersi con la Madre-Terra – con la sua coscienza quadruplice dell'unità – equivale a rinascere. Per prepararsi a questa rinascita, è necessario uno stato di profonda consapevolezza di sé. Scendere nello spazio del cuore è una condizione per la crescita, perché è lì che sta il potenziale per nascere in una coscienza di unità. Questo elevato potenziale umano energetico è il nucleo da cui la persona unificata può nascere e crescere. Vive nei sette campi della Terra che, di per sé, sono un'entità all'interno dell'unità del corpo solare. Ciò che vediamo e sperimentiamo sulla Terra senza la consapevolezza dell'unità è la variante spazio-temporale proiettata nella realtà frammentata. L'uomo si esprime naturalmente con le sue limitate facoltà sensoriali. Tutte le sue creazioni sono quindi temporanee e inesistenti in relazione all'unità.

La causa della limitazione della coscienza sta alla radice della colonna vertebrale. È un centro di energia diviso in dodici spazi che si riferiscono a un campo di energia cosmica dodecuplice. Con questo centro di energia, una persona è collegata alle leggi dei compagni esseri umani, della terra, del sistema solare e dell'universo. Finché governa questo campo di energia, l'uomo pensa all'interno della finestra di un mondo limitato. Perché il pensiero è anche organizzato come uno specchio della radice karmica dell'esistenza umana. In tal modo, molte persone sono bloccate in idee solidali a causa del loro pensiero critico. L'illusione della proiezione è scambiata per la realtà.

La preparazione per rinascere – chiamiamolo un salto quantico di coscienza – è accettare completamente l'attività di riflessione, il karma, e imparare ad osservarlo accuratamente. Ciò è possibile lasciando che la luce del sole spirituale illumini gli spazi della parte inconscia della psiche. La luna spirituale è il compimento di questa attività nel tempo. Se lasci che la vita passi in questo modo, senza voler cambiare nulla, allora tutto si mostrerà alla luce di questo sole spirituale. Illumina così tutti i risultati del fuoco radicale: le nevrosi umane. Osservare ed essere grati per l'intuizione ottenuta può portare al completamento magico della nascita della coscienza dell'unità. Il potenziale di amore settemplice nel cuore occupa quindi il suo spazio. In un'improvvisa rivelazione si può quindi vedere la settemplice Madre-Terra. Questa creazione segue dalla nuova percezione della creazione dalle acque del campo quantico. Da quel momento in poi, una persona può di nuovo lavorare nel settemplice campo della Terra.

Crescita spirituale

Il cuore è un centro caricato magneticamente che polarizza il sistema umano in un modo specifico e personale. Ogni giorno, a causa di questa polarizzazione, le persone hanno la sensazione di una percezione coerente del loro ambiente. È la propria personale percezione limitata di una parte del campo energetico quantistico. È come uno schermo di proiezione della psiche per ciò che deve essere proiettato. Il fuoco radicale del plesso sacro proietta nella psiche tutto ciò che segue dall'energia karmica. In questo modo, una persona partecipa a una proiezione in una realtà limitata, che è mantenuta da molti studenti-creatori identicamente polarizzati.

L'esperienza di nascita e morte fa parte della proiezione collettiva. All'interno di questa legge ciclica, nuove polarizzazioni e nuove realtà emergono costantemente. Una persona che la percepirà dal suo cuore magnetico può diventare consapevole del meccanismo limitante della polarizzazione del cuore. Si concentra su se stesso. Vuole mantenere una particella di unità per sé, nell'amore per se stesso. L'auto-consapevolezza cambia questa polarizzazione permettendo di guardare alla propria vita con tutti i suoi risultati in un modo libero, stupito, mai accusatorio. La coscienza unitaria si sviluppa quindi completamente e alla fine spegne il fuoco della radice karmica.

Prima di questo stato cosciente dell'essere, il karma si sta ancora proiettando attraverso pensieri e sentimenti, molti dei quali inconsci. Creano così un serbatoio di attaccanti inconsci polarizzati della coscienza unitaria. Trovano sempre contatti sufficienti nella psiche. Sono la fonte della sofferenza. Distruggere questa fonte è il grande compito di ogni persona che vuole lavorare nei campi della santa Madre-Terra. Questa è la grande opera alla quale sempre più anime dedicano la propria vita. In connessione tra loro, attraversano le nevrosi collettive che controllano la psiche. Il grande lavoro è diventare impermeabili alle motivazioni che derivano da queste nevrosi. Si può quindi trascendere la proiezione e iniziare a vivere dalla fonte spirituale che fluisce continuamente dall'unità: la ricostruzione della vita reale.

 

back to home pdf share