the little prince

Il piccolo principe - la storia del ritorno - Parte 1

back to home pdf share

Siamo tutti viaggiatori... ci aggrappiamo a coloro con cui abbiamo una connessione spirituale, piuttosto che fisica, e speriamo di arrivare alla nostra destinazione. Alla fine del nostro viaggio, ci rendiamo conto che l'unica cosa che conta è se possiamo dare qualcosa di noi stessi al nostro compagno di viaggio, qualcosa che lo ha aiuti a crescere. La nostra presenza ha reso il suo viaggio più bello e più facile? (Robert Lawson)

Il romanzo di Antoine de Saint-Exupéry è uno dei racconti più famosi al mondo.  Ha lasciato un segno nella storia culturale del mondo e ha influenzato lo sviluppo della coscienza dell'umanità.

Rispetto alle vecchie favole e ai racconti popolari, questo racconto può essere visto come una storia didattica piena di emozioni, mostrate attraverso una trama con molti fili. Utilizzando un argomento, parole e personaggi simili, sarebbe facile creare opere di fantasia pretenziose e senza vera profondità, saggezza o ispirazione. Nonostante i suoi molti modi di esprimere le emozioni, il racconto di Exupéry non è sentimentale; nonostante la sua qualità didattica e gli aforismi, non predica. È un insegnamento, una favola di importanza eterna raccontata nel linguaggio più poetico – e allo stesso tempo accessibile ai lettori del XXI secolo.

L'autore è rimasto fedele alla visione del mondo dei racconti tradizionali. La storia ha uno svolgimento semplice, tuttavia è piena di elementi non detti e inesprimibili. La presenza della “meraviglia” nel libro è magica e naturale; poteri mistici e criteri ordinati risplendono attraverso la trama. Il conflitto principale non avviene tra i personaggi, ma tra l'ignoranza e la conoscenza.

Il romanzo tocca e scuote i lettori atei e religiosi. Gli eventi sembrano comprensibili e facili da seguire (anche se la narrazione non è lineare), ma – proprio come nella Bibbia o in altri testi religiosi – esprimono un significato più elevato per i seguaci dell'antica saggezza, la Dottrina Universale, per i viaggiatori della "strada maestra". Poiché le stesse parole, espressioni e simboli sono usati dalla spiritualità a tutti i livelli, come dai gruppi religiosi che percorrono un cammino interiore, la differenza, il "grado più alto" è ottenuto dalla chiarezza, dalla forza e dall'autenticità del testo. Questo è ciò che risplende dalla storia e abbellisce il deserto delle lettere.

Il nome del protagonista è abbastanza enigmatico: il Piccolo Principe. È così che il pilota, uno dei personaggi principali e narratore della storia, chiama il piccolo, fragile uomo dalle ciocche dorate. Il pilota è svegliato dal Piccolo Principe all'alba, dopo il suo atterraggio di emergenza nel deserto, e gli chiede di disegnargli una pecora. Il nome non ha alcuna spiegazione, non si riferisce a un titolo mondano, ma a una qualità spirituale, un grado divino che il pilota in difficoltà riconosce nella peculiare creatura dalla purezza eterea. Da bambino, il narratore era un'anima sensibile, creativa e di mentalità aperta, proprio come il Piccolo Principe. Da adulto ha perso questi tratti liberatori e il suo desiderio di risvegliare queste qualità potrebbe averlo spinto a diventare un pilota. Il suo sforzo deve essere stato ostacolato in quanto durante il volo è stato costretto ad effettuare un atterraggio di emergenza in mezzo al deserto a causa di problemi al motore (che è il “cuore” dell'aereo). A quanto pare, un anno prima anche il Piccolo Principe arrivò sulla Terra a causa di un "atterraggio forzato".

La storia della vita del piccolo principe si dipana lentamente poiché evita di fornire risposte alle domande rivolte a lui o al suo passato. Risponde solo spontaneamente e a tempo debito, sebbene in modo indiretto e selettivo. Ma non lascia mai cadere le sue domande quando vuole sapere qualcosa; smette di chiedere solo quando riceve una risposta adeguata.

Questa asimmetria può essere spiegata da una relazione adulto-bambino. Il fatto che il Piccolo Principe sia un bambino viene affermato nel racconto solo una volta (dalla volpe): “Per me, tu sei soltanto un ragazzino come centomila altri ragazzini”. Ma il personaggio principale è anzitutto un'anima infantile di purezza incontaminata. Potrebbe sembrare strano, ma questa relazione irregolare assomiglia a un rapporto maestro-studente. E in questo racconto non è l'adulto, il pilota, che insegna. Ovviamente non possiamo separare rigorosamente i due ruoli poiché il maestro impara anche dal suo allievo e dagli altri. Per scoprire la vera natura della loro relazione, potremmo immaginare che il maestro preceda il suo studente sulla strada spirituale; anche se camminano fianco a fianco. I due ruoli possono anche essere interpretati metaforicamente come parti, tratti, opportunità della coscienza di un essere: e questo è l'approccio più importante e maturo. Ma è più facile seguire le loro storie di vita in questo racconto se li guardiamo come due esseri connessi, ma separati. Il Piccolo Principe rappresenta lo spirito puro che il pilota, forse solo inconsciamente, desidera raggiungere.

Dopo lo strano incontro, i loro destini sono collegati, il che fornisce il terreno per diversi confronti e paralleli. Il fulcro della narrazione può essere meglio descritto con il termine religio: nel senso di ritornare, connettersi, ricongiungersi all'origine divina. I suoi aspetti principali possono essere definiti da Fede, Speranza e Amore, che crescono dai semi seminati nel fertile terreno dell'incredulità.

La storia dei due personaggi – e la sua analisi – inizia e finisce con la pecora invisibile all'interno del disegno della scatola. Il racconto non spiega perché sia necessario il disegno di questo animale. Il Piccolo Principe non è soddisfatto di nessuna delle figure che il pilota disegna per lui, ma accetta immediatamente il disegno della scatola quando l'uomo afferma che la pecora è all'interno. Perché lo fa? Ingenuità, fiducia incondizionata? Una visione straordinaria, un'abilità magica per l'animazione? Questo è il mistero che caratterizza l'intera storia. Tornerò al ruolo e all'importanza della pecora nel racconto alla fine dell'analisi.

Continua nella seconda parte

 

 

back to home pdf share