the little prince

Il piccolo principe – la storia del ritorno – Parte 3

back to home pdf share

To part 2

La conversazione tra il piccolo Principe e il serpente rivela comprensione reciproca e armonia. Quando il Piccolo Principe chiede dove siano le persone, visto che ci si sente così soli nel deserto, il serpente risponde: "Si è soli anche tra gli uomini". Questo è esattamente ciò che l'omino ha sperimentato incontrando gli abitanti degli asteroidi che ha visitato. Sembra che il serpente non solo affermi una verità generale, ma abbia in qualche modo sottratto la sua risposta al curioso visitatore. Mentre il serpente si attorciglia attorno alla caviglia del Piccolo Principe, nota – in modo piuttosto macabro – che può restituire chiunque alla terra con il tocco dei suoi denti. Ma il fragile ometto è così puro che il serpente gli mostra misericordia. Si offre di aiutarlo a ritornare sul suo pianeta. Il Piccolo Principe non ha dubbi sulla natura di questo aiuto. La completa comprensione viene rivelata mentre siedono silenziosi come il deserto, il deserto del Piccolo Principe tremolante sopra.

Poi attraversa il deserto e incontra un “piccolo fiore di nessun conto” che gli dice che non si può mai sapere dove sono gli uomini: “Il vento li spinge qua e là. Non hanno radici e questo rende la loro vita molto difficile". Nessuna risposta arriva dal piccolo vagabondo, si limita a salutarlo. Dev'essere strano per lui avere radici che crescono verso il cielo.

Incontra una strada che conduce a un roseto. Ci sono cinquemila fiori e somigliano tutti alla sua rosa "unica al mondo". È angosciato e scoppia in lacrime.

E poi appare la volpe. Non è un caso che arrivi proprio lì, vicino alle rose. C'è un legame tra la volpe e le rose – soprattutto la rosa del Piccolo Principe. Sono collegate dal loro colore ardente, dai tratti femminili e dalla personalità. Oltre a loro e al "fiore di nessun conto", tutti gli altri personaggi del racconto sono uomini o esseri maschili. La vita e il pensiero della rosa e della volpe rappresentano la necessità e il disagio dell'affiliazione e il desiderio di essere addomesticati e diventare completi. Possono essere tentati di manipolare gli altri o di mettere in scena uno spettacolo per raggiungere il loro obiettivo. Questi trucchi non sono necessari se si è in grado di controllare i poteri magici interiori e di usarli per scopi puri e nobili.

Quando il Piccolo Principe incontra la volpe sente solo un saluto, ma non vede nessuno. Si volta, e riesce a vedere la volpe solo quando la voce gli dice: "Sono qui, sotto il melo". Tutto questo preannuncia che l'incontro con la volpe cambierà la vita e il modo di pensare del Piccolo Principe, e lo condurrà alla completezza.

La volpe gli dimostra e gli fa capire il valore della sua rosa e il modo in cui può connettersi a lei. Non c'è da stupirsi che la volpe sappia tutto questo: rappresenta la rosa, il regno interiore della rosa. Traduce in parole la fragranza della rosa.

Prima di regalargli un segreto, la volpe consiglia al Piccolo Principe di andare a rivedere le cinquemila rose del giardino. Il numero cinquemila può essere fatto risalire al numero cinque, il pentagramma magico, il simbolo dell'ordine divino e della rinascita. Anche le proporzioni e la struttura della rosa sono collegate al numero cinque.

Le parole del Piccolo Principe rivolte alle cinquemila rose possono sembrare offensive. Non si è ancora ripreso dalla delusione per il fatto che il valore della sua rosa "unica al mondo" sia stato messo in dubbio dal giardino. Tuttavia il suo discorso non è egoista, selettivo o umiliante, ma è una lode all'unica Rosa Eterna. Una invece di tante, interiore invece che esteriore: la rosa del cuore. Se può unirsi a lei, tutte le rose saranno una per lui – sarà responsabile di tutte.

Dopo questo, il Piccolo Principe riceve in regalo le famose parole di iniziazione della volpe:

È solo con il cuore che si può vedere bene; l'essenziale è invisibile agli occhi”.
"È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante”.
"Tu sei responsabile della tua rosa..."

Inizia qui la religio, e più precisamente, la fase della Fede.

Fede

Dopo l'incontro con la volpe, il Piccolo Principe incontra due persone la cui occupazione e visione del mondo sono simili a quelli che vivono sugli asteroidi.

Il primo è un controllore del traffico ferroviario. Da quando ha incontrato la volpe, la prospettiva e la vita del protagonista sono cambiate: scorre su nuovi "binari". Lo sfrecciare e il "rombo di tuono" dei treni deviati da un binario all'altro sono l'esatto contrario del vuoto e del lento silenzio del deserto. La destinazione dei veicoli sembra piuttosto irrilevante al controllore. Per lui il significato e il potere risiedono nella sua capacità di inviare treni a diverse piattaforme. Il suo compito meccanico assomiglia a quello del lampionaio: sembra essere il suo equivalente sulla Terra. Il controllore ferroviario rispecchia anche il re, poiché condivide una perla di saggezza nei confronti dei passeggeri: "Nessuno è mai soddisfatto dove si trova". Queste influenzano profondamente il Piccolo Principe, ma, secondo il racconto, non reagisce ad esse. Detti e massime che hanno valore didattico possono provenire da fonti impreviste, se si è in grado di notarle e di prestarvi attenzione.

L'altro personaggio è un mercante che vende pillole che possono placare la sete. Con una pillola si può “risparmiare” quasi un'ora alla settimana che altrimenti sarebbe stata spesa a bere. Il venditore di questo prodotto apparentemente utile ricorda l'uomo d'affari e il geografo degli asteroidi.

Così gli ultimi tre personaggi apparentemente utili degli asteroidi sono evocati in questi due individui terrestri. La terza persona che il Piccolo Principe incontra sulla Terra è il pilota, che sta cercando di riparare il motore del suo aereo nel deserto, lontano da tutti. È qualcuno che merita il tempo e l'amicizia del protagonista. Ciò è dimostrato dal fatto che quando il Piccolo Principe chiede al pilota di disegnargli una pecora, l'uomo ci prova, ma soddisfa il suo desiderio solo al quarto tentativo quando usa una tecnica non convenzionale: disegna una scatola dicendo che la pecora è dentro. Questa è stata una lezione per l'uomo: come adulto tipico ha cercato solo di eludere il compito, ma a causa del Piccolo Principe ha dovuto affrontare il divario tra il suo io bambino e il suo sé adulto concentrandosi sugli aspetti pratici.

Quando il pilota finisce la sua scorta d'acqua, il loro comportamento testimonia  che provengono da mondi diversi. Temendo di morire, il pilota risponde in modo sgarbato al Piccolo Principe, le cui esigenze fisiche di mangiare e bere ovviamente non incidono (ma il sonno sì). Il Piccolo Principe comprende la gravità (e il valore didattico) della situazione, e dice quindi di avere sete e suggerisce di trovare un pozzo. L'idea sembra assurda al pilota, ma siccome non ha un piano migliore si mettono in cammino. Dopo ore di vagabondaggio, cala la notte e si siedono a riposare sotto il cielo stellato. Quando il pilota si domanda se il Piccolo Principe abbia davvero sete, l'omino risponde: "Un po' d'acqua può far bene anche al cuore..."

Il pilota subito non capisce, ma poi scopre che esistono due tipi di sete: una del corpo e una dell'anima. I due hanno sete in modi diversi: hanno bisogno di un pozzo che possa soddisfarli entrambi. Sono stanchi. Prima che il Piccolo Principe si addormenti, dice due frasi importanti:

"Le stelle sono belle per un fiore che non si vede..."
"Ciò che rende bello il deserto, è che da qualche parte nasconde un pozzo..."

Due concetti simili. Il secondo sorprende il pilota e scopre di essere d'accordo. Mentre osserva teneramente il volto del principe addormentato – lo specchio della sua anima – capisce che "ciò che è più importante è invisibile..."

Si rende conto e comprende che ciò che è diverso, ciò che esiste a un livello superiore – che non è di questo mondo – è invisibile, ma risplende attraverso il visibile e lo rende più bello. Mentre cammina con il Piccolo Principe addormentato tra le braccia, all'alba, quando nasce la luce, trova il pozzo. Inizia qui la fase della Fede per il pilota e della Speranza per il Piccolo Principe.

Continua nella quarta parte

 

back to home pdf share