jungle

Il potere delle idee

back to home pdf share

Nell'uomo il potenziale del potere è presente per entrambe. Nel campo di tensione tra questi due impulsi, un essere umano può svilupparsi attraverso l'esperienza ed è in grado di scoprire la fonte al di là di queste due strutture di potere. Inizia allora un divenire di tipo speciale: una lotta in cui la forza dell'abitudine si confronta con la forza del silenzio e dell'amore, un divenire che richiede avventure sempre nuove, sospinti dall'anelito alla libertà.

L'uomo vede bene solo con il cuore

“Il potere è effetto”, “il potere è libertà di movimento”, così il filosofo sociale Martin Saar definisce il potere. Agisce come una forza trainante che innesca alcuni impulsi evolutivi e ne impedisce altri. Il potere non è tangibile e diventa riconoscibile solo nei suoi effetti. Le sue radici rimangono invisibili, anzi sono nascoste nell'inconoscibile. C'è un modo di prendere coscienza di questo “inconoscibile”, se ci si ferma dopo tante esperienze, spesso dolorose, e si lascia passare tutto ciò che è stato osservandolo con l'occhio interiore, l'occhio del cuore.

Un credo: tutto può essere guarito con la tecnologia 

Nella storia dell’umanità ci sono sempre state grandi personalità influenti nella crescita e nello sviluppo. Tra queste c'è il filosofo e scienziato Sir Isaac Newton (1643-1727). Si è distinto per lo sviluppo di una scienza razionale, che anche in tempi di pandemie come quelli che stiamo vivendo ha ancora il potere di rassicurare le persone. Il credo della scienza odierna include la certezza che la tecnologia può contrastare le conseguenze dello stile di vita distruttivo dell'umanità. La mente razionale si è sviluppata negli ultimi secoli attraverso le leggi di una scienza che cerca di arrivare alla verità limitando la percezione e l'intuizione. Ha prodotto un'umanità che non è più consapevole di cosa significhi vivere in armonia con la natura e le sue creature.

Isaac Newton è stato l'ultimo dei maghi

Quando gli scritti di Isaac Newton furono offerti all'Università di Cambridge, suscitarono scarso interesse. Fu solo quando l'economista John Maynard Keynes (1883-1946) li acquistò a un'asta da Sotheby's e li studiò che questi scritti rivelarono un Newton molto diverso. Keynes scoprì le tendenze mistiche e alchemiche di Newton e descrisse questo lato sconosciuto dello scienziato in una conferenza alla Royal Society nel 1942. Dichiarò:

“Newton non fu il primo dell'Età della Ragione, ma piuttosto l'ultimo dei maghi, l'ultimo dei Babilonesi e dei Sumeri, l'ultima grande mente che ha guardato il mondo visibile e intellettuale con gli stessi occhi di coloro che iniziarono a costruire la nostra eredità intellettuale poco meno di 10.000 anni fa”.

Figure chiave potenti e idee formative

Di volta in volta ci sono idee che sono formative per un'era dell'umanità. Nella biografia di Newton, caratterizzata da un lavoro scientifico di successo e da un personale tumulto interiore, era evidente una peculiare miscela di potere individuale e super-personale. Il super-personale era evidente nell'idea di un essere umano razionale, che ha contribuito a plasmare. “Niente al mondo è così potente come un'idea il cui tempo è giunto” (Victor Hugo). I nuovi sviluppi, prodotti dalle singole personalità, non sono tuttavia di natura individuale; interagiscono con un luminoso spirito dei tempi, portando avanti una nuova fiorente epoca culturale.

Sebbene l'idea dello spirito matematico razionale sia stata realizzata individualmente e messa in ombra dalla natura introspettiva di una personalità interiormente lacerata, il livello spirituale non individuale divenne visibile durante la vita di Newton. Ma sbocciò completamente solo dopo la sua morte, quando, con il passare del tempo, la sua vita fu vista in un contesto storico. Mentre il potere individuale si manifestava nella lotta costante con le filosofie contemporanee e nella lotta per il proprio equilibrio interiore, il potere chiaro e luminoso rimase formativo oltre la fine della sua vita.

Newton come alchimista e scienziato

Come alchimista e scienziato in senso moderno, Newton si trovava sulla soglia di una nuova era. Come matematico, fu un sostenitore della ragione razionale e allo stesso tempo, come descrive Keynes, l'ultimo grande mago. Nonostante le sue difficoltà personali, ha posto la scienza su un nuovo fondamento, che oggi però, a quasi 300 anni dalla sua morte, viene costantemente soppesato e rivalutato. 

Le due facce del potere erano visibili a Newton. C'è un potere che genera movimento e sviluppo dalla luce più alta e più pura, e c'è un potere in cui sono coinvolte le forze dell'oscurità e dell'ignoranza del passato. Per tutta la vita “l'ignoto Newton” ha cercato di approfondire gli aspetti di queste forze, come si può vedere dalla sua eredità scritta. Ma ciò che si ricorda della sua vita sono i fondamenti di una scienza razionale che egli pose.

La luce e il lato oscuro del potere

Non è sempre facile decidere se un lato chiaro o oscuro del potere è all'opera quando una nuova idea prende vita. Durante la vita di Newton, la scienza razionale era un'idea potente e brillante che prometteva alle persone un futuro migliore, una vita migliore. Nel nostro tempo presente, tuttavia, l'idea sembra essersi offuscata alla luce delle molte persone che soffrono le conseguenze negative del suo sviluppo. Quindi, il potere delle grandi idee può forse essere visto come una struttura olografica che contiene sempre tutto in sé ed è multidimensionale secondo la sua origine divina. Nel nostro mondo a quattro dimensioni dispiega la sua mutevole natura di luce e oscurità. Appare in luoghi diversi, in tempi diversi, come causa di epoche culturali fiorenti, solo per coprire la stessa regione di oscurità e sofferenza col passare del tempo.

Oltre la luce e l'oscurità

Ma cosa succede quando ci occupiamo di altre dimensioni, di regni che si trovano oltre i limiti di questo mondo? Newton deve aver affrontato questa domanda. Ha cercato la Pietra Filosofale per tutta la vita. La domanda: come fanno le persone a crescere oltre se stesse? avrebbe potuto preoccupare anche lui. A questo punto vediamo come Newton, nel cercare di rendere questo mondo migliore, abbia cercato ispirazione nei regni spirituali. Qui il potere non si manifesta più nella consueta struttura chiara o scura.

Ora, dopo una lunga e faticosa lotta, per prima cosa impariamo il valore di lasciar andare tutto, di non cercare la vittoria né evitare la sconfitta. Al di là della polarità della luce e dell'oscurità, l'uomo si ferma. Ascolta il potente canto del silenzio, che racconta la storia della sua origine. Si tratta di un'epoca in cui tutto il potere della creazione non era né luce né oscurità.

Questo “primo potere”, il potere del creatore, è una pura concessione. La luce e il lato oscuro del potere divennero effettivi solo quando l'uomo udì le parole: “Io sono il Signore Dio tuo, non avrai altro Dio fuori di me”. A un certo punto del suo sviluppo, il dono che nasce dal silenzio può attirare l'uomo verso l'interiore. Mentre ascolta attentamente l'unico canto che nasce dal silenzio, sente il messaggio: “Ascolta più a fondo, percepisci Colui che tu stesso sei”. Qui la forza è dimostrata dal fatto che la persona fa un passo indietro e diventa sempre più un orecchio che ascolta il silenzio interiore, l'unità interiore. A questo livello sperimenta il potere della creazione.

back to home pdf share