Ray

Il raggio ha un doppio centro

back to home pdf share

Di cosa siamo consapevoli in questo momento? Forse tutti noi di solito viviamo solo con la metà del cuore, inconsapevoli dell'altra metà. Il secondo centro rimane sconosciuto. Ma batte e sospira dolcemente tutto il tempo. Pensi che potrebbe essere così?

La doppia natura provoca disagio, eccitazione dell'anima e un dialogo interiore. Forse c'è già qualcuno che ascolta attentamente, che sente: Ciao, c'è qualcuno là fuori? Mi avete dimenticato…? Arriva sempre un momento in cui ci incontriamo. E quando ci incontriamo, allora mi riconoscerai. Se mi permetto di essere riconosciuto, riconoscerai anche te stesso. Ma non è come immagini. I nostri incontri non sono programmati da te. C'è un piano diverso. Il piano si dispiega da un grande centro che irradia. E ogni raggio ha un doppio centro.

Il mondo intero è radiazione. La materia è energia. Tutto è permeato di radiazioni vibranti. Se, come dice Comenius, ogni raggio ha un doppio centro, significa che la natura dell'universo, dell'uomo e del macrocosmo è duplice. Ci sono due essenze affiancate, due qualità, due ordini, due matrici.

Comenius amplia questa idea: “[...] Quella generale o comune, da cui proviene e a cui ritorna. L'altra è la sua propria [...] Quella comune, che è Dio, creatore e mantenitore del tutto, e l'altra, la sua propria, che è la sua natura data da Dio“ [1].

Ci sono due mondi paralleli che emergono da due centri. Il primo è portato dal raggio dell'eternità, l'altro comprende la variabilità e la caducità.

Quando il raggio dell'eternità vibra all'interno di un essere umano, può essere piacevole e calmante o, al contrario, ci allontana dalla vita di tutti i giorni o provoca una crisi. I nostri sentimenti non contano, sono solo un fenomeno di accompagnamento di un'azione interiore più profonda. Essenzialmente è uno scontro di due differenti radiazioni e nuclei, due matrici. Conosciamo molto bene la vibrazione del transitorio, siamo ben radicati in essa. Esiste anche la vibrazione dell'eterno, ma non tutti ne sono consapevoli. Ci chiama, forse da tutte le parti. È in ogni essere umano, in tutta la creazione. Se la ascoltiamo, ci guiderà e correggerà la rotazione di tutti i raggi che si sono allontanati dal centro originale. La risonanza interiore mostra che tutto inizia in armonia, nel centro dell'eternità.

Immagina una goccia d'acqua che cade sulla superficie dell'acqua. Quando la goccia cade nell'acqua, la superficie piatta, calma e immobile si increspa e forma onde circolari che si diffondono dal centro in tutte le direzioni. Un cerchio segue un altro cerchio. I cerchi più vicini al centro si diffondono nello spazio e quelli più distanti sono appena visibili. Tuttavia, tutti portano le informazioni originali e corrispondono alla vibrazione e all’energia del centro.

Ogni essere umano e l'umanità in generale risiede in uno dei cerchi che vibrano dal centro. Alcune persone sono più vicine al centro, altre sono in un cerchio più lontano. Ognuno è incluso. Nessuno è escluso. Ogni essere umano trasporta le informazioni dal centro. Qualcuno vive già coscientemente a partire dal centro dell'eternità. E un altro ancora non lo fa. Tutti i cerchi risuonano con il loro centro. È solo questione di tempo prima di essere tutti pienamente consapevoli del centro dell'eternità. È una regola.

La sicurezza e l'incolumità emanano dal centro dell'eternità, scriveva Comenius. E questo è esattamente ciò che si può vedere in questa regola.

Viviamo nei nostri centri, che non sono solidi e sono soggetti a deviazioni considerevoli. Il proprio centro è egocentrico. E sappiamo quanto sia vincolante e cieco l'egocentrismo. Naturalmente non può essere altrimenti, perché qualsiasi altro centro che vorremmo afferrare, diverso dal centro dell'eternità, il centro dell'inizio di tutta la creazione, non avrà le qualità del puro potere creativo iniziale e la sua energia. Con i nostri sforzi egocentrici, ci troviamo in circoli viziosi che non risuonano con la vibrazione del centro dell'eternità.

Non è forse l’essere umano libero di decidere e scegliere costantemente in quale centro gettare la propria àncora? La vita non è solo chiedersi costantemente cosa desideriamo, cosa pensiamo e cosa facciamo?

Non è come se ad ogni passo ci trovassimo al crocevia delle onde?


[1] Comenius, Jan Amos: Centrum securitatis. Chlumec nad Cidlinou, Poutníkova četba, 2017, p. 29.

back to home pdf share