spiritual group

Il significato di un gruppo spirituale oggi – Parte 1

back to home pdf share

Quasi tutte le comunità religiose o spirituali nel cosiddetto mondo occidentale stanno vivendo un declino dei membri permanenti. Se vogliamo affrontare la questione del significato dei gruppi spirituali oggi, è di fondamentale importanza chiarire anzitutto le ragioni del crescente rifiuto delle istituzioni religiose e dei gruppi spirituali da parte dell'individuo moderno. Vorremmo iniziare suggerendo quattro possibili ragioni.

La prima ragione è che oggi nei paesi occidentali, nonostante l'attuale situazione speciale, esiste un livello di sicurezza sociale senza precedenti [1] che va di pari passo con la sicurezza psicologica e le libertà personali di vasta portata. Questa situazione apre sempre più opportunità per esprimere l'individualità personale esteriore. L'esperienza di vivere l'individualità, d'altra parte, porta psicologicamente a un'attrazione molto ridotta per comunità e narrazioni spirituali fisse e collettive.

Inoltre, mentre 20 anni fa solo pochi gruppi erano conosciuti e accessibili, oggi ogni gruppo spirituale nel mondo è raggiungibile online. C'è quindi uno spettro online senza soluzione di continuità di gruppi religiosi con le loro visioni del mondo e insegnamenti. Di conseguenza, il punto di forza di un gruppo che prima appariva unico – nell'era "analogica" – è offuscato nell'era dell'informazione odierna. Ci sono quindi ragioni meno evidenti per entrare a far parte di una determinata comunità, accompagnate da un eccesso di opzioni di scelta. Psicologicamente, questo significa che è probabile che non si scelga nessuna delle opzioni.

Un terzo motivo, che va di pari passo con questo, potrebbe essere che nell'odierna era dell'informazione le istituzioni religiose hanno perso il monopolio sulla conoscenza religiosa e sulla sua interpretazione, che ancora detenevano nel secolo scorso. Oggi la conoscenza non è più centralizzata e legata alle istituzioni, ma è accessibile online in qualsiasi momento e in maniera decentralizzata. Le persone entrano sempre più in situazioni in cui possono acquisire le conoscenze a cui sono interessate e di cui hanno bisogno. Anche a questo livello le comunità e le istituzioni spirituali stanno perdendo importanza.

Un ultimo punto potrebbe anche essere il crescente dominio sociale e psicologico della scienza moderna. Ciò porta probabilmente le persone a rifiutare visioni del mondo obsolete o incoerenti di molte comunità religiose e sono anche fondamentalmente critiche nei confronti di approcci come "fede" e "autorità spirituale".

Qual è dunque il futuro delle comunità religiose e qual è il vero compito di un gruppo spirituale oggi?

Un approccio per trovare una risposta

Se vogliamo scoprire insieme qual è il significato e la potenzialità di un gruppo spirituale – nel senso più profondo della parola – dobbiamo affrontare questa domanda in modo imparziale: libera da ogni presupposto, credenza, narrazione, tradizione, immaginazione, passato. È possibile per noi? Saremo all'altezza della dimensione creativa che risiede potenzialmente in un tale gruppo solo se permettiamo alla nostra domanda di condurci oltre tutto ciò che sappiamo e ciò che abbiamo pensato. Quindi non dobbiamo iniziare con ciò che sappiamo. Solo allora il primo passo può essere completamente nuovo. Il primo passo è porre la domanda.

Pertanto, quando ci poniamo questa domanda, non lo facciamo sulla base di speculazioni o deduzioni. Lo facciamo sulla base dell'irrevocabile vitalità di questa domanda. E così, stiamo tutti insieme sullo stesso terreno del non conoscere e degli interrogativi.

Se ci incontriamo effettivamente a questo livello, allora potremmo essere in grado di porre domande come se provenissero da una sola mente. E allora questa domanda non sorge in molti individui separati, ma nella vita stessa, nello spazio che si apre tra di noi.

Il terreno comune più profondo in un gruppo

Stando insieme in questo modo, ci rendiamo conto che il terreno comune più profondo in un gruppo non è la sua conoscenza, le sue opinioni o le sue narrazioni, ma la semplicità della ricerca reciproca nel non-sapere. Nella semplicità del non-sapere vitale, viene rimossa la separazione superficiale tra gli individui e il gruppo viene ricondotto alla sua essenza comune.

Soffermarsi su una domanda che nasce dall’ignoranza ed esplorarla nella pura consapevolezza senza rispondere ha un potere immenso. È pura bellezza quando un gruppo ha questa intuizione in completa chiarezza. Tuttavia, non come una conoscenza appresa, ma come una qualità strutturale che è cresciuta in ogni partecipante grazie alla ricerca e all'intuizione reciproca. Un'intuizione che nasce allo stesso modo dal terreno del non sapere e dell'osservazione silenziosa.

Meister Eckhart (1260-1328) fa un'interessante osservazione su questo aspetto nel suo sermone “Sul Non Sapere". E sebbene sembri rivolgersi all'individuo, le sue parole si applicano anche a un gruppo di persone, o addirittura all’umanità:

Per compiere un atto interiore, un uomo deve attirare tutti i suoi poteri in un angolo della sua anima dove, nascondendosi da tutte le immagini e forme, può agire. Qui deve cadere nell’oblio e nell’ignoranza. Ci deve essere una quiete e un silenzio affinché questa Parola [eterna] possa essere ascoltata. Possiamo servire questa Parola [eterna] nel modo migliore nella quiete e nel silenzio: allora la possiamo ascoltare e comprendere nel non-sapere. A chi non sa nulla appare e si rivela.[2]

Quindi, se noi come gruppo stiamo su questo terreno del non-sapere, possiamo chiederci quale sia il significato di un gruppo spirituale oggi. Allora abbiamo una mente perfettamente ricettiva, una mente libera che non teme che la risposta, che emerge dalla domanda interiore, possa contraddire la propria visione. In effetti, una mente del genere è libera da qualsiasi punto di vista. Ciò significa che la possibilità di sentirsi minacciati dalla verità si è risolta nella pura consapevolezza.

Se ora siamo arrivati così lontano indagando insieme, possiamo chiederci: qual è oggi il significato di un gruppo veramente spirituale?

Quando ci poniamo questa domanda, ci rendiamo conto che la risposta non risiede nel regno del contenuto. Riconosciamo che c'è solo una risposta fluente, vitale, senza parole, nel regno dello spirito a cui l'uomo può partecipare. Questa risposta non si esprime entro certi limiti. È un movimento olistico, indiviso. Un gruppo in grado di fare questa domanda è come un orecchio, come una cassa di risonanza ricettiva. E in questa ricettività, in questo ascolto, in questa risonanza, la verità della risposta si manifesta direttamente a un certo livello nella forza e quindi nell'azione. L'energia creativa ad essa associata è liberata e agisce in base alla propria qualità senza tempo su tutti gli altri livelli dell’essere.

Meister Eckhart continua nello stesso discorso:

Poiché come Dio è sconfinato nel dare, così è l'anima nell'ascoltare o nel ricevere. E come Dio è onnipotente nell'azione, così l'anima è un abisso di presa, e perciò è rimodellata con Dio e in Dio. Dio agirà e l'anima riceverà, si conoscerà e si amerà nell'anima, lei conoscerà con la sua conoscenza e amerà con il suo amore [...].

(continua in parte 2)

 

 


[1] Yuval Noah Harari, Homo Deus: Breve storia del futuro, Bompiani 2018

[2] Meister Eckhart – Sermone 2 – Sul non sapere

 

 

back to home pdf share