salmons

Il tempo della tua vita

back to home pdf share

L'orologio e il “tempo” nel tuo corpo non sono gli unici che contano. Tutto nel cosmo è “temporizzato” in modo molto preciso e la variazione dei tempi dipende, tra l'altro, dal livello di gravità. Sempre più scienziati vedono la gravità come qualcosa di simile al magnetismo. In ogni caso, le regole della correlazione tra tempo e gravità sono le stesse ovunque nell'universo visibile. Per quanto preciso sia il nostro orologio interno, quando la gravità diminuisce, anche il tempo e tutti i processi ad esso correlati cambiano.

Se osserviamo più da vicino l'orologio biologico del nostro corpo, non è del tutto statico. Sappiamo anche che può sbilanciarsi, ad esempio quando viaggiamo velocemente tra diversi fusi orari. Questo è chiamato “jet lag” in riferimento alla modalità di viaggio più comune – in aereo – che provoca l'effetto. Ma possiamo anche avere problemi con i nostri ritmi diurni e notturni se viaggiamo in un paese con una differenza di due o tre ore di luce solare. L'elemento chiave qui è la luce del giorno. L'orologio del nostro corpo ha due fattori importanti che lo guidano. Il primo si basa sui nostri geni, il secondo è la luce del giorno o il ritmo tra il giorno e la notte, quindi la presenza o l'assenza di luce.

Ci si potrebbe chiedere se esiste una certa tolleranza senza che ciò influisca davvero sulla nostra vita, dal momento che molti giovani, ad esempio, preferiscono alzarsi più tardi e prolungare la giornata fino a tarda sera. Vediamo una preferenza simile nei paesi con climi più caldi, perché lavorare e vivere alla luce del sole caldo e luminoso per diverse ore è semplicemente difficile. In sostanza, però, se osserviamo la tendenza del nostro corpo ad essere in equilibrio, è preferibile funzionare come un orologio svizzero, perché così tutti i processi biologici funzionano in modo ottimale.

Quando osserviamo l'aspetto dei nostri geni e l'equilibrio biochimico, vediamo che gli ormoni e le sostanze chimiche hanno il grande ruolo di fattori abilitanti, cioè di abilitare i processi correlati. Sostanze come la melatonina sono strettamente legate alla presenza o assenza di luce e ci permettono di dormire bene e abbastanza a lungo. In tutte le culture ed epoche, le persone hanno sviluppato metodi per “modificare” quella parte dell'equazione dell'orologio in equilibrio. Lo facciamo per vari motivi. Possiamo assumere una varietà di droghe per farlo. Raccogliamo qualche altro esempio di variazioni su questo equilibrio, le loro tolleranze e la loro funzione e poi vediamo se e come questo argomento può avere una rilevanza spirituale.

Ogni specie di vita ha anche un buffer per proteggere il proprio orologio, principalmente per motivi di sopravvivenza. Rallentare la frequenza dell'orologio è qualcosa che molti pesci possono fare. L'obiettivo potrebbe essere quello di sopravvivere in un lago d'inverno adattandosi a quattro gradi centigradi, la temperatura dell'acqua con la più alta densità, e si crea quindi uno strato d'acqua sul fondo del lago che non gela. Non è un trucco facile da ottenere per questi pesci. Oltre a un metabolismo e una frequenza cardiaca inferiori, al sangue vengono aggiunte sostanze antigelo, che è un fenomeno biologico intrigante.

I coccodrilli possono rallentare il ritmo del loro orologio a un punto tale da poter sopravvivere fino a sei ore senza respirare, con una frequenza cardiaca di soli tre battiti il minuto. Possono anche passare un anno o anche due senza cibo, se necessario. Gli scienziati affermano che questo è il motivo per cui questa razza di dinosauri è sopravvissuta all'impatto della cometa 65 milioni di anni fa che ha provocato l'estinzione di circa il 90% di tutta la vita sulla Terra.

Anche il corpo umano è dotato di un orologio di sopravvivenza. Non si ferma se hai una brutta giornata; non corre due volte più veloce se sei felice. Fornisce stabilità e protezione, in modo che tu, come essere umano, possa vivere attraverso gli alti e bassi e i cambiamenti della vita. A che fine?

Ogni forma di vita vive per uno scopo e il rinnovamento della vita è un tale scopo. Gli elementi di stabilità nel tempo e la capacità di sopportare una varietà di circostanze interagiscono tra loro per ottenere il risultato desiderato e raggiungere un obiettivo nella vita. Se guardiamo di nuovo agli esempi, diventa più facile capirlo. Ancora un'altra specie di pesce: il salmone atlantico. A una certa età risale un fiume, lo stesso fiume in cui è nato, anche se ha percorso un'incredibile distanza in mare aperto dalla sua nascita. E poi questo pesce muore dopo un grande sforzo – per dare la vita alla prossima generazione – seguendo il suo orologio interno, molto preciso, collegato al suo obiettivo. Sappiamo che il salmone muore dopo aver risalito il fiume e aver fatto nascere la sua prole.

Ma perché questo lungo cerchio di vita nell'oceano? La lotta fa parte del suo sviluppo. La forza e la potenza del salmone, sviluppate nuotando negli oceani, sono necessarie per raggiungere il suo obiettivo e completare il cerchio. Se un organismo non avesse un orologio interno sincronizzato con l'ambiente in cui vive, il suo scopo non sarebbe sostenuto e la sua vita diventerebbe presto impossibile.

Anche gli esseri umani hanno obiettivi nella vita, e scegliamo i nostri obiettivi nel miglior modo possibile. Per restare nell'esempio che abbiamo appena fatto, anche noi abbiamo una fase della vita biologicamente ottimale per trasmettere la vita che è in noi. Non funziona sempre, ma se funziona, normalmente non moriamo dopo averlo fatto. Restiamo con la nostra prole. Uno degli obiettivi è garantire la sopravvivenza dei nostri figli, ma anche consentire a loro di sviluppare la propria visione della vita e il proprio ruolo in essa, qualunque essa sia.

Una persona che invecchia non può mai controllare la vita della prossima generazione, ma solo renderla possibile. I nostri figli spesso imparano cose che non abbiamo mai considerato e possono impararle da fonti che non sapevamo esistessero. I nostri figli non sono semplici copie di noi, sono in qualche modo o in gran parte diversi... e quindi possiamo imparare anche da loro. Molto, in effetti.

La vita ha un prezzo, ma restituisce sempre qualcosa. E se ce la facciamo, se raggiungiamo i nostri obiettivi, che si tratti di rendere possibile una nuova vita o qualcos'altro, siamo realizzati. La lotta può essere ricompensata con qualche creazione, nuove prospettive, nuove intuizioni, grandezza e gratitudine. Se guardiamo a ciò che ci soddisfa di più, non è solo la nascita di una nuova vita, ma forse ancora di più la profondità del nostro rapporto con gli altri. I sentimenti che condividiamo, i pensieri che ci scambiamo, l'ispirazione che riceviamo gli uni dagli altri... e qualche scoperta di saggezza sarebbe certamente una grande risorsa.

C'è anche un avvertimento, si potrebbe dire che alcune persone sono dannose e negative: che dire di questo aspetto? Infatti, chi distrugge o turba l'equilibrio, e forse la vita stessa, non può produrre felicità e gratitudine. Tutto ha conseguenze. La maggior parte di noi lo capisce e sceglie saggiamente. In una vita umana ci sono molte scelte che dobbiamo fare e solo dopo scopriamo quanto siano state sagge.

Non possiamo giudicare lo scopo di un'altra specie e neppure di un'altra persona nella vita, ma possiamo cercare di capirlo. Quando troviamo il nostro scopo o formuliamo i nostri obiettivi, non possiamo sempre spiegarlo facilmente a qualcun altro. Questo perché solo noi sperimentiamo noi stessi interiormente, e sappiamo quale esperienza ci ha permesso di scoprire chi siamo e cosa intendiamo fare della nostra vita. Qualsiasi altra persona può vederci, ascoltarci o sentirci solo indirettamente.

Tuttavia, abbiamo bisogno di questo scambio con gli altri, per quanto indiretto possa essere. Ed è una grande gioia o sollievo quando sperimentiamo una comprensione reciproca. 

Tutto questo richiede tempo, e se tutti gli intriganti meccanismi per mantenere l'equilibrio e mantenerci sincronizzati con il tempo e il nostro pianeta non funzionassero correttamente, non dureremmo abbastanza a lungo per trovare il nostro scopo.

In tutto questo, la stabilità del nostro corpo fisico e del suo orologio interiore è di vitale importanza, perché supporta ogni aspetto della nostra esistenza. Se il nostro orologio interiore fosse fuori controllo, presto non saremmo in grado di dormire regolarmente o di essere veramente svegli. Anche i nostri sensi, il nostro cuore e il nostro cervello smetterebbero di funzionare correttamente. Come potremmo allora mantenere il nostro orientamento nella vita e nelle nostre relazioni, che sono così importanti per noi?

Tuttavia, la comprensione interiore e migliore del mondo e dell'universo rimane sempre nostra. Fa parte della nostra vita e dobbiamo avere il coraggio e la forza di metterlo alla prova ogni giorno fino alla fine del viaggio. La nostra comprensione del mondo ci permette di cercare nuove strade, di capire quali sono le nostre possibilità e cosa possiamo e cosa non possiamo fare. Cresciamo nella comprensione, dubitiamo, impariamo di nuovo. I risultati in ogni periodo della nostra vita ci dicono se abbiamo ragione e se possiamo continuare a costruire e realizzare il nostro piano per raggiungere la prossima destinazione.

Il cammino, dicono alcuni, è la meta. Spesso non sappiamo esattamente quale sia la nostra prossima destinazione... ma il cammino è sempre lì. Come l'orologio in noi che fornisce stabilità, il cammino rivela opzioni e ci mostra cosa è reale e cosa è un sogno... e quale dei nostri sogni potrebbe, quindi, diventare realtà.

Un giorno l'orologio del nostro corpo si fermerà e vedremo se c'è un altro orologio e un altro universo. Se c'è, molto probabilmente esisterà nel suo tempo e nel suo equilibrio per aprire un percorso verso il prossimo obiettivo.

back to home pdf share