Ginkgo Biloba, Goethe

Il Vegetarianismo e le sue origini – Parte 2: dai Pitagorici ad oggi

back to home pdf share

Parte 1

 

I Pitagorici erano noti per il loro modo di vivere particolare e rigorosamente controllato, le cui caratteristiche includevano regole alimentari e principi etici. Platone testimonia che avevano anche regole di vita Orfiche; menziona un passato in cui queste regole erano universalmente seguite.

Le norme includevano – almeno tra coloro che appartenevano alla cerchia più ristretta – un vegetarianismo eticamente motivato, che era legato alla dottrina della trasmigrazione delle anime e una conseguente maggior considerazione del valore della vita, compresa la vita degli animali.

Molti argomenti per una dieta senza carne, che sono validi ancora oggi, esistevano già a quel tempo. Inizialmente, tuttavia, la dieta vegetariana aveva principalmente ragioni religiose. Pitagora riprese il vegetarianismo degli Orfici e lo sviluppò in un vegetarianismo etico.

Per molti secoli, le persone che non mangiavano carne non furono chiamate vegetariane, ma "pitagoriche". Erano considerate sospette, perseguitate e persino uccise, fino al Medioevo.

Maggiori informazioni sui Pitagorici

I Pitagorici (greco antico Πυθαγόρειοι Pythagóreioi o Πυθαγορικοί Pythagorikoí) erano i membri di una scuola filosofico-religiosa, anche politicamente attiva, che Pitagora di Samo fondò nell'Italia meridionale nel VI secolo a.C. e che continuò la sua attività per diversi decenni dopo la morte di Pitagora. In un senso più ampio, il termine si riferisce a tutti coloro che da allora hanno ripreso le idee di Pitagora o idee a lui attribuite e le hanno rese una parte essenziale della loro visione del mondo.

Quel che è certo è che in alcune città greche dell'Italia meridionale c'erano comunità di Pitagorici, che si consideravano un movimento riformatore della società e della politica. Seguendo gli insegnamenti del fondatore della scuola cercavano di influenzare le scelte dei governanti locali. Nel VI secolo a.C. ciò portò a conflitti seri e violenti, che alla fine si conclusero con la sconfitta dei Pitagorici. Nella maggior parte delle città furono uccisi o cacciati.

Il cosmo forma un'unità armoniosa

Una caratteristica dei Pitagorici è la convinzione che il cosmo formi un'unità armoniosa, strutturata secondo determinati rapporti numerici, le cui singole componenti sono anche armoniosamente strutturate o, per quanto riguarda le condizioni di vita umane, possono essere progettate armoniosamente. Pensavano che in tutte le aree – nella natura, nello stato, nella famiglia e nell'individuo umano – si applicassero le stesse leggi esprimibili numericamente, e che l'equilibrio e l'armonia debbano essere perseguiti ovunque e che la conoscenza delle relazioni numeriche rilevanti consente uno stile di vita saggio e naturale. Non hanno limitato la ricerca dell'armonia alla società umana, ma l'hanno estesa alla totalità degli esseri viventi, cosa che si è manifestata nella richiesta di considerazione per il mondo animale.

L’anima è immortale

La dottrina dell'immortalità dell'anima è una delle parti più antiche della prima filosofia Pitagorica. È una delle caratteristiche comuni più importanti del Pitagorismo e del Platonismo, che si influenzarono a vicenda nel corso del loro sviluppo e, per alcuni filosofi, si fusero l’uno con l’altro. I Pitagorici, come i Platonici, erano convinti della trasmigrazione delle anime, e pensavano che non ci fosse alcuna differenza essenziale tra le anime umane e quelle animali.

Come molti altri movimenti filosofici, i Pitagorici propugnavano il controllo dei desideri e quindi anche uno stile di vita semplice e una dieta frugale. Il fatto che rifiutassero ogni lusso, in particolare il lusso dell'abbigliamento, era il risultato del loro desiderio di mantenere la giusta misura e quindi di realizzare l'armonia.

Una delle componenti fondamentali del Pitagorismo originale era il vegetarianismo. Era definito: "astinenza dall'animato".

La "dieta Pitagorica" consisteva in pane, miele, cereali, frutta e verdura. L'esercizio fisico era importante, come anche le attività musicali.

Vegetarianismo tra i primi Cristiani

La storiografia antica insegna che molti dei primi Cristiani non si cibavano di carne. Fino al IV secolo, le bevande alcoliche e la carne erano in gran parte evitate. Tertulliano, il più antico scrittore della Chiesa latina, dichiarò intorno all'anno 200 che i "veri cristiani" erano vegetariani. A Paolo, invece, piaceva mangiare carne e affrontò la questione nelle sue lettere. Una svolta epocale avvenne nel IV secolo quando l'imperatore romano Costantino fece del Cristianesimo la religione di stato nell'Impero Romano. Lui stesso non voleva fare a meno della carne e del vino. Nel 325 convocò il Concilio di Nicea e incaricò gli studiosi di "selezionare" e "correggere" i numerosi documenti dei primi cristiani sulla vita e gli insegnamenti di Gesù. Oltre a molte altre affermazioni, ne furono vittime anche quelle dirette contro il consumo di carne. Proseguendo su questa linea, Tommaso d'Aquino (1225-1274) dichiarò che l'uccisione di animali era consentita dalla Provvidenza, perché gli animali non avevano un'anima. 

Una rinascita nel XIX secolo

Nel XIX secolo, la dieta alternativa e senza carne conobbe una sorta di rinascita e il termine "pitagorico" cambiò in "vegetariano". August Bebel (autore e co-fondatore della socialdemocrazia tedesca) ha dichiarato: "A quanto pare, con la crescita della cultura, la dieta a base di carne viene sostituita da quella a base di vegetali".

Lo stile di vita vegetariano ha potuto affermarsi in Europa attraverso il cosiddetto movimento "Lebensreform" (riforma della vita). La crescente prosperità e gli effetti negativi sulla salute e sull'ambiente che derivano dalla crescente industrializzazione hanno portato a una nuova consapevolezza, che ha indotto molte persone a preferire addirittura una dieta completamente priva di elementi animali (vegana).

Non mangiare carne e lo stile di vita associato a un'alimentazione sana significano anche dare un segnale contro gli allevamenti intensivi, i cambiamenti climatici, gli scandali ambientali e contro le sostanze nocive nei mangimi. La nostra attuale situazione critica può contribuire a un nuovo riconoscimento del valore della vita e forse anche dell'unità di tutta la vita.

Appendice:

Famosi seguaci o sostenitori del vegetarianismo dai tempi antichi ad oggi sono stati :

Zarathustra/Zoroastro, Pitagora, Buddha, Siddhartha Gautama, Socrate, Diogene di Sinope, Ashoka, Orazio, gli apostoli Cristiani Pietro, Giovanni e Matteo, Seneca il Giovane, Plutarco, il profeta Maometto, Leonardo da Vinci, Sir Isaac Newton, Francois de Voltaire, Alexander von Humboldt, George Sand, Wilhelm Busch, Max Oskar Bircher-Benner, MD, Mahatma Gandhi, Albert Einstein (verso la fine della sua vita), Yehudi Menuhin, il Dalai Lama.

Atleti professionisti come Carl Lewis, Edwin Moses, Martina Navratilova, Bill Pearl (bodybuilder), Carlos Roa (portiere Argentina), Dennis Rodman (giocatore di basket professionista), Sean Yates (ciclista), Abele Ridgely (vincitore del campionato mondiale di karate), Andreas Cahling (bodybuilder svedese), Roy Hinnen (triathlon), Nurmo Paavo (22 record mondiali di corsa su lunga distanza e 9 medaglie olimpiche).

Attori come Richard Gere, Jean-Claude Van Damme,

ex Beatles Sir Paul McCartney e Sir Ringo Starr

back to home pdf share