Greece

Il Vento del Paradiso soffia tra le orecchie dei cavalli

back to home pdf share

 

"Il vento del Paradiso soffia tra le orecchie dei cavalli", dice un vecchio detto dei nomadi del deserto. Andare a cavallo è quindi come stare tra il cielo e la terra.

Amo molto cavalcare nella vasta foresta che circonda la mia casa. Di solito prendo con me due cavalli dalla mia stalla.

Cavalco spesso Grace, un bellissimo cavallo spagnolo dal manto bianco immacolato, mentre l'altro mi segue alla mia destra guidato da una fune. Il cavallo alla mia destra, di nome Rétive, è un grigio pezzato, con un collo massiccio e una groppa generosa. È un cavallo potente con un carattere forte e a volte ostinato.

Grace trotterella leggermente, ondeggiando elegantemente come una ballerina, mentre Rétive colpisce il suolo con forza con i suoi zoccoli. Quando il il vento si alza e i lampi illuminano il cielo, noi galoppiamo attraverso il prato, mentre il rotolare degli zoccoli si fonde con il rombo del tuono.

Queste non sono solo passeggiate a cavallo, ma implicano anche una profonda connessione personale tra cavallo e cavaliere. Perché, come saprai, i cavalli sono estremamente sensibili allo stato interiore del loro cavaliere, e se i pensieri del cavaliere sono distratti o le sue emozioni sono in subbuglio, il suo cavallo non avrà fiducia in lui.

Ma se il cavaliere è pienamente presente, consapevole del privilegio del momento, ancor meglio, se è consapevole della bellezza di ogni momento, se è interiormente concentrato, luminoso e limpido come una pura scintilla di vita, il suo cavallo non cesserà di portarlo e di servirlo, superando anche le sue aspettative. Con i cavalli, l'ideazione chiara precede l'azione giusta, proprio come nel mondo dell’anima.

Ogni uscita con i cavalli è una lezione. Nei quasi vent'anni che cavalco nella foresta, sono arrivato a credere che la forza che mette in moto un cavallo non sono i suoi zoccoli, ma un potere misterioso, il potere del retto pensiero, il potere universale dell’amore.

Quando si va al galoppo e si è come se fossimo tutt'uno con la natura, la meditazione raggiunge un livello più profondo. Allora ho la sensazione di essere trasportato in un altro regno. Comprendo allora la leggenda del cavallo alato, Pegaso, che si avvicina alla montagna degli dei; o la visione dei quattro cavalli dei venti delle quattro direzioni cardinali. Sento interiormente il movimento universale, il corso del sole, l'elevazione dell’anima.

Ma quando Rétive, il cavallo alla destra, mostra disagio o vuole scegliere un percorso meno difficile, una pendenza più agevole, tira violentemente la fune, a volte quasi buttandomi a terra. In quei momenti sono improvvisamente riportato alla realtà del presente, fondato sulle emozioni negative. I pensieri elevati, lo stato meditativo, la consapevolezza di essere tutt'uno con l'universo, scompaiono in un istante. Vedo solo il collo grosso e la testardaggine di Rétive, teso contro la fune, che mostra il suo cattivo umore perché il sentiero è troppo roccioso, oppure perché è attratto dall'erba alta del percorso. Devo rallentare a malincuore, fermarmi e abbandonare la corsa.

I due cavalli, o l’Arcano del Carro, sono un simbolo universale dell'anima e delle forze che la mettono in moto. Queste forze spirituali sono rappresentate sugli arcani dei Tarocchi, il Carro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Più di due millenni fa, Platone conosceva la magia dei cavalli. Nel suo libro di dialoghi, Fedro, ci dice che l'anima assomiglia alla forma di una carrozza alata e del suo conducente. Il cocchiere rappresenta l'essenza divina dell'anima, il principio guida, mentre i cavalli rappresentano la forza fondamentale della manifestazione. È la forza che permette all'anima di muoversi e di agire.

Il mito greco racconta che quando il cocchiere torna dal suo viaggio celeste e giunge sul monte Olimpo dove risiedono gli dei, pone davanti ai suoi cavalli cibo divino, l'ambrosia, e li abbevera con il nettare. Quindi il cocchiere striglia con cura e amore i suoi cavalli, perché hanno scalato il cielo, percorrendo l'intera volta celeste dall'alba al tramonto.

Il cocchiere qui rappresenta l'archetipo, il mondo delle idee. La sua intenzione è quella di compiere un viaggio, ma sono i cavalli che manifestano l'idea e realizzano l'intenzione. Dall'idea alla realtà, è la formula magica che muove l'intero universo.

Platone parla di “idee” come entità che hanno una forma immutabile, che non conoscono né nascita né morte, che non ammettono mai in sé alcun elemento estraneo alla loro natura, che non si trasformano mai e che sono comprese solo dall'intelletto. Come le intenzioni dei miei cavalli, le “Idee” rimangono invisibili ai sensi, ma le loro conseguenze diventano del tutto evidenti quando i cavalli partono al galoppo. Le idee sono fatte di un'essenza eterna, incorruttibile. Non sono vincolate alla contingenza o alla relatività delle cose che cambiano, ma rimangono statiche, immortali ed eternamente vibranti.

Per gli antichi greci, l'anima umana era considerata simile all'Idea. L'anima è come quel cavaliere che guida i suoi cavalli. Come l'universo delle idee invisibili trascende e governa il mondo manifestato, visibile ai sensi, così l'anima comanda, domina e guida il corpo visibile.

Eppure è molto difficile, se non impossibile, per un essere umano comprendere appieno l'anima, o l'universo delle Idee.

Impossibile... perché la carrozza dell'anima è guidata da due cavalli con caratteri opposti. C'è il cavallo bianco, Grace, che è buono, bello, magnifico e possente, con il collo alto e il muso leggermente ricurvo, proprio come gli eleganti cavalli arabi. Il suo mantello è bianco e i suoi occhi neri, e ha un carattere cortese e gentile. Gli basta una parola di incoraggiamento, o uno sguardo, per rispondere.

Ma l'altro cavallo è irrequieto, aggressivo e non collaborativo. Platone lo descrive così: ha il collo grosso, la nuca corta, il muso tozzo, il mantello grigio scuro, orecchie pelose e occhi grigio chiaro. Ha un carattere sanguigno, irascibile e spesso testardo.

Marsilio Ficino, quando pubblicò a Firenze, nel 1484, la sua traduzione delle opere di Platone, accompagnò con un commento il mito di Fedro e della carrozza trainata dai cavalli. Paragonò i due cavalli a due caratteristiche dell'anima umana.

Disse che il cavallo bianco è moderato e riservato. Per essere guidato non ha bisogno di essere frustato. Il cavallo grigio invece è ostinato e irrequieto. Le sue reazioni sono eccessive e piene di rabbia e vuole essere sempre davanti. È così guidato dalla passione e dalla rabbia che ci vuole una frusta chiodata per ottenere qualsiasi forma di obbedienza. Spesso il cocchiere deve usare la forza per ottenere una parvenza di collaborazione e per evitare che il suo comportamento sfrenato rallenti la carrozza o addirittura causi una caduta catastrofica. Di conseguenza, il cavallo grigio teme le azioni punitive del cocchiere, sussultando nervosamente ad ogni suo movimento, complicando così il movimento della carrozza.

Marsilio Ficino osserva giustamente che questo cocchiere ha un lavoro molto ingrato: il cattivo umore di uno dei suoi cavalli ostacola profondamente il buon andamento della carrozza e complica molto il suo lavoro. La natura opposta dei due cavalli provoca continua disarmonia e rallenta il viaggio.

Di conseguenza, la salita, l'ascesa spirituale, diventa molto difficile. Il cavallo irrequieto combatte con tale passione che trascina l'intera carrozza verso terra, costringendo il cocchiere a usare misure sempre più adeguate.

È la lotta simbolica dell'anima umana. Come il cocchiere, l'anima è continuamente impegnata nel tentativo di riportare equilibrio e armonia ai suoi due cavalli, e quindi non è in grado di concentrarsi su nient'altro. Solo per istanti fugaci si presenta l'occasione in cui può guardare verso la meta, il cielo, il mondo delle Idee. E così acquisisce del mondo delle idee solo una visione frettolosa e incompleta. A causa della fatica, degli incessanti sforzi per padroneggiare la carrozza, l'anima umana si allontana dalla meta, dal cielo, senza essere mai stata iniziata alla contemplazione della realtà delle Idee.

Nella sua essenza più profonda, l'anima umana è collegata al mondo delle Idee. La sua essenza è incorruttibile, eterna. Ma possiede anche una natura profondamente divisa. La mescolanza di questi elementi costitutivi fa sì che l'anima incontri dolorose difficoltà nella sua ascesa al mondo delle Idee. Tutti e tre gli elementi che costituiscono l'anima, siano essi il cavallo bianco, il cocchiere o il cavallo grigio, sono tutti rivolti alla stessa meta. Sono tutti spinti a tornare alla loro casa sul Monte Olimpo e a bere ancora una volta l'ambrosia. Ciò che li separa e provoca disordine è il modo per raggiungere la meta. Il cavallo bianco è moderato, disciplinato e segue le indicazioni del cocchiere. Il cavallo grigio si lascia possedere dalle sue emozioni e, sebbene sia anche forte e determinato, la sua sregolatezza compromette seriamente la capacità del carro di raggiungere la meta.

In questa costante instabilità, l'armonia e la cooperazione possono essere ristabilite solo dal cocchiere attraverso l'uso della forza, infliggendo punizioni e sofferenze. È la natura antagonista dell'uomo, le sue passioni, che sono la causa delle sue difficoltà.

Anche il conducente sperimenta questa duplice natura. Una parte della sua coscienza lo eleva a una realtà superiore, mentre l'altra lo immerge nelle profondità della realtà materiale del mondo. Uno è sottomesso, obbediente e gentile, mentre l'altro è ribelle e ostinato. Eppure questi due aspetti della coscienza sono indissolubilmente uniti. Proprio come i due cavalli hanno lo stesso desiderio di riposare e bere, così i due aspetti della coscienza condividono il desiderio di raggiungere l'unico obiettivo.

Tutti vogliono ripristinare l'unità del tutto per accedere alla verità. Proprio come la carrozza, l'essere umano ha bisogno della forza motrice del desiderio per accedere alla verità del mondo dell’anima.

Il cavaliere dell'anima scopre finalmente il desiderio che è al di là della dualità, il puro desiderio che tiene in movimento l'universo. Ed ecco il vento del Paradiso che soffia tra le orecchie dei cavalli.

Oltre le sfere del giorno e della notte, preceduto dai miei due cavalli, varco le porte della verità.

back to home pdf share