Journey

Il viaggio dell'immortale

back to home pdf share

La maggior parte delle persone vorrebbe fare delle esperienze interessanti.
Tuttavia, hanno anche bisogno di sicurezza. La crescita e lo sviluppo vanno bene – ma all'interno della nostra zona di comfort, per favore. In questo modo, siamo pronti a svilupparci e a metterci alla prova. Pertanto, quelle avventure che sembrano controllabili danno eccitazione. Ce n'è una vasta gamma, e ognuno sceglie il proprio grado di intensità.

Preferite scalare una montagna (che non sia troppo difficile) o volete fare un bungee jumping?
Una gita nel deserto o una vacanza al mare con una serata di musica folk? Preferite leggere un thriller o una storia d'amore? O preferite avere una storia d'amore? Abbiamo delle esperienze, ma di solito non sono altro che un insieme di momenti interessanti, che vengono eliminati poco dopo, perché non c'era niente che ci arricchisse veramente, solo un po' di pittura che prendeva vita e si sbiadiva di nuovo.

È la nostra "normalità" che crea queste crisi?

Diventa più interessante se diamo uno sguardo a ciò che accade nel mondo. Possiamo vedere crisi ovunque. C'è la crisi climatica, la crisi ambientale, la crisi dei rifugiati, le crescenti aggressioni tra gli stati, gli stati al collasso, le alleanze che stanno cadendo a pezzi. Cosa vogliono dirci? È la nostra "normalità" che crea queste crisi? È possibile che siamo spesso indifferenti alle conseguenze del nostro modo di vivere, di ciò che causiamo con le nostre paure, i nostri desideri e le nostre ambizioni? I problemi che non possiamo percepire e risolvere nella nostra vita privata si riflettono su larga scala? La nostra vita privata non oscilla spesso tra interessi opposti? I nostri stessi obiettivi conflittuali non ci portano forse ad uno stato di stagnazione? Una "crisi" è una situazione decisiva che, se prendiamo la decisione giusta al momento giusto, può essere un punto di svolta.

L'umanità può agire diversamente su scala globale solo se molte persone sono pronte a conoscere se stesse e se trovano i problemi in se stesse.

Possiamo arrivare al fondo del nostro ego? Dobbiamo percepire che, nonostante la nostra intelligenza, ci sono molte cose che non vogliamo vedere. Il nostro cuore è spesso cieco e indifferente. Le paure inconsce causano molti dei nostri comportamenti e ci impediscono di affrontare positivamente i cambiamenti necessari. Non ci conosciamo abbastanza e questa ignoranza va più in profondità di quanto vediamo nella nostra vita esteriore percepibile. La consapevolezza che ci manca qualcosa può svilupparsi solo quando il temporale dentro di noi può essere condotto all'incontro con l'eterno.

La nostra vita su piccola scala può insegnarci molte cose necessarie. Spesso è attraverso le difficoltà che abbiamo superato o anche dalle perdite che abbiamo subito che possiamo emergere con più potere. Possiamo essere sollevati quando abbiamo gettato in mare un'altra illusione, anche se all'inizio non è stato fatto volontariamente. Possiamo essere rafforzati perché abbiamo avuto l'esperienza che una perdita non ci ha tolto nulla di essenziale. Sperimentiamo una libertà inaspettata, l'inizio di un'indipendenza dalle cose e dalle circostanze, dai desideri, dalle paure e dai bisogni.

Sul fiume della vita

Ogni volta che ci coinvolgiamo veramente con le persone e le situazioni, può essere illuminante e liberatorio. Chi osa seguire spontaneamente una situazione e rifiuta i propri progetti di vita o addirittura lascia un percorso apparentemente tracciato, scoprirà dentro di sé nuovi lati. Attraverso la loro devozione, queste persone troveranno dentro di sé una profondità di cui non sapevano nulla. Scopriranno che cesellare su se stessi è stato meno efficace di quanto il fiume della vita abbia reso visibile. Allora può svilupparsi una certa libertà, per esempio, la libertà dalla rappresentazione di sé, dai ruoli preconcetti. Poi ci si può chiedere se il sé è definibile e terminabile. Non c'è forse la massima verità nell'oblio di sé, nella cooperazione con gli altri?

La nostra visione della vita è affinata attraverso tutte queste esperienze. Ora cerchiamo la pienezza, l'amore, la perfezione. D'ora in poi diventa difficile, perché l'esperienza della pienezza non può essere mantenuta. Se cerchiamo di mantenerla, sperimenteremo un ristagno. Cerchiamo il vero amore e ci rendiamo conto che stabiliamo delle condizioni e che valutiamo il bilancio tra dare e prendere. Vogliamo recuperare il primo grande anticipo di sentimenti che abbiamo dato via. È normale pensare che la vita (e gli altri) ci debbano qualcosa. Ma è questo il caso?

Se cerchiamo la perfezione, dovremo essere onesti con noi stessi. Possiamo farlo realizzando che siamo un tutt'uno con noi stessi nel nostro pensare, sentire e agire. Tuttavia, ci sono troppi obiettivi contrastanti dentro di noi.

Vorremmo avere la sicurezza del nostro benessere e la libertà di un bagaglio leggero. Vogliamo essere un tutt'uno con tutte le anime là fuori, ma possiamo rimanere tra le nostre quattro mura, per favore? Ci piace aiutare, ma su quali basi e con quale impegno? Possiamo essere veri, possiamo essere buoni? Può un essere umano essere buono? "Nessuno è buono, nemmeno uno", disse Gesù. Questa frase è un avvertimento, che però non impedirà alle anime di cercare.

La vita ci regala sempre le nostre avventure in incontri inaspettati, nelle relazioni in cui entriamo, nei conflitti che accettiamo e attraverso le esperienze. I fallimenti possono improvvisamente svelare un tesoro interiore inaspettato, che ci mostra un luogo dentro di noi, in cui mio e tuo, sbagliato e giusto, si fondono in qualcosa di nuovo. Si apre un cammino su cui c'è fiducia, dove diventa possibile perdere "noi stessi" senza aspettative e dove siamo portati dall'ignoto che ci aspetta alla fine del cammino.

L'Immortale dentro di noi viaggia attraverso lo spazio e il tempo

Come ci apparirebbe il nostro viaggio di vita se potessimo vederlo dalla prospettiva dell'eterno che è in noi? Cerchiamo "noi stessi"; l'eterno dentro di noi vuole mostrarsi come il vero sé. Siamo riflessi nelle persone e nelle cose; l'eterno si riflette in noi – ma lo capiamo? Cerchiamo la perfezione nelle cose effimere, ma esse sono "solo una parabola" per l'eterno. Cerchiamo l'unità e ci lasciamo incatenare. Ma c'è l'immortale dentro di noi, che è collegato al tutto e che vuole sciogliere le sue catene temporali. Abbiamo a disposizione un periodo di circa ottant'anni; l'eterno viaggia nello spazio e nel tempo da tempi immemorabili. Siamo in separazione. L'eterno, tuttavia, è parte integrante dell'universo divino; è un microcosmo, un piccolo universo, che vuole raggiungere la meta del suo viaggio con il nostro aiuto. Questo significa che il microcosmo ci accompagna attraverso tutte le esperienze che facciamo. Viviamo una vita avventurosa, ma l'avventura del microcosmo, dell'eterno dentro di noi, è ciò che siamo veramente.

Spesso quando superiamo perdite o difficoltà o se sperimentiamo qualcosa di particolarmente bello o toccante, possiamo avere un momento di libertà.

Allora agiamo senza paura, ci lasciamo andare senza aver paura delle conseguenze. All'inizio è un processo di maturità dell'anima. Da lì si sviluppa la coscienza dell'anima e cresce l'apertura verso l'insondabile, l'eterno in mezzo a noi (e dentro tutti gli altri!). Impariamo ad ascoltare dentro di noi. L'amore e la devozione per il sé divino possono crescere in coloro che procedono. Per la prima volta, c'è la percezione che l'eterno ha bisogno del temporale, che passa attraverso uno sviluppo con il nostro aiuto. Un incontro consapevole non è però ancora possibile.

Ma qualcosa di strano sta accadendo. Tutti gli incidenti diventano un cancello aperto. Se lo attraversiamo, ci avviciniamo all'eterno, attraverso tutto ciò che costituisce la nostra vita. Sembra allora che tutto ciò che accade voglia canalizzare questa via per noi.

Allo stesso tempo è iniziata una grande trasformazione nella nostra coscienza, nel nostro pensiero e nel nostro sentimento. I limiti sono aboliti.

Le paure, l'ostilità e la polarità diventano più deboli; l'unità in tutto diventa visibile. Inoltre, questa unità diventa la base del nostro pensiero e del nostro sentimento. Questo è l'inizio di una trasformazione. Una nuova volontà crescerà in coloro che di conseguenza perseguono questo cammino.

Supereranno i vecchi legami materiali. Questa nuova volontà diventa una fonte di forze vitali che non si prosciugheranno mai; sarà la porta di una vita imperitura. Nuove forze fluiranno in tutto l'essere e lo trasformeranno. Per l'ego temporale, è un modo di lasciarsi andare, di separarsi, di "perire" e di "risorgere" nel Nuovo che si avvicina. Alla fine, è una rinascita dell'eterno in mezzo a noi. Chi percorre questa via diventa abitante cosciente di due mondi, cioè di quello eterno e di quello temporale. Esiste un'avventura più grande di questo viaggio?

 

back to home pdf share