Ralph

Il viaggio di Ralph nella Terra della Comunicazione

back to home pdf share

In realtà, l'iniziò non fu dei migliori. Ralph era nato con la camicia ("Eri completamente sporco quando sei nato", gli disse poi sua madre). Sua madre non aveva latte e così Ralph fu nutrito con il biberon. Il suo corpo delicato era piagato dalla testa ai piedi da un eczema rosso acceso, sul quale era stato spalmato un unguento marrone scuro di catrame. Su prescrizione del medico, dei tubicini erano stati posti intorno alle sue braccia, in modo che non si graffiasse. Questo piccolo mostro grasso, marrone scuro, urlante con le braccia rigide doveva fare a meno delle coccole materne. Sperimentò subito il distacco.

Quando Ralph aveva due anni si svegliava sempre presto e gli era permesso di entrare nel letto dei suoi genitori, come i suoi fratelli maggiori. I suoi fratelli si addormentavano con i pollici in bocca vicino ai loro genitori. Ralph invece si sedeva sulle loro teste e gli tirava le sopracciglia.

Quando iniziò a parlare le cose sono peggiorate. Non dava nulla per scontato e faceva domande alle quali i suoi genitori non sapevano rispondere, e quindi si irritavano. Il piccolo Ralph non capiva perché si arrabbiassero per le sue domande oneste e interessate. Smise di chiedere e si mantenne il più silenzioso possibile. Tuttavia, gli adulti – e presto anche i suoi fratelli – riuscivano sempre a trovare qualcosa di cui erano insoddisfatti quando si trattava di Ralph. 

Tutto questo ha reso Ralph un piccolo pensatore. Oh, a volte parlava molto, cercando di essere apprezzato. Ma era considerato intelligente, non amabile. 

A scuola, Ralph ha imparato dalla geografia che viveva nella Terra della Comunicazione. Quella parola non significava niente per lui, nemmeno quando gli è stata spiegata. Durante le lezioni osservava come le persone si parlavano, come reagivano, cosa gli piaceva e quale ragionamento seguivano. Soprattutto quest'ultimo lo intrigò straordinariamente. Ciò che le persone, giovani o meno giovani, credevano e dicevano, non aveva alcun senso!

Poiché Ralph era davvero molto intelligente, non ha mai avuto insufficienze, anche se non faceva i compiti. I rapporti con le persone intorno a lui erano a un livello molto basso. I compagni si lamentavano del fatto che inventava sempre i giochi; gli insegnanti pensavano che non scriveva i suoi saggi da solo, ed era deriso perché confrontava ciò che qualcuno diceva ora con ciò che aveva detto negli anni precedenti.

Sembra che le persone siano divise a pezzi, pensava Ralph. Un pezzo non sa niente dell'altro e quindi si possono portare avanti le argomentazioni più strane, che peraltro non si adattano affatto alle persone che lo fanno. Di tanto in tanto Ralph cercava di parlare un po', ma gli sembrava sbagliato fingere solo per essere apprezzato. A volte trascorreva un po' di tempo con qualcuno, ma non passava mai molto tempo prima che venisse escluso di nuovo. Non ha mai trovato scuse quando le cose andavano male, e così sempre più persone lo hanno abbandonato.

Ovviamente soffriva di solitudine. È così che deve sentirsi un piccolo cuculo, pensava Ralph, o il brutto anatroccolo. Se solo fosse stato un cigno, avrebbe ancora una possibilità di essere felice.

Ha ostinatamente perseverato nel suo viaggio attraverso la Terra della Comunicazione. Ora sapeva cosa significava quella parola e apportava qua e là dei miglioramenti alle sue tecniche di conversazione, ma non ottenne mai un vero contatto.

Quando aveva circa cinquant'anni, viveva in una parte molto inospitale del suo paese. Si imbatteva regolarmente in un prato con pietre allungate e convesse su cui si riposava. Quelle pietre erano stranamente calde. Ma lo divennero sempre meno e alla fine non vide altro che montagne alte e ghiacciate e case brutte e ammuffite, dove nessuno viveva da molto tempo. Ralph si arrampicò e ci passò attraverso, perché doveva farlo. Doveva andare avanti, che lo volesse o no.

Quando la sua scorta d'acqua finì e nella regione ghiacciata non cresceva più nulla di commestibile, Ralph decise di sdraiarsi in un vecchio capanno e morire lì. Niente di quello che aveva provato aveva mai davvero funzionato. Aveva molte capacità, ma non gli servivano. Come poteva sapere che altri tipi di semi stavano germinando in lui? Tutto sembrava morto e infruttuoso.

Ralph non morì. Era immensamente assetato, ma non morì di sete. Il suo stomaco si contorceva in cerca di cibo, ma non morì di fame. Dopo alcuni giorni, Ralph trascinò fuori le sue ossa per bere neve e mangiare foglie. Grande fu lo shock quando vide che fuori non c'era il freddo paesaggio familiare e desolato che lo aspettava, ma un prato soleggiato sul quale ogni sorta di nastri di luce colorati sfrecciavano avanti e indietro. Uno di loro partiva dal suo cuore. Deve essere un'allucinazione, pensò, ma molto bella! Una giovane donna si avvicinava seguendo il nastro del suo cuore con entrambe le mani. Doveva essere cieca, pensò, ma sembrava comunque che lo stesse guardando. Quando fu a pochi metri di distanza, rise forte. Ralph non si fidava dell'immagine e sbatté le palpebre. Ma la donna rimase e gli disse: “Devi avere sete e fame. Vieni dalla Terra della Comunicazione, vero? Devono essere state lezioni dure. Sì, non essere sorpreso, tutti qui hanno fatto quel viaggio”.

“Tutti qui? Ma...” Allora Ralph vide le altre persone correre dal cuore di una persona all'altra e anche all'erba, ai fiori, agli alberi, all'acqua, tutte con i nastri. In realtà era un grande lago di luce, in cui tutto si muoveva e scintillava, ma allo stesso tempo si vedevano tutti i contorni. Era così bello...

Un ragazzo gli si avvicinò con un vassoio di bicchieri e ciotole, pieni di cibi e bevande insolite e delicate. Ralph bevette avidamente, mentre gli altri lo guardavano sorridendo. Poi ci furono lunghe, incredibili conversazioni. Conversazioni vere, che non provocavano risentimento, c'erano riconoscimento e allegria, ma anche serietà e profondità.

All'improvviso Ralph disse scioccato: "Devo essere morto, dopotutto”.

“La risposta è sì e no, sei morto per una cosa e sei nato per un'altra. Hai attraversato molte sofferenze e solitudine. Poiché non riuscivi ad andare d'accordo con gli altri, hai iniziato a pensare molto e hai visto cosa non va bene nel mondo, come le persone dormono davvero. Potresti pensare di doverci dire tutto quello che hai passato, ma non devi. Lo sappiamo tutti per esperienza. Anche se non esistono due viaggi uguali, sono comunque simili. Noi qui attingiamo da questa esperienza. Otteniamo conoscenza da essa, su come le persone interagiscono tra loro, quali ragionamenti usano per evitare di andare davvero avanti; siamo nella Terra della Comunicazione da così tanto tempo che nessuno deve dirci nulla al riguardo”.

Ralph la interruppe: "Questa... è la Terra della Luce? A volte ho sognato di essere lì”.

“No, non è la Terra della Luce. È molto più avanti. Sei nella Terra della Connessione e qui sei come un neonato. Hai ancora bisogno di aiuto per svilupparti. Ma sei la persona perfetta per risvegliare i dormienti e aiutare i sognatori. Ecco perché hai avuto un'istruzione così lunga”.

”Istruzione? Era un'istruzione? E perché non lo sapevo?”

“Aspetta e vedrai, ti diremo tutto. Per prima cosa ti porto nella tua stanza, dove puoi stare la notte, ma non dormire. Non lo facciamo qui. Ma hai bisogno di calmarti, e quando sei calmo, la saggezza fluisce in te. E cos'è la saggezza se non è viva? Se non brilla e non funziona? Che senso avrebbe stare qui seduto a fare il saggio e non fare assolutamente nulla?"

Guardò Ralph seriamente: «Ti sentivi solo, ma abbiamo seguito ogni tuo passo, sostenendoti dall'interno quando ne avevi bisogno. Ricordi quei momenti in cui improvvisamente hai ripreso coraggio, anche se le circostanze non erano cambiate? Ti sei sentito solo, ma come puoi vedere chiaramente qui: nessuno è solo, perché siamo tutt'uno, anche nella Terra della Comunicazione. Credimi, carico di saggezza e veramente equipaggiato, ti renderai conto che tutti i sognatori con cui hai parlato diventeranno anche guardiani, proprio come eri tu, e connettori, come diventerai ora. Anche i dormienti più profondi, che hai sperimentato come pietre calde, sono imparentati, come lo siamo tutti. I solitari sono uno insieme. I nastri di luce che sono ancora in primo piano per te adesso, ci sono anche loro, tra tutte le persone, animali, piante, pietre. Tutto è connesso, che le persone lo vedano o no. Lo hai sempre saputo, nel profondo del tuo cuore. Quella conoscenza è il vettore della vita, l'Amore. Ora basta. Vieni in camera tua”.

Confuso, ma pieno di vaga aspettativa, Ralph seguì la sua nuova amica nella nuova casa: la sala parto.

back to home pdf share