Dome

Imparare esplorando

back to home pdf share

Quando le nostre vite hanno una battuta d’arresto e l'umanità non sa più cosa fare, sorge la domanda: possiamo imparare da questo, e quindi: che cos’è che possiamo imparare? Cos'è l'apprendimento e cosa richiede da noi, adesso?

Cos’è l’apprendimento?

Che cos’è l’apprendimento? E come e quando una persona apprende? Potreste rispondere alla prima domanda con: imparare consiste nell'acquisizione di conoscenza. Molte persone sono (professionalmente) coinvolte in questo, ad esempio nelle scuole, nelle università, nei centri di formazione e in molti altri modi. Questi professionisti potrebbero forse ampliare ulteriormente la definizione di apprendimento, verso "l'acquisizione di conoscenze, abilità e comportamenti che favoriscono un certo atteggiamento (professionale) considerato desiderabile (da quella persona o dal mondo esterno)". Questa conoscenza, abilità, attitudine e comportamento che una persona desidera acquisire, di solito servono a uno scopo.

Una persona può imparare anche spiritualmente, e questo come funziona? Anche la via dell’apprendimento spirituale ha un obiettivo chiaro? E se c'è un obiettivo, chi ha questo obiettivo? L'uomo ha un obiettivo con il suo apprendimento spirituale? Oppure l'anima ha una meta a cui vuole elevarsi?

Il punto di partenza dell’apprendimento

Per secoli è stato comune essere l’“apprendista” di un maestro perché tuo padre praticava la stessa professione o perché la corporazione aveva simpatia per la tua famiglia – si trattava di un mix di competenze e conoscenza. Ma fin dall'inizio delle università, le persone hanno anche pensato consapevolmente a come acquisire conoscenza. Durante l’Illuminismo due movimenti erano popolari, quello dell'empirismo, secondo cui una persona acquisisce conoscenza dall'esperienza, e il razionalismo, che presuppone che si acquisiscano conoscenze da una fonte più affidabile, vale a dire la ragione o il pensiero. Certamente nelle università l'apprendimento era un obiettivo in sé e la classe abbiente poteva occuparsene per gran parte della vita.

Si trattava di acquisire conoscenze su tutte le scienze, ma questo poteva dar luogo anche a un essere umano migliore, o almeno si pensava che così fosse.

Nel secolo scorso, il pensiero sull'apprendimento si è sviluppato ulteriormente. Imparare serve un certo scopo, vale a dire a ottenere un lavoro o anche una carriera e denaro o prestigio. Si distinguono diversi stili di apprendimento e un allievo passa sovente attraverso diversi o tutti i modi di apprendimento. In questo modo si può partire dall'esperienza concreta (empirismo), dalla riflessione sulle proprie azioni, dal pensiero astratto (razionalismo) o dalla sperimentazione attiva. Visto in questo modo si passa attraverso diverse fasi o modi di apprendimento. Si potrebbe anche dire: imparare = muoversi. E negli ultimi decenni l'apprendimento è sempre più visto come un'attività permanente, che è necessaria perché il mondo intorno a noi cambia così tanto durante la nostra vita e ci richiede costantemente nuove conoscenze, abilità o comportamenti, in modo che dobbiamo (davvero?) sempre continuare a imparare.

Dov'è l'inizio del nostro processo di apprendimento spirituale? Un possibile punto di partenza è che si arriva a una situazione di stallo dopo un flusso infinito di esperienze, che ha come risultato che voi e la vostra anima siete gettati avanti e indietro. In questo stallo possono sorgere ogni genere di cose: irrequietezza, impotenza, confusione, delusione o forse solo rassegnazione. Ma forse questo è un punto di partenza per l'anima per rendersi udibile nella quiete che è sorta. O forse il punto di partenza è un'ovvia consapevolezza o sensazione che, anche se la vita vi era ancora così favorevole, ci deve essere qualcosa dietro questo movimento. Come può essere che, nonostante tutte le conoscenze e gli immensi progetti degli ultimi millenni, non siete ancora riusciti ad avere e mantenere la pace, che le cose siano ancora iniquamente divise nel mondo, nonostante tutti gli sforzi. Ci sono anche storie di persone che sono state in grado di sperimentare l'unità con tutte le cose viventi per un momento (o più a lungo). Oppure si tratta semplicemente di un sapere che si ha fin dalla tenera età e un atto cosciente o inconscio di ascoltare l'anima?  

Apprendimento continuo

In una vita, non c'è niente di più naturale che imparare. Un bambino non sa fare di meglio. Dopo tutto, nei primi anni lui o lei imparano come ottenere il miglior cibo e l'amore all'interno del contesto della famiglia, imparano a fare i primi passi e a camminare, a imitare le parole e a parlare. E mentre comunicano con le persone che gli stanno intorno, percepiscono il calore che scotta e cadono dalla bicicletta: il bambino o la bambina imparano rapidamente. C'è una totale apertura a tutto l'ambiente. All'inizio l'apprendimento progredisce completamente da solo, senza intenzione, senza pressioni dall'esterno. Lo chiamiamo anche sviluppo. Un bambino sembra iniziare senza una dispensa piena di esperienze, vuota. Tuttavia, spesso lui o lei hanno già una propria personalità e la conoscenza interiore e la spinta che mostrano suggeriscono il contrario. Il bambino inconsciamente riempie quella dispensa ogni giorno, iniziando con l'apprendimento del linguaggio, creando strutture di pensiero. E per un giovane adulto che sta ancora sperimentando regolarmente cose per la prima volta, lo stupore e il desiderio di essere in grado di fare cose nuove potrebbero essere la base per imparare, se non vengono bloccati dal nostro sistema di apprendimento, o dall'adozione di un atteggiamento verso gli altri (tosti) giovani adulti. Gli adulti più esperti vedranno modelli e ripetizioni. C'è la possibilità che l'adulto più esperto non veda nemmeno quello che sta accadendo, ma veda quello che si aspetta; l'apertura poi cambia molto lentamente verso la rigidità. La struttura della dispensa può essere scolpita nella pietra e il movimento (= apprendimento) diventa più lento. Ma se la struttura è troppo fissa, non ci sono più stupore e apprendimento.

Che dire dell’apprendimento per l'anima? Mentre all'inizio sembra essere un processo intuitivo, quasi automatico per l'essere umano (il bambino impara ogni giorno attraverso l'esperienza e quasi senza intenzione), diventa sempre più intenzionale durante la vita. E per l'anima? Per l'anima, non è molto più una questione di dispiegamento invece che di apprendimento? Così, invece di fare passi coscienti e imparare conoscenze o abilità (come un essere umano fa o cerca di fare), può essere molto più importante per l'anima liberarsi, per togliere le coperture sotto le quali giace nascosta. Qualunque sia il punto da cui l'anima è partita per lo sviluppo, questo è un percorso di apprendimento totalmente diverso rispetto all'apprendimento intenzionale verso un obiettivo scelto consapevolmente.

Immaginiamo che sia un’esplorazione. Anche se l'anima, e ascoltando lei, anche la personalità, sanno perfettamente che c'è un altro obiettivo in attesa, non sappiamo esattamente a che cosa somiglia tale obiettivo. Non solo l'obiettivo è sconosciuto, anche il metodo esatto è sconosciuto, anche se molte anime ci sono già passate prima di noi e vogliono aiutarci in ogni modo possibile.

Come per una spedizione fisica che vuole essere la prima a navigare il Gran Canyon, c'è un forte desiderio per quella meta per la quale non abbiamo ancora le parole per descriverla. Il metodo è quello di andare passo dopo passo, perché dopo ogni passo successivo la “terra” è di nuovo sconosciuta e la giusta direzione (l'obiettivo) deve essere riscoperta. La barca sarà il nostro mezzo di trasporto o dobbiamo continuare a piedi? Ci siamo smarriti o è questa l’ambita giusta via di mezzo? E proprio come con in una spedizione fisica, questo viaggio di sviluppo potrebbe essere fatto meglio in un gruppo. Insieme, il gruppo assicura la giusta focalizzazione sull'obiettivo e fornisce anche una moltitudine di conoscenze, esperienze e intuizioni. Insieme ottenete un'immagine sempre migliore dell'obiettivo; il gruppo vi rende forti.

Finora, abbiamo presentato l'apprendimento come un processo puramente positivo. Ma c'è un motivo per cui la gente dice che impariamo di più dagli errori. Se è così, allora idealmente commetteremmo rapidamente errori per imparare rapidamente, fare meglio e commettere nuovamente errori. Un bambino impara a camminare molto spesso cadendo e rialzandosi e cercando l'equilibrio. Ma a un certo punto nella nostra vita abbiamo paura di sbagliare, perché sbagliare crea qualcosa alla nostra immagine e quindi alla nostra autostima. L'apertura spontanea a ciò che è nuovo scompare in secondo piano, perché in una nuova situazione non sappiamo se le azioni conosciute produrranno i risultati attesi. Ecco perché gli anziani si affidano sempre di più alla struttura conosciuta, che può essere più conservatrice e meno aperta a nuove intuizioni.

Quando si è più grandi e si è già visto tutto, non ci si può più sviluppare spiritualmente? Forse quando si è più grandi ci vuole un po' più di sforzo per iniziare a disimparare modelli e certezze. Ma c'è una maggiore possibilità che la pace arrivi e che si ricerchi il silenzio dell'essere interiore?
La spedizione di cui abbiamo parlato è anche caratterizzata da una mancanza di certezza. Puoi sbagliare o navigare nel canyon sbagliato, o essere in pericolo sottovalutando le rapide. Allo stesso tempo, il metodo esatto è sconosciuto, e quindi è una ricerca, un tentativo passo dopo passo, facendo “errori” o “scivoloni” per poi riprendersi. Se l'uomo osa lasciar andare la paura di sbagliare e sa arrendersi alla guida dell'anima in via di sviluppo, la spedizione può davvero partire, dal desiderio e dalla fiducia.

Imparare al giorno d’oggi

In breve tempo la nostra società e il nostro ambiente di vita sono cambiati in modo inaspettato. Non è limitato a un solo paese, ma attualmente assistiamo a un'onda d’urto di cambiamenti a livello mondiale. Ciò che eravamo abituati a considerare normale, stringere la mano per salutarsi, incontri fisici per perpetuare la nostra connessione, lavorare e viaggiare nel mondo fisico, è improvvisamente difficile. Pervenire a questa nuova realtà richiede costante vigilanza. In definitiva, dobbiamo adattare il nostro comportamento e le nostre aspettative di fondo (temporaneamente?). A causa di questo, sostiene l'antropologa Jitske Kramer, potremmo essere finiti in uno shock collettivo, culturale e globale. Ognuno di noi è in una fase diversa di questo shock culturale. Sono nella fase dell'incomprensione, dell'accettazione (o meno) o nella fase di vedere opportunità o impossibilità? E il mio interlocutore, dov'è?

Ognuno reagisce in modo diverso a questa “crisi” o “nuova realtà”. Impariamo a conoscere noi stessi in una situazione nuova e inaspettata e ognuno gli dà il proprio significato, la propria narrazione. A ciascuno di noi è chiesto, no direi quasi richiesto, di essere resiliente. E in questa flessibilità obbligatoria impariamo molto, sul mondo che ci circonda o su noi stessi.

Ma più di ogni altra cosa, questo offre a tutti l'opportunità di riflettere sulla vita. Che cosa mi muove, che cosa devo imparare? In questo giorno e a questa età, quando mi viene chiesto qualcos'altro, che cosa dà valore alla mia vita? Mi sento insicuro su come la mia vita cambierà, come posso affrontare questo? Posso andare avanti e imparare, anche se l'incertezza o anche la paura di ciò che sarà della nostra società mi blocca e mi irrigidisce?  

Questa incertezza nella nostra vita esteriore può essere un punto di partenza per un'altra vita? Forse la vita che è giunta a una battuta di arresto può invitarci ad entrare. Possiamo lasciare che il viaggio verso lo sviluppo interiore dell'anima penetri nella nostra vita esteriore? Forse è il disegno di questa nuova era il porci di nuovo di fronte all'incertezza fondamentale della nostra esistenza. Sperimentare che il controllo che sembrava esserci era un'illusione. Allora non solo nella nostra vita interiore è in corso un’esplorazione, ma possiamo anche sperimentare la nostra vita esteriore come un’esplorazione. Senza timore, ma con una certezza interiore, che è l'unica certezza essenziale che possiamo conoscere nella vita. Pieni di fiducia e desiderio di intraprendere l'avventura. Allora tutti gli aspetti della nostra vita si basano sul desiderio di una meta, sapendo che passo dopo passo la strada si dispiega.

Vista in questa luce, la cosa più essenziale che dovremmo imparare nella vita è confidare nelle nostre fondamenta interiori. Imparare a partire per un’esplorazione. L'incertezza e il cambiamento sono le costanti, il nostro atteggiamento e la nostra flessibilità nell’affrontare la vita sono la nostra sfida.

 

back to home pdf share