me

Io e ancora io

back to home pdf share

In ogni momento scegli te stesso. Ma scegli davvero il tuo sé? Corpo e anima offrono mille possibilità da cui puoi "costruire" molti sé. Ma solo uno di questi è coerente tra colui che sceglie e il sé che è stato scelto.

Solo uno – e lo troverai dopo aver esaurito tutte le altre possibilità, tutte curiose, tutte tentate dallo stupore e dal desiderio, troppo superficiali e fugaci per trovare sostegno nell'esperienza del più alto mistero della Vita: la conoscenza del talento che ti è stato affidato, che tu sei.

Dag Hammarskjöld 1

 

Lavorare su se stessi

Di solito questo argomento non è in cima alla lista della nostra agenda. Quando non è capodanno e ti stai chiedendo se non dovresti fare più esercizio fisico o perdere peso, oppure organizzare meglio la tua giornata o sgombrare il tuo armadio – tutte domande che ruotano attorno alla nostra immagine di sé – lavorare su se stessi è un argomento di cui quasi nessuno si interessa davvero.

Il lavoro sul proprio sé è principalmente un lavoro svolto sulla propria immagine, e la rappresentazione di come si è visti dagli altri a volte è di enorme importanza. Tutto ciò che è connesso alla competizione e allo status ci porta a fare o ad aspirare a cose che ci fanno sembrare più intelligenti, più duri, più ricchi, più attraenti – cose che non facciamo o aspiriamo a fare per conto nostro. In tal modo, lavoriamo quasi incessantemente sulla nostra immagine; ma a un certo punto, in un "momento psicologico specifico", possiamo prendere le distanze e concentrarci su cose che sono più importanti. A questo punto è chiaro che il lavoro sul sé non si limita allo sviluppo della propria personalità. Cosa faccio, o con chi mi associo – beh, tutto questo conta. L'esteriore non può mai essere completamente separato dall'interiore (il sé).

Quando inizi davvero a lavorare su te stesso, inizi con il tuo carattere e ciò significa esplorare ulteriormente, andare più in profondità. Cosa facciamo quando proviamo a risolvere i conflitti, a riparare vecchie controversie nelle nostre immediate vicinanze? Possiamo evitare argomenti conflittuali, essere pazienti e trovare strategie per trattare con persone che creano costantemente tensione. Ma possiamo anche scegliere di guardare più in profondità, ed è allora che ci rendiamo conto che le ragioni di queste tensioni risiedono anche dentro di noi. Alcune persone innescano in noi reazioni difensive, e noi cerchiamo di distinguerci da loro accusandole di avere torto, oppure cerchiamo di renderle consapevoli dei loro difetti. Sovente basta uno sguardo sobrio per comprendere che in realtà non hanno fatto nulla di male, niente che meritasse di essere criticato. Tuttavia continuiamo a lottare e a combattere. C'è qualcosa nel comportamento di quelle persone che agita la nostra immagine interiore e ci porta a limiti eccessivi. Sembra che abbandonare questo particolare conflitto possa portare via una parte del nostro sé. Sono unico se riesco a distinguermi da X o Y?

Un percorso si rivela

Esiste qualcosa come lo sviluppo dell'anima, durante il quale possiamo abbandonare i confini che abbiamo posto. Nel cuore di ciascuno di noi vive un principio dell'anima che proviene dall'unità divina originaria. Se questo principio dell'anima è in grado di aprirsi, allora i confini del nostro sé attuale diventano più trasparenti perché sono sempre meno necessari. L'anima che si risveglia nell'unità può effettivamente smettere di innalzare barricate e combattere. Non ha bisogno di conflitti. Il sé attuale non può sopravvivere senza confini, poiché pensa di perdere se stesso se non è in grado di stabilire confini, sui quali ha almeno un controllo parziale.

In questo modo si sviluppa una lotta tra l'anima centrata sul sé e l'anima eterna. Chi è pronto a sviluppare la consapevolezza di sé impara ad accettare tutte le indicazioni che si trovano nei conflitti ancora inevitabili. L'anima sente il dolore del rifiuto, il dolore del dogmatismo e il dolore di oltrepassare i confini nei rapporti con gli altri. Questo dolore è una guida per nuove decisioni, per lasciare andare i vecchi confini. Ciascuno di questi sentimenti mi mostra chi sono attualmente e mi chiede chi vorrei essere – o chi in realtà sono nel più profondo del mio essere. Appare quindi un sentiero che deve ancora essere percorso.

Un amico una volta mi disse che l'esistenza esteriore, con tutti i suoi eventi, è qualcosa come il mio "sé esteriore". Per molto tempo non ho capito questa affermazione. Ma lo stesso vale per la vita nel suo insieme come per gli incontri personali più o meno carichi di conflitti. Ogni giorno ci sono eventi ai quali devo reagire. Ci sono molte cose che non riesco ancora a controllare. Ma ogni singolo incidente mi mostra chi sono. Gioia, avidità, paura, demarcazione: apro e chiudo i miei confini, lotto per il controllo della situazione. Nei momenti di calma posso ammettere che sto imparando a conoscere me stesso in base al modo in cui reagisco.

Non sono solo quell'entità che sono nella privacy di casa mia alla fine di una giornata lavorativa. Non sono solo quello che sono in compagnia di amici. Sono tutto ciò che mi capita, perché indipendentemente dal fatto che un evento sia buono o cattivo, sono io che prendo le decisioni al riguardo, spontaneamente e inconsciamente. E questo continua fino al momento in cui potrò finalmente permettere agli eventi di plasmare la mia vita - e me. E quando l'anima sarà abbastanza forte da equilibrare la bilancia del Bene e del Male, all'interno di quel silenzio emergerà il Vero Sé, verso il quale sono diretto.

1. Dag Hammarskjöld, Tracce di Cammino


 

  • 1. in: Markings, Chapter 1945-1949
back to home pdf share