Easter Island

Isola di Pasqua – Centro misterioso del Pacifico meridionale

back to home pdf share

La saggezza di Waitaha

Che un luogo così remoto, interamente "fuori dal mondo", non sia stato scoperto per caso, ma sia stato deliberatamente guidato, cercato e trovato da un impulso superiore, è narrato nel Canto di Waitaha. Queste tradizioni degli indigeni della Nuova Zelanda sono state tenute segrete per secoli, fino a quando non sono state rese pubbliche diversi anni fa. Secondo queste tradizioni, popoli diversi, anche razze diverse, furono condotti in questo luogo sulla Terra, coordinati da un potente impulso. Era un centro radiante, un centro misterioso, per l'intera regione del Pacifico meridionale. Hotu Matua, l'eroina del popolo Maori dalla Polinesia, e Kiwa il navigatore dell'Uru Kehu dall’Est, dal Sud America, giunsero da aree distanti almeno 8000 km per incontrarsi nel luogo più solitario del mondo.

Ciò significa più del destino personale di due persone. Proprio come in seguito il loro nipote Maui, non spinto dalla sete di scoperte, ma da una missione interiore, cercò e scoprì l'ancora disabitata Nuova Zelanda. Infine, un terzo popolo giunse all'Isola di Pasqua, il "popolo di pietra" descritto come una terza razza indipendente. Le persone venivano condotte deliberatamente in questo luogo, nonostante i loro grandi vagabondaggi ben oltre i limiti di vita dei diversi popoli. Per più di mille anni questo luogo, l'Isola di Pasqua, è stato un punto di partenza, un centro misterioso nel Pacifico meridionale, pieno di tensione spirituale.

Riscrittura della cronologia

Sulla base del Canto di Waitaha possiamo scrivere una nuova cronologia, basata sui racconti di oltre 70 generazioni. In essi troviamo anche un resoconto dell'enorme eruzione vulcanica di Tamatea nell'Isola del Nord della Nuova Zelanda. Ciò è avvenuto circa 1.700 anni fa.

Circa all'inizio della nostra era, Maui, nipote di Hotu Matua e Kiwa, dall’Isola di Pasqua arrivò in Nuova Zelanda. Qui, nel III e IV secolo, arrivarono molte altre popolazioni. Tra le altre cose, le patate furono importate dall'Isola di Pasqua. Pounamu (Greenstone), la pietra sacra della Nuova Zelanda, un tipo di giada, era raccolta per il suo potere curativo e diffusa in tutto l'arcipelago polinesiano. Questo periodo durò per circa 37 generazioni, fino al XII o XIII secolo d.C. Le incursioni dei bellicosi Maori dalla Polinesia sterminarono i “popoli antichi”, ma non assimilarono la conoscenza dell'Isola di Pasqua.

La storia dell'Isola di Pasqua può anche essere riscritta secondo le intuizioni delle antiche tradizioni. Secondo il Canto di Waitaha, le prime colonizzazioni avvennero nello stesso periodo. Dalla Polinesia arrivò Hotu Maua e la sua gente, e dal Sud America arrivò Kiwa durante o prima dell'inizio dell'era. Poco dopo arrivò una terza persona, probabilmente dall'Asia. Nel XIV secolo, arrivarono i polinesiani violenti, che non onorarono l'antica cultura e portarono contese e conflitti nell'Isola di Pasqua e in Nuova Zelanda. Ciò causò (nel XVII secolo) la fine della vecchia cultura dell'Isola di Pasqua.

Le testimonianze trovate sull'Isola di Pasqua dimostrano che non si è sviluppata nessuna cultura tribale, ma una civiltà decisamente elevata. Le enormi statue di pietra ancora in loco non si trovano in nessun’altra parte del mondo. È difficile immaginare come persone che non avevano strumenti di ferro potessero creare, trasportare ed erigere tali sculture, alte fino a 12 metri e pesanti oltre novanta tonnellate. C'è una figura incompiuta alta 21 metri in una cava. Sono stati trovati anche scritti di questa civiltà, che è una tra le poche lingue che finora non sono state decifrate. Notevole è la somiglianza con i caratteri della cultura dell'Indo nell'India settentrionale (Mohenjo-daro, Harappa), anch'essa non ancora decifrata.

Lo splendore dell'arcobaleno

Le sculture in pietra hanno una sorprendente somiglianza con le figure scolpite in pietra in Mongolia, che si ergono anche solitarie nel paesaggio, ma non hanno gambe. Nel Canto di Waitaha ci sono alcune indizi, sia pur vaghi, di un'origine asiatica del "popolo di pietra" (Lu Takapo), che giunsero all'Isola di Pasqua sotto la guida di Rongueroa e che furono probabilmente i creatori delle statue di pietra. Dopo tutto, venivano dalle "montagne più alte, il tetto del mondo". Ma questo non può riferirsi  alle Ande, perché Kiwa veniva da lì. La venuta dei tre diversi popoli da direzioni totalmente differenti viene sottolineata più volte.

Nella memoria collettiva della cultura dell'Isola di Pasqua si parla di molteplici catastrofi in cui il fuoco gioca un ruolo. Queste catastrofi potrebbero essere state causate da eruzioni vulcaniche o da incendi "piovuti da cielo”. Si parla anche di una grande alluvione, un'enorme onda provocata da un maremoto, di cui gli archeologi hanno trovato tracce. Eppure la storia racconta che: "Nello splendore dell'arcobaleno vi è l’inconfutabile certezza che il diluvio non tornerà mai più e non coprirà più la terra con le acque profonde. Nell'arcobaleno sono visibili i colori di tutti i popoli di tutti i paesi; il sogno si è realizzato: la promessa di pace. Poiché il fuoco deve ancora venire per purificare e guarire, non sta parlando del grande fuoco". 

Ciò dimostra la conoscenza delle grandi inondazioni e di altre calamità che hanno causato la caduta di civiltà a noi ancora sconosciute, molto prima delle esperienze degli anziani e degli antenati di questi narratori.

Il Centro dei Misteri dell'Isola di Pasqua non potrebbe risalire ai tempi più antichi, ai tempi scintillanti delle sue origini? È forse questa l'origine della conoscenza originale dell’umanità, forse attraverso il centro misterioso nel deserto del Gobi nell'Asia? Anche la conoscenza delle grandi inondazioni e dell’origine dell'arcobaleno viene da lì?

La mascella superiore e inferiore

Le tradizioni dei Waitaha e degli altri popoli antichi non menzionano nulla di concreto sugli insegnamenti misteriosi, le iniziazioni o i culti. Eppure possiamo distinguere chiaramente due livelli di conoscenza e di saggezza: le sacre storie della "mascella superiore" e la voce della "mascella inferiore". La "mascella superiore" era riservata e solo pochi eletti, istruiti dalla nascita, la conoscevano. Ciò implicava che gli eletti dovevano essere persone “gentili”. Il "potere della mascella superiore" non è mai stato affidato a chi viveva solo per se stesso, ma solo a chi viveva per gli altri. E non è mai stato trasmesso a persone "che erano possedute dalla rabbia e portavano dolore". L'accesso a queste aree di conoscenza era concesso solo a persone che avevano una straordinaria consapevolezza e grandi doni spirituali. Si avvicinavano agli "anziani" del mondo, partecipavano a una sorta di conoscenza originale, la cui autenticità si riflette nella loro continua e coerente tradizione verbale.

La voce della "mascella inferiore" invece, non è vincolata ad alcun divieto o silenzio; le sue storie "evocano i giovani e i vecchi" al fuoco della sera, dove sperimentano mondi più reali di quanto si possa toccare, più chiari di quanto si possa vedere e più belli di quanto si possa sostenere. Ciascuna di queste storie è come un chicco di seme; non germogliano dappertutto, ma ci sono sempre alcuni ascoltatori che vi riconosceranno il vero spirito.

Questa antica cultura del Pacifico meridionale era caratterizzata da pace reciproca, armonia con la natura e grande conoscenza dei processi vitali e delle energie dei campi eterici. In effetti, l’ambiente era in gran parte "puro". Le energie spirituali e sottili incontravano poca o nessuna resistenza. Questo vale anche per la Nuova Zelanda. Non c'erano mammiferi superiori e la presenza umana è arrivata significativamente più tardi che in altre aree. Ciò è dimostrato, tra le altre cose, dal colore delle piante e dei fiori, che hanno quasi tutti colori sorprendenti e luminosi.

Caratteristiche notevoli

Gli abitanti originari, come li conosciamo dal Canto di Waitaha, si adattarono perfettamente a questo mondo. Erano persone gentili e armoniose che evitavano il più possibile i conflitti. Erano molto tolleranti, ma scacciavano i violenti dalla loro comunità. Quando i conquistatori stranieri come i Maori portarono minacce e conflitti nel paese, ciò significò la fine della loro cultura. Non potevano vivere con la mentalità violenta e sfrenata dei conquistatori.

I primi abitanti delle isole dovevano anche avere, oltre alle suddette qualità, un grande coraggio e perseveranza. Erano uomini e donne giovani ad essere scelti per questi viaggi. Hanno navigato dall'Isola di Pasqua alla Nuova Zelanda e al Sud America avanti e indietro a bordo di canoe fatte di alberi legati insieme, senza aiuto, tranne il firmamento sopra il mare infinito.

Nei decenni alle nostre spalle, molte anime delle generazioni più giovani, originarie principalmente dell'America e dirette in Europa e nel resto del mondo, hanno portato nuovi impulsi sorprendenti, lottando per la pace, l'amore e un rapporto interiore totalmente nuovo con la natura, che ha contribuito a una nuova consapevolezza ambientale.

Potrebbe essere che i vecchi impulsi della cultura dell'Isola di Pasqua siano attivi in una forma modificata oggi? Potrebbe forse risorgere una fiorente cultura, in cui le qualità della pace e la conoscenza delle forze vitali siano sostenute ed insegnate intensamente in una nuova epoca?

 

 

back to home pdf share