Beuys

Joseph Beuys: "Chi non vuole pensare, viene estromesso"

back to home pdf share

L'insegnante

Accademia d'arte di Düsseldorf, anni '60: alcuni studenti stanno in cerchio e guardano le opere sul pavimento. Di fronte a me c'è il nostro insegnante Joseph Beuys: presente, concentrato, parla da ore dei disegni che ci stanno davanti. Allo stesso tempo tira fuori una sigaretta da una delle sue tante tasche del gilet e l'accende con la sigaretta che ha ancora in bocca. Per me è un insegnante eccezionale e carismatico. Non si cura di se stesso, non solo come fumatore accanito, ma anche nel suo insegnamento.

La correzione del lavoro di uno studente diventa una proficua lezione. Ci sono scambi intensi senza pressione, ma con un'enorme influenza indiretta. Tranne la domenica, tutti i giorni è in Accademia, anche il sabato e durante le pause del semestre. È importante per lui mantenere la continuità dell'insegnamento e dell'apprendimento. Con questo comportamento inconsueto conquista i suoi studenti, infastidisce i colleghi e vìola le regole burocratiche.

È contrario al Numerus clausus (numero chiuso) e offre a tutti i candidati un posto nella sua classe. Ritiene che questa sia una politica educativa pratica. Non accetta che si valuti ogni lavoro presentato in appena due minuti. Allo stesso tempo sostiene la richiesta che viene posta alle università di tenere conto delle crescenti esigenze educative delle persone. Questo compito può essere svolto solo se il sistema educativo viene cambiato in modo decisivo. Alcuni suoi colleghi hanno pochi studenti, mentre Beuys a volte ne ha più di 300. Ma si scopre che il processo di selezione dei suoi studenti funziona in modo indipendente, senza che nessuno intervenga.

Per Beuys, l'insegnamento ha un significato molto profondo. La concezione mentale e spirituale del suo lavoro artistico, incorporato in un processo di trasformazione sociale, è per lui vitale. Quando nel 1972 ammise al suo corso gli studenti a cui era stato negato un posto in classe a causa del numerus clausus, fu licenziato senza preavviso dal Ministro della Pubblica Istruzione per “sconfinamento”. Questo licenziamento fu per lui uno shock così traumatico che poco tempo dopo ebbe un infarto.

Il concetto ampliato di arte

All'età di 17 anni, Beuys vide una scultura di Wilhelm Lehmbruck in un catalogo d'arte. L'osservazione innescò in lui un'esperienza iniziatica: “... e subito è nata in me quest'idea [...]. Tutto è scultura, questa immagine mi chiamava, per così dire. E in lei ho visto una torcia, ho visto una fiamma e ho sentito: Proteggi la fiamma".

"Ognuno è un artista".

Con questa espressione, Beuys non intendeva dire che tutti sono poeti o scultori. Voleva dire piuttosto che ogni essere umano ha capacità creative che può riconoscere e sviluppare. Secondo Beuys, il termine “arte” deve essere applicato al lavoro umano ed esteso a tutti gli ambiti del mondo del lavoro. Il potere creativo all'interno di ogni attività umana è, per lui, l'elemento formativo più importante di tutti gli esseri umani al fine di determinare il corso del futuro. Plasmare il futuro da se stessi, essere responsabili di sé e, in questo processo, rimodellarsi. Questo è il concetto ampliato di arte che Beuys ha presentato come una sfida per tutti.

Beuys lo descrive come “una regola fondamentale dell'essere, che cambia tutto”. Definisce il concetto ampliato di arte la sua migliore opera d'arte. E racconta come vi è arrivato: “Il processo iniziale è stato una condizione di esaurimento generale, che si è rapidamente trasformato in un vero e proprio processo di rinnovamento. Le cose in me dovevano essere pienamente implementate, una trasformazione doveva avvenire fino all'aspetto fisico”.

Il modo in cui pensiamo è decisivo per Beuys.

L'idea è “la prima scultura che l'uomo crea”.

L'invisibile gioca un ruolo cruciale. "Al mondo invisibile appartengono gli impercettibili intrecci di forze e processi energetici, e anche quello che di solito viene chiamato l'essere umano interiore". Il dovere dell'arte è, secondo Beuys, trasformare l'invisibile in visibile. Per questo è necessario che prima emerga una forma interiore, una forma di pensiero. Questo modulo può quindi essere reso visibile.

La Teoria Plastica di Beuys ipotizza un'interazione tra “le tre forze creative fondamentali del pensare, sentire e volere” con l'immaginazione, con il“potere dell'immaginazione”. La loro qualità dipende dal fatto che la persona sperimenti “l'ispirazione come una suggestione improvvisa e l'intuizione come un riconoscimento vivido e immediato” (secondo Matthias Bunge). Beuys ha tratto molta ispirazione dall'insegnamento di Rudolf Steiner. 

Calore sociale

Beuys raccontò che nel 1943 l'aereo su cui viaggiava si schiantò in Crimea. Fu trovato gravemente ferito dai tartari i quali lo strofinarono con del grasso, lo coprirono con del feltro e lo trasportarono nella tenda di un nomade. Questo trattamento lo salvò dal congelamento e influenzò in seguito l'utilizzo di "grasso e feltro" nel suo lavoro, come materiale protettivo e isolante.

Per Beuys, le sostanze della natura non sono solo semplici risorse grezze, sono ispirate da poteri spirituali. Vede il grasso e il sentimento come elementi di sostegno per il "calore sociale", che si rivela in una vita libera dalla violenza contro se stessi, il prossimo e il Creato. Questi materiali sono vettori di energia. È essenziale che rappresentino una transizione da uno stato grezzo caotico a uno stato finale ordinato. La tesi centrale della sua Teoria Plastica nasce dalla polarità caldo-freddo, forma-caos, pensiero-volontà. Tra i poli media un movimentato processo di formazione.

I processi di trasformazione giocano un ruolo centrale nel mondo del pensiero di Beuys. Diventano, ad esempio, sensorialmente tangibili attraverso il grasso materiale. In uno stato caldo il grasso è caoticamente fluido, diventa solido al freddo. Tra i due poli scorre l'energia.

Il feltro è anche un materiale organico che si ottiene premendo insieme i peli di animali. Beuys è venuto a conoscenza della proprietà isolante del feltro grazie ai copricapi dei nomadi. La sua caratteristica distintiva, il cappello di feltro, gli offre, tra le altre cose, protezione per le sue ferite di guerra. Inoltre, il feltro ha anche una proprietà assorbente. Il grasso può penetrare senza ostacoli nel feltro ed essere assorbito.

Il grasso, il feltro e, più tardi, anche il miele e il rame sono, per Beuys, materiali strettamente legati alla sua Teoria Plastica. Diventano, attraverso la loro malleabilità, una similitudine per una trasformazione possibile della società.

Scultura sociale

La frase “Ogni persona è un'artista” si riferisce soprattutto alla trasformazione del “Corpo-Sociale”, a cui ogni essere umano non solo può prendere parte, ma è tenuto a prendervi parte: “affinché si possa attuare il più rapidamente possibile la trasformazione”.

Dare forma a una “scultura sociale” è una grande aspettativa, una richiesta che viene posta a ogni membro di una società democratica. Dovrebbe portare ad un totale rinnovamento e ristrutturazione dei sistemi educativi, legali ed economici. In qualità di partecipante, ognuno di noi svolge un compito importante, indipendentemente dal suo background culturale, religione, sesso o età.

Questo "lavorare insieme" non è inteso in modo arbitrario, ma nella direzione di uno sviluppo più elevato dell'anima; gli organi sensoriali devono essere affinati e sviluppati per una evoluzione spirituale. La trasformazione interiore è il prerequisito per il successo sociale esteriore. Per Beuys la scultura sociale è una ricerca della "vera incarnazione" (Gestalt) delle cose. È un processo di riconoscimento in continua crescita ed evoluzione, non un fermo immagine.

“Voglio ampliare, espandere la coscienza degli esseri umani.

Voglio che si estenda alla situazione politica reale". Questo però non dovrebbe essere modellato dall'esterno, ma dal potere creativo interiore, la creatività di tutti.

Progetto 7.000 Querce

Beuys oaks

Un'espressione completamente diversa della sua teoria della scultura sociale si trova nella sua opera 7.000 Querce. All'esposizione internazionale Documenta 7 di Kassel, Beuys ha presentato la sua concezione ecologica con il tema "City-forestation invece di City-administration". Nel 1982, lui stesso ha piantato il primo dei 7.000 alberi davanti al Museo Documenta. L'ultimo è stato piantato da suo figlio Wenzel cinque anni dopo, un anno dopo la morte di Beuys.

I 7.000 alberi erano Querce, Tigli, Sicomori e Aceri. Accanto a ogni albero doveva essere collocata una stele di basalto. “L'albero cresce sempre più in alto, la pietra rimane per sempre. Volevo presentarle in modo che nel tempo le proporzioni continuassero a cambiare”, spiega Beuys. La pietra rappresenta anche un'età imminente. Per Beuys, gli alberi sono oggi più intelligenti dell'umanità. Nel vento che soffia tra le loro corone, scorre anche la sofferenza dell'umanità. Gli alberi la percepiscono, soffrono anche loro; come il mondo animale sono privati di tutti i diritti.

Il dono alla città di Kassel è costato a Beuys 4,3 milioni di marchi. Un dono legato alla scomoda esigenza di porre accanto ad ogni albero una ruvida stele di pietra basaltica. In tal modo l'albero sarebbe stato contrassegnato come un'opera d'arte. Beuys fece preparare tutte le pietre in una sola volta e l'intera consegna di 230 tonnellate è stata scaricata, in un mucchio a forma di cuneo, davanti al museo. Il gigantesco ammasso di rocce poteva essere ridotto solo attraverso la piantumazione degli alberi, poiché ogni albero eliminava solo una pietra dal mucchio. Ciò creò una lenta progressione della forestazione, perché gli alberi possono essere piantati solo in determinati periodi dell'anno.

Una mancanza di finanziamenti interrompe il progetto. All'inizio una fondazione d'arte di New York lo finanzia, il resto doveva provenire da donazioni private: circa 500 marchi per albero. Tuttavia, il flusso di cassa rallenta fino a cessare. Beuys vende poster in rovere autografati per 5 marchi ciascuno. Riceve in dono una copia della corona dello Zar, la fonde e crea una piccola scultura di un coniglio: un collezionista la compra per 777.000 marchi. Beuys pubblicizza un whisky in uno spot televisivo, e ciò gli frutta circa 440.000 marchi. Dopo 5 anni, verso la fine del progetto, aveva coinvolto circa 2.500 persone.

Lukas Beckmann ha scritto: "Beuys fa appello al calore in noi, alla nostra capacità di percepire con amore la terra vivente [...] con la quale non abbiamo più una relazione d'amore. È importante che comprendiamo il messaggio di Beuys sull'espansione del concetto sociale di arte, che cogliamo il significato dei messaggi delle foreste e delle specie animali morenti [...], diventa sempre più importante e sempre più urgente capire il significato delle grida dell'Umanità, capire il messaggio delle fiamme […]. Ciò che sopprimiamo, ritorna di nuovo”.

 

 

back to home pdf share