Light

La Filosofia nelle avversità – Parte 3

back to home pdf share

Torna a parte 2

 

Crisi: decido io?

Si dice spesso che una crisi è una forma intensificata di consapevolezza personale o collettiva. Può essere paragonata a un periodo di intenso sconvolgimento per la personalità, un esproprio dell'io.

Ciò richiama il significato etimologico della parola. "Crisi" deriva dalla parola greca "krino", che significa "decido io", o "è deciso per me". A prima vista sembra che l'"io" non abbia molta scelta in tempi così drammatici e confusi. O al contrario: ci sono scelte definitive che l'io può fare durante una crisi? 

In effetti, una crisi pone elevate esigenze al cercatore sul sentiero. Crea la massima tensione nell'equilibrio individuale interiore. Basti pensare, ad esempio, all'impatto che una pandemia può avere sulla sicurezza economica e finanziaria per noi stessi e per i nostri cari, quando dobbiamo affrontare lo scompiglio di potenziali perdite di posti di lavoro o fallimenti aziendali.

Nella storia recente ci sono state molte situazioni di crisi che sono paragonabili per intensità all'attuale situazione pandemica mondiale. L'influenza spagnola, la crisi finanziaria e il cambiamento climatico sono alcuni di quelle che vengono in mente. Spesso gli esiti positivi che avrebbero potuto potenzialmente concretizzarsi da tali crisi non sono avvenuti perché l'"io" è stato in grado di reggere il confronto e quindi non è cambiato nulla. Un'antica rima scherzosa suggerisce:

Bevvero un bicchiere, fecero pipì e tutto rimase com'era.

Secondo l’insegnante di saggezza bulgaro Peter Deunov (1864-1944), per quanto difficile possa essere dal punto di vista spirituale, una crisi pone l'essere umano a un punto di svolta. Si può dire che una crisi apre la porta a una nuova opportunità, a una nuova direzione.

Fino a quel momento, a causa del predominio dell'"io", l'anima non poteva fiorire: era racchiusa come un bocciolo. Ma durante una crisi una porta si apre, l'"io" viene messo da parte e all'anima viene data l'opportunità di svegliarsi dal sonno. Deunov chiama questo

l'apertura e lo sbocciare dell'anima umana,

uno dei più grandi eventi nel nostro universo.

Peter Deunov ci ha ricordato l'origine della parola "io". Ricavò questa deduzione dai suoi studi sui Goti orientali che vivevano nella regione che ora fa parte della Bulgaria. Il loro ben noto vescovo Wulfila (311-383), fornì la prima traduzione biblica dal greco antico al gotico. Questa Bibbia gotica è l'unico documento antico sopravvissuto che fornisce informazioni sull'origine di tutte le lingue germaniche in Europa. Nella sua traduzione, Wulfila coniò la parola gotica "Ik" dalle iniziali di Iesu Krist (Gesù Cristo). Da questa origine si sono evoluti il tedesco "Ich", l'inglese "I" e l'olandese "Ik". Forse non è un caso che sia in inglese che in danese "I" sia ancora scritto con la maiuscola.

Chi permette al Potere di Cristo di parlare in di lui e sceglie di seguire quella voce, percorrerà un sentiero diverso da chi è ciecamente guidato dal proprio ego. Una persona del genere non si ostina a lottare per la propria sopravvivenza personale, ma attraverso l'accettazione e l'intuizione irradia una forza d'Amore calma, armoniosa e unificante.

In questo mondo di sconvolgimenti, Iesu Krist non conduce alla via del "io decido", ma al potere del “io sono” È una forza che non è assolutamente di questo mondo, e getta un ponte tra la dura pietra del "io centro di ogni cosa" e la fioritura dell'Anima Divina nell'uomo.

La potenza di Cristo è splendidamente espressa sette volte nel Vangelo di Giovanni:

Io sono il pane della vita (6:35)

Io sono la luce del mondo (8:12)

Io sono la porta delle pecore (10:7)

Io sono il buon pastore (10:11) 

Io sono la risurrezione e la vita (11:25)

Io sono la via, la verità e la vita (14:6)

Io sono la vite vera (15:1)

 

Continua in parte 4

back to home pdf share