Hopi Land Arkansas

La filosofia nelle avversità – Parte 5

back to home pdf share

Non sentirti in colpa per essere felice. Non aiuta affatto essere tristi e senza energia. Ciò che aiuta è che le cose buone stanno uscendo dal tuo universo. Attraverso la gioia sviluppi resistenza ai problemi e puoi contribuire a una soluzione.

Questo è uno dei messaggi tonificanti dei nativi americani Hopi per questi tempi turbolenti.

Non puoi fare niente di meglio che mantenere una vibrazione bella, gioiosa e leggera, perché questo è ciò che ti viene chiesto ora. Usa questo tempo per cercare le tue visioni. Che mondo voglio creare per me stesso? Mantieni la calma, rifletti quotidianamente e prendi l'abitudine di incontrare ogni giorno il sacro che è in te. Ne vengono fuori cose belle!

Il momento della scelta che l'umanità deve affrontare proprio ora può essere paragonato a un cancello o a un buco, ed è ciò che ci insegnano gli indiani Hopi.

La decisione di cadere nel buco o oltrepassare il cancello spetta a te. Se ti lasci sopraffare dai problemi e assorbi costantemente le notizie con energia negativa, se sei sempre in ansia e hai paura, allora cadrai nel buco.

Tuttavia:

Se cogli l'opportunità di guardarti da vicino, di riflettere sulla vita e sulla morte, di prenderti cura di te stesso e degli altri, attraverserai il cancello. Perché se ti prendi cura di te stesso, ti prendi cura di tutti gli altri allo stesso tempo. Prenditi cura della tua casa, prenditi cura del tuo corpo. Connettiti con la tua casa spirituale. Resisti coraggiosamente per rinascere di nuovo!

In tutto questo, scegli la vista di un'aquila che guarda il tutto dall'alto con ampio sguardo. Questo dà pace e intuizione.

Essere Hopi (che significa: civilizzato, amante della pace) significa essere in uno stato di totale riverenza e rispetto per tutte le cose, essere in pace con esse e vivere nel potere di Maasauu, il creatore e custode della terra, chiamato anche Grande Spirito. Secondo gli Hopi, la loro civiltà, la loro prosperità e le loro disgrazie sono un riflesso della salute del resto del mondo. Vedono la loro terra – con una popolazione di 20.000 persone in undici villaggi nel nord dell'Arizona – come il microcosmo del mondo. Tutto il bene e il male si svolge lì in miniatura.

Al centro dell'atteggiamento Hopi nei confronti della vita vi è una connessione sostenibile e orientata al futuro con la terra. Secondo gli Hopi, la maggior parte delle persone ha "dimenticato" questo puro stile di vita. Il modo migliore per garantire una lunga vita alla nostra specie è preservare e adattarsi pienamente all'ecosistema di cui fa parte. Questo culmina nella descrizione Hopi di un'"arca spirituale" in cui possiamo sopravvivere. Secondo me, questo promettente insegnamento sulla sopravvivenza costituisce il DNA spirituale degli Hopi.

Ci ricorda la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (1948), che fu il risultato della dura lezione della più grande crisi del secolo scorso, la Seconda Guerra Mondiale. Si voleva a tutti i costi evitare che la storia si ripetesse con quegli orribili eventi – "Mai più" – ma non consideravano la possibilità che le persone del presente potessero violare i diritti delle persone del futuro. Un'aggiunta relativa a una dichiarazione dei diritti umani delle persone del futuro sembra adeguata. Tuttavia, un paragrafo del genere sarà utile solo quando ogni cittadino del mondo adotterà almeno un po' la mentalità Hopi.

A mio parere, una sorprendente osservazione Hopi non dovrebbe mancare in quel paragrafo:

C'è la questione sanitaria e sociale riguardo a questa crisi, ma è prima di tutto spirituale. Vanno insieme. Senza la dimensione socio-sanitaria si cade nel fanatismo. Ma senza la dimensione spirituale si cade nel pessimismo e nell'insensatezza!

Una dichiarazione come questa ci porterebbe in un mondo in cui l'azione spirituale diventa una componente essenziale del comportamento umano. Possiamo quindi vedere la sagoma dell’Uomo Nuovo apparire lungo il cammino…

 

Fonti:

Dick de Soeten, Hopi deur van verleden en toekomst, een oeroude Indiaanse cultuur in Arizona [Hopi porta del passato e del futuro, un'antica cultura indiana in Arizona], 2nd edition, Ank-Hermes Deventer, 1992

Harry James, Pages from Hopi History, University of Arizona Press 1974

Roman Krznaric, The Good Ancestor, Penguin Random House 2020

back to home pdf share