Adam and Eva

La libertà come prerequisito per la dignità – Parte 2

back to home pdf share

Vai a Parte 1

Adamo originale – Figlio o Dio?

Potrebbe sorgere la domanda se Pico pensava che l'originale Adamo fosse Dio, uno Spirito rinnovato, piuttosto che il Figlio di Dio o l'imago Dei, l'immagine di Dio. Possiamo trovare nell'Oratio di Pico ogni sorta di espressioni sulla filiazione o sulla paternità, ma anche sulla divinità stessa. Innanzitutto qui: "[...] divenire un solo spirito con Dio". La varietà delle espressioni corrisponde alla natura universale e sincretica della filosofia di Pico, sostenuta dal desiderio di trovare la verità sulla creazione dell’uomo.

Pico spiega inoltre la trasformazione secondo le sue fonti: "Da qui le metamorfosi rinomate tra gli ebrei e i pitagorici. […]; chi si allontana dalla legge divina diventa un bruto […]"

Egli caratterizza il rinnovato, nel quale saremo trasformati: “Se vedrai un puro contemplante, ignaro del corpo, relegato nei penetrali della mente, questi non è animale terreno, non celeste: questi è uno spirito più augusto, rivestito di carne umana. Chi dunque non ammirerà l'uomo? Il quale non immeritatamente nelle sacre scritture Mosaiche e Cristiane viene designato ora con il nome di ogni essere di carne, ora con quello di ogni creatura, dal momento che egli stesso foggia, plasma e trasforma il proprio aspetto in quello di ogni essere di carne, il proprio ingegno in quello di ogni creatura.”

Altrove Pico afferma: "'Voi siete dèi e figli dell'altissimo, evitiamo così di abusare della indulgente liberalità del Padre trasformando la libera scelta che ci ha concesso da qualcosa di benefico a qualcosa di dannoso.”

E in tutto il testo successivo dell’Oratio de dignitate hominis, Pico spiega come realizzare la trasformazione, cioè descrive il cammino spirituale. Afferma inoltre: "Poiché a noi, che siamo carne e odoriamo di cose terrene, non è permesso seguirne il modello di nostra iniziativa, consultiamo gli antichi Padri". Pico qui spiega perché si è impegnato nello studio di tanti testi spirituali e filosofici, perché ha cercato la cosiddetta saggezza antica, la teologia, e come questo gli ha portato ispirazione. Ricorda Eraclito e i suoi insegnamenti sulla natura dialettica della natura: “[…] la natura è nata dalla lotta […]. Proprio per questo la natura da sola non può darci pace reale e duratura, perché questo è compito e prerogativa del suo sovrano, la Santa Teologia”.

Per Pico, la meta del cammino è l'unità delle anime spirituali: “Chiamati con tanta dolcezza, invitati con tanta benevolenza, volando all'abbraccio della beatissima Madre con piede alato come Mercuri terreni, godremo della pace tanto desiderata. È questa la santissima pace, l'unione inseparabile, l'amicizia concorde, per cui tutte le anime in quell'unica mente che è al di sopra di ogni mente, non solo si accordano ma, in un certo modo ineffabile, si fondono intimamente in una cosa sola.” L'anima spirituale ha una sua dimensione individuale e nello stesso tempo anche una dimensione di unione.

L'originale Adamo: solitario o unito?

Sorge di nuovo la domanda: l'Adamo originale è solo o fa parte di un'unità spirituale? Come dice Pico, il fine è un'amicizia armoniosa in cui tutte le anime sono di un’unica mente che è al di sopra di tutte le menti [...] e diventano una cosa sola. Tuttavia, ricordiamo quanto afferma Pico riguardo all'Adamo originale: “[...] sarà fatto un solo spirito con Dio nelle tenebre solitarie del Padre”. Questo paradosso può essere percepito attraverso la lente dell'uomo carnale o metafisico. Ma non è per l'uomo spirituale. L'uomo spirituale vive nel campo atmosferico dello spirito, isolato dal creato, cioè dal manifestato. Partecipa al potere paterno creativo e viene così separato dall'effetto. E nello stesso tempo è vera l'affermazione dell'unità d'animo, dell'unione spirituale e dell'amicizia delle anime spirituali tra loro e anche con il Padre, perché non sono solo figli e la loro partecipazione alla paternità si è via via sviluppata.

Sulla dignità, la libertà e l'uguaglianza in un modo leggermente diverso

Cercherò di riassumere piuttosto quanto sopra. L'appello a far rivivere l'Adamo originale è il grande messaggio all'essere umano sulla sua dignità, sulla sua vera umanità, nella quale è spiritualmente libero perché vive in unità con il Padre Creatore. L'alfa del seme embrionale si è sviluppato nell'omega della maturità fetale. L'albero della vita ha prodotto i suoi frutti, dai quali lo conosceremo.

Questa libertà nasce dalla sfera spirituale dell'essere e si anima nel microcosmo di cui l'uomo è abitante. È la legge dello spirito che Adamo – l'archetipo spirituale animato nel microcosmo – compie liberamente secondo la volontà divina. La libertà gli appartiene perché già conosceva se stesso ed è stato conosciuto dal Padre. Ed è per affinità con il Padre che ogni Adamo è di nuovo un vero figlio e figlio di Dio, e tutti i figli del Padre sono uguali e sembrano uguali al Padre, poiché hanno restaurato la loro divinità. L’uguaglianza delle persone naturali e animali è solo un'immagine lontana dell'eguaglianza spirituale come unità reciproca. La nozione di fratellanza, per quanto buona sia, è degradata dall'iperfisica alla metafisica e alla fisica. Ancorando la coscienza nel mondo fisico e fenomenico, dove ci guardiamo solo intorno e non possiamo mai vedere la vera natura delle cose.

In questo modo, come risultato della materializzazione, tutti i valori si sono gradualmente degradati nello sviluppo storico, non solo la fratellanza, l'amore, l'unità, l'uguaglianza, la libertà, la dignità, la giustizia... Perché abbiamo abbandonato prematuramente la verità della coscienza spirituale.

Il fenomeno del disincanto nel pensiero occidentale e tutti gli sforzi per sbarazzarsi della magia, degli incantesimi, delle favole e della religione hanno sempre causato solo uno scambio con altri ideali (come i valori illuministi dei diritti umani, o la fede nella scienza e nella razionalità animale, e successivamente la fede nell'economia e nella "sostenibilità" industriale, fede nella crescita delle scorte o nella tecnologia; fede nella ragnatela dei media, nella salute pubblica, nella pace globale).Queste fedi, costantemente insegnate all'umanità, sono solo vicoli ciechi della fede in qualcosa. Fortunatamente, le continue delusioni provocate dalle amare esperienze ci fanno uscire dall'incantesimo dell'ego. Vediamo e sperimentiamo che né il mondo esterno fenomenico né il mondo interiore forniscono una sicurezza permanente. Oltre all'esperienza negativa, vediamo che anche le cose più belle sono solo temporanee, limitate nel tempo e nello spazio, e lontane dal corrispondere alla vera essenza e idea.

Non abbiamo altra scelta che inginocchiarsi a mani vuote ed esclamare che non sappiamo nulla, che non abbiamo nulla e che daremmo volentieri tutto il nostro oro terreno, tutti i nostri sogni e idoli, per un pezzo d'oro spirituale, trasmutato nel fuoco divino.

La moralità può condurre una persona alla vera umanità?

Se accettiamo la premessa che la vera umanità consiste nella rinascita della divinità, allora la sola moralità non conduce alla meta prefissata, che si trova nell'iperfisica, il mondo dello spirito. La morale è un mezzo per purificare l'anima naturale (metafisica), quindi fa parte del percorso, soprattutto all'inizio, e ha i suoi limiti. La moralità non nutre lo spirito. Se solo la vera umanità che riposa nello spirito porta con sé gli attributi della libertà e della dignità, allora la libertà e alla dignità non possono essere raggiunte dalla moralità. Fino ad allora, incontriamo solo un'immagine imperfetta e parziale di libertà e dignità.

Pertanto, nella ricerca della libertà e della dignità, non possiamo lavorare con i concetti duali di fisica e metafisica, ma è necessario estendere la dualità ad una terza sfera. Se accettiamo l'iperfisica come punto di partenza, allora c'è un'armonia tra metafisica e fisica, e questi opposti sono riconciliati e unificati secondo l'iperfisica.

Pertanto, è necessario adottare un punto di partenza diverso. Questo vale non solo per il pensiero, l'uomo e la cultura occidentali, ma è un assioma generale universalmente valido.

Una volta che la coscienza dell'essere umano ritorna allo stato dell'Adamo originale, sperimenterà l'unità con ogni cosa. Sperimenterà la vera libertà così come la responsabilità.

back to home pdf share