sunrise

La magia delle immagini – Parte 2

back to home pdf share

Alla parte 1

Ci sono anche immagini che possono aiutarci. Nell'opera di Mozart Il Flauto Magico, Tamino, contemplando il ritratto di Pamina, canta:

Questo ritratto è di una bellezza incantevole come nessun occhio ha mai visto.”

Possiamo prendere alla lettera le parole "come nessun occhio ha mai visto", perché è un'immagine interiore che non può essere vista con occhi normali. In Tamino questa immagine risveglia il desiderio di unirsi ad essa. È un'esperienza chiave che lo porta alle porte del Tempio della Saggezza. Trova Pamina, la profondità della sua stessa anima. Dopo ulteriori prove, Pamina e Tamino vengono finalmente ammessi al tempio.

Il Flauto Magico riguarda il ritorno del nostro stato naturale allo stato spirituale dell’illuminazione. Il processo è guidato da Sarastro, l'elemento solare dentro di noi. Si tratta di una trasformazione di cui si parla in 1 Corinzi capitolo 15, versetto 51: "Ma saremo tutti trasformati". Il fattore trasformante che dà gli impulsi è dentro di noi.

Superando la regina della notte

Nel Flauto Magico, la Regina della Notte rappresenta il mondo delle sensazioni che ci imprigiona, il mondo delle bolle collettive. È vendicativa e si arrabbia di gelosia quando cerchiamo di sfuggirle, quando decidiamo di seguire l'immagine interiore. Quando vendetta, odio, rabbia, passioni sorgono dentro di noi, non siamo ancora nel tempio della saggezza. Il processo di trasformazione può iniziare solo quando soffriamo del nostro stato attuale.

Tre ragazzi “dal cielo”, ciascuno con in mano un ramo di palma d'argento, guidano Tamino nella sua ricerca di Pamina. Lo incoraggiano cantando:

Alla tua destinazione, questa pista ti condurrà,

Ma tu, giovane uomo, devi vincere come uomo,

Ascolta la nostra lezione:

Sopporta, sii paziente e chiudi le labbra".

Questo indica il metodo per uscire dalla sfera della Regina della Notte. E la sfera delle immagini dello "specchio magico", gli schermi, possono anche aiutare qui, almeno quando sono usati nel modo giusto. Specchi utilizzati per ottenere le loro proprietà specchianti da un rivestimento di argento, il metallo della luna. La rete ampiamente ramificata con i suoi numerosi nodi e la miriade di connessioni è lo strumento della sfera astrale collettiva, il mondo delle sensazioni.

"Sopporta, sii paziente e chiudi le labbra": dirigi lo sguardo sull'immagine all'interno, su "Pamina", e non lasciare che nulla la copra o la oscuri. Che sia donna o uomo, l'amore per questa immagine ti farà trionfare "come uomo". Lasciati guidare dall'amore per l'immagine interiore.

Quando attraverso l'atto di scelta e il nostro amore per l'immagine interiore la nostra vita emotiva agitata finalmente si arresta, allora possiamo per la prima volta respirare nell’aria fresca e pura, e si diffonde una grande gioia. Questa è la strada per il "cortile del tempio".

Pamina – il loto

Si può anche paragonare Pamina con il "loto" che si dispiega in noi. Ha petali bianco puro, a cui nulla può attaccarsi a causa del rivestimento speciale. La sezione trasversale delle radici del loto mostra enormi fori attraverso i quali la pianta pompa ossigeno nello stagno dove cresce. L'ossigeno, simbolo dello spirito, può entrare in noi, lo "stagno" da cui cresce il loto, la nuova anima.

Attraverso la coscienza spirituale che entra nel nostro essere, possiamo prendere il primo respiro liberatorio verso il sole. La finestra dell'anima è purificata e consente una visione più chiara. In questo modo possiamo forse comprendere un po' di verità su come è costruita la creazione in cui viviamo e muoverci in essa in un modo nuovo.

Se rimaniamo così, con un'anima cristallina, concentrati sulle immagini del fuoco e della luce del sole spirituale, allora queste verranno inviate agli angoli più bui del nostro essere. L’intero nostro essere inizia a vibrare nella purezza dello Spirito. 

Perché l'obiettivo principale è l'unione con Pamina, l'immagine della nostra anima che raggiunge il Divino.

back to home pdf share