Center

La realtà del centro

back to home pdf share

È possibile mantenere l'equilibrio nella nostra società? Non deviare troppo dal centro, in modo da risparmiarci la guerra (civile)? Forse funzionerà per un periodo di tempo breve o lungo, ma poi la legge della ruota entrerà di nuovo in vigore. Il sorgere e il risplendere sono irrevocabilmente seguiti dal perire. L'equilibrio è sempre traballante; i sistemi in cui siamo coinvolti sono sempre decentrati: il ciclo non si ferma mai.

Mentre vorremmo che tutto nella nostra vita rimanesse così com'è – sì, un po' di riposo – qualcosa si rompe di nuovo. Come mai? Perché io? Forse perché non impariamo nulla, cadiamo nella lentezza, nella pietrificazione. È così che siamo sballottati nel mare della vita.

La conclusione è allora che la realtà del centro non esiste? Oppure è l'arte di accettare il ritmo naturale della varietà, di renderlo il più armonioso possibile, non cercando gli estremi, ma affrontando con distacco ciò che ti accade? Per capire la sua inevitabilità e poi cercare di comprendere cosa significhi veramente il centro. E forse la domanda più importante è: il centro di cosa?!

Ebbene, perché il centro è così importante per le persone? In ogni paese la chiesa si trova (o si trovava) nel centro; tutte le tribù primitive formano un cerchio in cui le persone danzano e eseguono un rituale nel centro. Il labirinto sul pavimento della chiesa conduce al centro. In un giardino, in un parco o in una piazza c'è un pozzo nel centro.

La magia del centro è collegata a quella del cerchio. Un'affermazione criptica: Dio è un cerchio la cui circonferenza non è da nessuna parte e il centro è ovunque. Un paradosso rivelatore. Il cerchio è il grande simbolo dell'umanità, dal rosone al mandala, dalla ruota solare all'aureola, dal cerchio delle streghe alla croce irlandese e alla Place d'Étoile a Stonehenge. Dal Sole al centro del sistema solare con i pianeti intorno, agli UFO (oggetti volanti non identificati) o i cerchi nel grano, sono sempre rotondi.

Secondo Jung, un vero simbolo nasce quando è necessario esprimere qualcosa che la mente non può pensare o che può essere solo intuito o sentito. Il simbolo del cerchio, del girare intorno a un centro, riguarda quindi quel Centro.

Nel Taoismo, Tao è il centro, dal quale tutto si manifesta e al quale tutto deve ritornare. Il Tao è impensabile, inconoscibile, nascosto. Tuttavia, l'effetto del Tao, il Teh, può essere sperimentato. Il Teh è un calmante miracoloso [1].

La creazione è l'emergere del movimento, della vibrazione, sempre intorno a un centro. Il grande centro della creazione che conosciamo è il Sole, senza Sole nessuna vita (= vibrazione) sulla terra. E senza nucleo non c'è vibrazione dell'atomo, non c'è vita nella cellula: il grande è uguale al piccolo.

La storia della creazione Taoista: dal Tao venne l'Uno, dall'Uno il due e poi le diecimila cose. Nel cristianesimo c'era “in principio il Verbo”. Due è movimento, vibrazione. Il Verbo è l'inizio del movimento, della vibrazione. Creazione = vibrazione.

Le due forze primarie create  [2],  il movimento dal centro e verso il centro, entrarono in vigore. Con il due il movimento è iniziato intorno al centro: tesi, antitesi, sintesi, con la possibilità che la sintesi torni ad essere la tesi per il ciclo successivo. Nascono lo yin e lo yang, con lo yong al centro, mentre nel centro dello yang è presente il principio yin, e nel centro dello yin il principio yang, entrambi in un movimento continuo di crescita e diminuzione. Il lemniscata, il simbolo dell'infinito in matematica, dà un'immagine del movimento, ruotando sempre attraverso il centro, cercando sempre il centro, ma anche allontanandosi costantemente da esso.

Così le due forze primarie creavano una dinamica tra due poli, un'alternanza costante attorno al centro di collegamento. Il che ci riporta alla domanda precedente: Al centro di cosa?

Il centro è il principio organizzativo primario in tutta la creazione. Porta unità e coerenza. Tutto ciò che ruota ha necessariamente un centro attorno al quale ruota. E tutto a ogni livello ruota, quindi tutto ha un punto centrale. Un centro tiene insieme il sistema di cui è il centro mediante la vibrazione o l'energia che emette. (...) Ognuno di noi ha anche un centro, un'anima, un cuore.  [3]

Se quel cuore coincide con il cuore della creazione, se viviamo secondo l'idea divina, c'è armonia tra l'uomo e il cosmo e allora viviamo dal centro e vi torniamo sempre, come co-creatori.

Ma quando un falso centro, l'ego, si assegna il ruolo di essere il centro di tutto, sorge il caos e l'ordine voluto da Dio è abbandonato. Allora la struttura cade a pezzi, l'uomo non può più mantenersi nel regno spirituale e finisce nella materia. È lì che il pendolo inizia a muoversi, va “all’estremo”, là dove la materia lo chiama all'ordine, e il pendolo oscilla di nuovo dall'altra parte. Questa è una legge: se il pendolo oscilla completamente a sinistra, deve anche oscillare completamente a destra. L'idea che se “tutti sono buoni” dissolve la dualità, non è corretta. Siamo bloccati nell'inevitabile oscillazione del pendolo.

Questa è la situazione dell'umanità sulla terra in questo momento. Ma le cose iniziano a cambiare. Cresce la consapevolezza che il centro è indispensabile per fare un nuovo passo. Perché il centro non è solo circondato da un cerchio, un anello limite che si incontra sempre, come se dovesse sempre rimanere sul piano per essere riflesso di nuovo. No, il centro è anche il luogo dove il pendolo può fermarsi, dove regna il silenzio. In quel silenzio possiamo cercare la connessione con un centro superiore, un centro trascendente. Ora non c'è più l'immagine del punto e del cerchio, ma c'è l'immagine di un asse, un albero di vita, un'opportunità per l'anima di ascendere. Cresce la consapevolezza che bisogna tornare a quel centro: riuscire a fare un salto di qualità nella coscienza elevando le vibrazioni. Allora il cerchio diventa la transizione verso una spirale superiore, che trascende la polarità e la dualità.

Tutto si svolge in un grande campo di coscienza, un campo di energia, luce e amore che possiamo anche chiamare il Tutto-Uno. La coscienza può essere vista come un altro nome di Dio, il Tutto-Uno. La creazione è un processo continuo: dove evolve la coscienza, evolve la creazione. La creazione mira ad aumentare la coscienza eternamente. La creazione ha uno scopo: nata dalla coscienza, vuole far crescere la coscienza, espandersi eternamente. Questa è la Legge dell'Amore  [4].

 


Fonti:

[1] Elly Nooyen, Weg in Tao [Way in Tao], Rozekruis Pers, Haarlem 2019

[2] William Glaudemans, Libro delle leggi universali, AnkhHermes, 2015, cap. 6, Le due forze primordiali

[3] Idem, cap. 4, La Legge del Centro

[4] Idem, cap. 3, La Legge dell'Amore

back to home pdf share