new year

La ricetta di Capodanno per oggi

back to home pdf share

La fine di ogni anno è quasi sempre un momento di valutazione, un fare il conto dei guadagni e delle perdite, dei progressi e delle battute d'arresto, rinnovando la speranza che il nuovo anno sia migliore. Riflettiamo sul passato e sul futuro come se fossimo giunti alla fine di una corsa e dovessimo gettare uno sguardo critico sul cammino che abbiamo percorso, oltre che organizzare noi stessi per migliorarlo alla prossima, limitata opportunità.

Ma non è necessario riflettere sul ciclo annuale in una data segnata sul calendario, quando siamo soggetti all’emozione degli incontri commemorativi. Il capodanno può assumere un significato diverso e più profondo.

Al centro dei rituali di fine anno c'è un tempo cronologico e determinato. Da un punto di vista cosmico, dopo circa 365 giorni torniamo al punto di partenza.

È stato concordato di utilizzare il solstizio d'inverno dell'emisfero settentrionale del pianeta, il 31 dicembre, come data del volgere dell'anno, e dopo inizia un nuovo conteggio. Nell'emisfero australe il solstizio d'inverno si verifica a luglio.

L'inverno è considerato il periodo di introspezione della natura, quando i semi dormono sottoterra e alcuni animali vanno in letargo. Quando una persona interessata alla spiritualità cerca risposte, è quindi simbolicamente nel suo inverno. Poi arriva la primavera, e tutto fiorisce. Corrisponde a quando il cercatore che ha trovato la sua strada vede sbocciare un nuovo ciclo dentro di sé. Dopo questo, ci saranno le stagioni particolari dell'estate (frutti) e autunno (fine ciclo/ritorno).

La grande rivoluzione

Quando l'orologio batte la mezzanotte del 31 dicembre, scambiamo gli auguri con amici e parenti per un buon viaggio nel prossimo anno, con molta felicità e benedizioni. Tuttavia, non c'è niente di vecchio o di nuovo che inizia.

Il debutto di un nuovo calendario non cambia assolutamente nulla in tal senso. Ogni giorno apriamo un ciclo di 365 giorni. Cosa fai ogni giorno? Vivi ogni giorno come se fosse un nuovo inizio, una realtà intelligente e vibrante?

Fatta eccezione per la nostra speranza, tutto è sempre lo stesso e cambierà solo quando opereremo in noi la grande rivoluzione.

Il poeta brasiliano Carlos Drummond de Andrade ci dice che:

Per vincere un nuovo anno

che merita questo nome,

tu, mio caro amico, devi meritarlo,

devi renderlo nuovo. Lo so che non è facile,

ma prova, prova consapevolmente.

È dentro di te che il nuovo anno

sonnecchia e aspetta da sempre.

Il capodanno riceve il suo significato vero e più profondo solo quando significa l’addio definitivo dell'essere del tempo.

Se il tempo è una creazione, è rivoluzionario liberarsene, perché il punto centrale è il trionfo dell'eternità: il non tempo. È un compito potente, completo, magico e trasformativo.

Innanzitutto si deve riflettere sulla natura e sull'essenza del processo. Poi occorre prepararsi alla modifica completa della qualità e della natura del microcosmo, che gli darà nuova forza.

Il capodanno riceve il suo significato più vero e più profondo solo quando significa l'addio definitivo all'essere del tempo.

Quando si prende la decisione di seguire il sentiero, si festeggia il capodanno in quel momento, e solo una volta nella vita! Questo passaggio è assoluto e definitivo, e segna la vigilia del capodanno personale.

È il passaggio dal vecchio al Nuovo, attraverso la grande rivoluzione.

back to home pdf share