Lonliness

La solitudine e il miracolo

back to home pdf share

Mi sentivo spesso solo, abbandonato, come se avessi perso qualcosa, ma non sapevo cosa.
La nostalgia mi affliggeva e il mio cuore si sentiva come se lo strofinassi con la carta vetrata.

Nonostante ogni tentativo, non riuscivo a liberarmi del dolore.
La paura si mostrò, paura di perdermi in un oscuro vuoto sconosciuto.
La disperazione mi raggiunse e mi trascinò sempre più in profondità nell'abisso.

Non ero in grado di oppormi al vortice.
Arrivò così il momento in cui la mia resistenza si spezzò.
Sono caduto. Una tempesta infuriò in me, come un'esplosione.

Nulla sembrava rimanere intero, tutto era ridotto a brandelli.
Frammenti di eventi della mia vita volavano intorno a me.
Rimasi lì indifeso, quasi privo di coinvolgimento.

Quanto è durato non lo so.
Il tempo sembrava essere fuori controllo.
Poi ci fu silenzio, e mi resi conto che ogni cosa aveva trovato il suo posto.

Ho capito perché la mia vita era così confusa.
Ho capito cosa mi mancava e cosa era stato presente nella mia infanzia.
Il mio cuore ha gridato di gioia.

Ciò che era perduto è ritornato: la ragione della mia esistenza, la ragione principale.
È stato come un miracolo.

Una forza interiore ha preso il posto dell'abisso.
La solitudine e la paura sono scomparse.
Come se non fossero mai esistite. Un nuovo inizio.

Ho ritrovato la mia bussola interiore, il coraggio e la fiducia.
Posso andare avanti, verso il luogo del mio desiderio interiore.

La bussola indica la strada verso la mia insondabile essenza.

back to home pdf share