Path to love

La Via verso l’Amore

back to home pdf share

Sin dai tempi antichi le persone cercano istintivamente l'amore. È stato lodato da trovatori, poeti e scrittori che hanno descritto commoventi sacrifici in nome dell'amore. L'amore è un sentimento del cuore e gli esseri umani sono disposti a fare molto in nome dell'amore, a volte anche tutto. Noi, come esseri umani, abbiamo familiarità con molti tipi di amore: per il nostro partner, parenti, amici, anche per il mondo e la natura che ci circonda. Ma da dove viene l'amore? E come facciamo a sapere se l'amore che conosciamo è vero Amore?

Cominciamo con uno dei tipi di amore che conosciamo meglio: l'amore romantico. Un libro degli psicologi Clyde e Susan Hendrick descrive sei stili di amore romantico: eros, ludus, storge, pragma, mania e agape. Ognuno di questi stili d'amore include un complesso di atteggiamenti/convinzioni con qualche componente emotiva. E ogni relazione d'amore include una miscela di stili amorosi diversi a seconda dei caratteri dei partner e di alcune altre variabili. 

Da questo esempio, possiamo capire che ogni tipo di amore può essere caratterizzato con elementi diversi a seconda della visione del mondo della persona che lo descrive. In tutti i casi, tuttavia, c'è una connessione energetica tra l'amante e l'oggetto del suo sentimento. E finché la relazione è alimentata con energia, con sentimenti, prende vita e l'amore sboccia.

Tuttavia, con il passare del tempo, le persone cambiano e anche l'amore cambia e talvolta diminuisce e persino scompare. Inoltre, in alcuni casi, l'amore può anche trasformarsi nel suo opposto: l'odio. Conosciamo le frustrazioni dell'amore non corrisposto. Queste fluttuazioni di sentimenti ci dicono che l'amore umano che conosciamo non è affatto Amore con la A maiuscola. Le Sacre Scritture parlano dell'Amore in un senso molto diverso:

L’amore è magnanimo, benevolo è l’amore; non è invidioso, non si vanta, non si gonfia d'orgoglio, non manca di rispetto, non cerca il proprio interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell'ingiustizia ma si rallegra della verità. Tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. (1 Corinzi 13: 4-7)

Da quanto detto è facile capire che questo Amore non ha nulla a che vedere con i nostri familiari sentimenti d'amore, anche nelle sue interpretazioni più alte. Ma come possiamo amare veramente in questo modo? Se ci proviamo, capiremo che il vero Amore non può essere educato e coltivato, piuttosto è una manifestazione di qualcosa di molto più profondo. Ma una manifestazione di cosa? Per capirlo torniamo al Nuovo Testamento:

Chi non ama non conosce Dio, perché Dio è amore. (1 Giovanni 4:8)

E anche:

Nessuno ha mai visto Dio; ma se ci amiamo, Dio vive in noi e il suo amore si compie in noi. Così sappiamo che viviamo in lui e lui in noi: ci ha donato il suo Spirito. (1 Giovanni 4:12-13)

Questo rende abbondantemente chiaro che l'Amore è una manifestazione di Dio stesso, della sua vita in noi. In effetti, l'Amore è l'essenza stessa di Dio. È ovvio, tuttavia, che noi, come esseri umani nati dalla natura, non siamo consapevoli di Dio in noi, non siamo collegati consapevolmente a Lui, quindi non abbiamo il vero Amore. Nella Bibbia, Dio, il regno di Dio, è paragonato a un granello di senape:

A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa lo posso paragonare. È simile a un granello di senape, che un uomo prese e gettò nel suo giardino; crebbe, divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami. (Luca 13:18-19)

Da questa parabola possiamo comprendere che Dio è un principio spirituale nell'essere umano, è come un granello di senape che, piantato in un giardino (l'essere umano stesso) e curato, può crescere fino a diventare un albero intero, l’Albero della vita. È ovvio, tuttavia, che Dio non può manifestarsi semplicemente nell'individuo. Né i nostri metodi religiosi familiari, come la preghiera, sono sufficienti per aiutarci in questo senso. Perché ci sono centinaia di milioni di credenti sinceri, ma Dio, la sua essenza, rimane un grande mistero. Forse il più grande.

Le Sacre Scritture, infatti, contengono ampi indizi del Cammino dell'essere umano verso Dio. Il noto Sermone sulla Montagna (Mt 5-7) è come un riassunto a questo riguardo, sebbene i testi non siano sempre da intendersi alla lettera. Particolarmente utile a questo proposito è la sezione sulla critica:

Non giudicate, per non essere giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate sarete giudicati voi e con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi. Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? O come dirai a tuo fratello: «Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio», mentre nel tuo occhio c'è la trave? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello. (Matteo 7:1-5)

Benché il Sermone sulla Montagna sia inequivocabile al riguardo, tutta la vita umana, tutta la nostra educazione, le nostre abitudini, potremmo anche dire, tutto il nostro io egocentrico sono costruiti sulla base dell'automantenimento e della valutazione soggettiva degli altri dalla nostra prospettiva limitata, che li pone entro i nostri limiti.

Il problema con la soggettività è che non abbiamo una visione chiara né di noi stessi né degli altri, quindi qualsiasi valutazione è imprecisa e quindi falsa. Ecco perché la critica, che è una valutazione negativa, un giudizio, un aggrapparsi alle idee sbagliate dell’individuo naturale limitato e, allo stesso tempo, è un allontanamento dal Dio interiore. Così, a causa della critica, l'individuo incolpa se stesso o gli altri e si chiude e si separa attraverso muri interiori. E in questa separazione e non accettazione Dio non può manifestarsi nell'essere umano; non c'è spazio per Lui e, quindi, non c'è spazio per il vero Amore.

Solo quando ci conosceremo veramente ci renderemo conto che in fondo non siamo diversi dagli altri che critichiamo. Tutti noi abbiamo i nostri difetti che in realtà sono molto simili ai difetti degli altri che critichiamo. Accettando noi stessi e gli altri con tutte le nostre insufficienze, apriremo il nostro essere interiore a tutte le creature e al mondo che ci circonda e creeremo così spazio per la crescita di Dio dentro di noi. In unione con altre persone che la pensano allo stesso modo, verrà creato uno spazio d'Amore in cui gli altri che cercano il Dio interiore possono essere accettati in un processo, una Via verso Dio. Così, il vero Amore che è per tutti e tutto si manifesterà gradualmente nell'essere umano in modo sempre più evidente come una benedizione per molti.

back to home pdf share