breathe

La voce interiore

back to home pdf share

Chi dovrei guardare?
Da che parte?
Dove andare?


- Taci, Figlio del Fuoco!
sussurra, quasi impercettibile, la voce interiore.


Ma l'insoddisfazione prende il posto dell'ansia dorata,
che mette in moto l'intero universo dell'essere.


L'inerzia si rafforza e si materializza nella protesta
e l'esistenza scorre sulla vita,
come un dito che disegna l'indesiderato
su uno schermo luminoso.


Ma tornano:
Chi dovrei guardare?
Cosa devo fare per arrivare dove ancora non lo so?


- Taci, Figlio del Fuoco!
sussurra la voce ovvia e intoccabile dei secoli.


Finché, in un attimo,
il silenzio stringe il legame
e scioglie i nodi.
E quel momento è il respiro dell'eternità.


Nessun luogo, nessuna persona, nessuna parte, nessuna direzione.


Il silenzio realizza.
L'amore è.

 

back to home pdf share