rings

L'anima oggi

back to home pdf share

L'anima sopravvive in un mondo inconscio

Pensare all'anima significa sempre entrare nel senza nome. Nel mondo moderno, il senza nome è una forza astratta che penetra nella coscienza delle persone. Nei tempi antichi, era un mondo magico intuitivo che lentamente è stato dimenticato ed è oggi un mondo inconscio.

Negli ultimi secoli si è sviluppata una visione scientificamente razionale della vita, in cui il razionalmente tangibile e l'intellettualmente comprensibile sono diventati lo standard per la verità. L'anima è sopravvissuta nel regno delle favole e delle fiabe, i cui mondi dell'anima sono diventati la base per la moderna letteratura giovanile. Negli ultimi decenni, nella letteratura tedesca della gioventù si è sviluppata una miscela di fantasia, fiabe e miti che è anche popolare tra gli adulti.

All'inizio del secolo scorso, la visione del mondo, fino ad allora saldamente stabilita, razionale, scientificamente fondata e meccanicistica, iniziò a mostrare crepe crescenti. La fisica quantistica, con il suo concetto di meccanica quantistica, è penetrata in aree in cui i principi fisici meccanicistici non sembravano più applicarsi. La natura dei quanti si è rivelata contraddittoria rispetto alle precedenti conoscenze scientifiche. La nuova ricerca ha dovuto tener conto di "entrambe". C'erano risultati diversi sullo stesso argomento che, sebbene contraddittori, dovevano essere riconosciuti fianco a fianco come corretti. 

Una nuova psicologia penetrò nelle aree mentali dell'essere umano e cercò metodi scientifici per avvicinarsi alle aree consce e inconsce al di là dell'anatomia fisica. Con lo sviluppo della psicologia, le discussioni sulla realtà dell'anima hanno ricevuto nuovi impulsi. Il confronto si è spostato dall'esistenza fondamentale dell'anima a una discussione sui metodi di un approccio oggettivo alla forma e al funzionamento dell’anima.

I fluidi dell'anima sono elettrici

All'inizio del secolo scorso, Alice Bailey predisse che, con la scoperta dell'elettricità, la discussione sull'anima e sulla sua funzione sarebbe entrata in una nuova fase. Per dirla con cautela, si può dire che l'elettricità è simile al "fluido" dell'anima. L'elettricità è una forza centrale del nostro mondo moderno. La sperimentiamo nei suoi effetti, ma per noi è qualcosa di nuovo, astratto e poco tangibile. È anche la base di una realtà virtuale, i cui effetti a volte sono costruttivi e altre volte distruttivi sui vari sistemi sociali e comunità.

Affrontare queste forze elettriche, questo universo digitale, rende l'umanità sempre più sensibile. Attraverso la crescente sensibilità, L’essere umano può diventare più consapevole del mondo perduto dell’anima.

Un nuovo vecchio mondo

Nel corso dello sviluppo dell'umanità, l'uomo ha creato costantemente nuovi spazi per se stesso. Oggi si tratta principalmente di spazi virtuali in cui la sensazione spazio-tempo cambia completamente. Le esperienze tendono a scaturire da dinamiche simili a quelle dei mondi dell'anima come le conosciamo dalle esperienze oniriche. Attraverso i social media, sperimentiamo l'impatto di questo mondo sulla nostra realtà materiale in un modo particolarmente impressionante. Intere nazioni sono state improvvisamente coinvolte in processi di cambiamento da una dinamica di gruppo generata virtualmente da persone che la pensano allo stesso modo, come è successo con la cosiddetta "primavera araba". Anche singole persone sperimentano ostilità o, in situazioni di catastrofe personale, un grande sostegno.

Una moderna ubiquità

Come risultato di un orientamento materiale molto unilaterale, le persone sviluppano una percezione limitata. Allo stesso tempo, sperimentano il mondo virtuale come una moderna ubiquità. Attraverso il coinvolgimento con i nuovi spazi virtuali, la sensazione dei confini materiali costrittivi svanisce e la percezione si espande. La prospettiva limitata, rafforzata da una visione meccanicistica del mondo in cui la scienza non vedeva alcuna differenza tra gli ingranaggi di un orologio e l'anatomia di un essere umano, sembra lentamente cedere il passo a una nuova visione della vita. Con lo sviluppo della nuova tecnologia elettronica digitale, questa tendenza si intensifica. Mentre prima gli spazi virtuali erano accessibili solo a persone particolarmente sensibili e piene di sentimento, oggi chiunque utilizzi uno smartphone o un computer può accedere a questo mondo. In qualche modo deve fare i conti con le sue leggi, anche se potrebbe non essere in grado di farlo consapevolmente.

Per mancanza di profondità nella percezione, il mondo virtuale appare alle persone come se fosse illimitato, quasi eterno. Solo una percezione più profonda renderà visibili i limiti di questo mondo sottile. Anche la discussione sul cosiddetto transumanesimo è soggetta a questa carenza. Cerca di superare la mortalità dell'umanità creando esseri ibridi tecnico-biologici o isolando la coscienza per lasciarla vivere eternamente dopo averla caricata su una “nuvola” (cloud).

La seguente citazione può essere trovata nell'archivio online di un programma della Bavarian Broadcasting Corporation: "Gli esseri umani si sono sviluppati attraverso l’evoluzione, e sono esseri imperfetti. Si ammalano, invecchiano e muoiono. Queste carenze devono essere superate con l'aiuto del progresso della scienza e della tecnologia. Questa sembra essere l’essenza del transumanesimo". Georg Gasser, Università di Augusta.

Si potrebbe parlare di "anima digitale" che si eleva nell'eternità. Ma questo mondo virtuale è elettrico, è il prodotto di campi generati elettricamente. E forse questa eternità finirà molto presto se a qualcuno verrà l'idea di staccare la spina e rendere impotente la "nuvola".

L'uomo acquisisce saggezza attraverso la differenziazione

Torniamo all'anima umana. Il mondo sopra descritto è ora diventato una realtà che l'umanità deve riscoprire. Deve diventare una realtà abitata attraverso l'esperienza e la conoscenza. Per molti versi non è una novità, perché molte dinamiche sono conosciute interiormente dalle persone. Sono i paesaggi dell'anima che ogni essere umano vive più o meno consapevolmente. Fanno parte della sua anima e lo accompagnano per tutta la vita.

Il primo fiat divino di molte storie della creazione, che segnano l'inizio della storia dell'umanità, ha prodotto uno specchio in cui possono diventare visibili i pensieri dell'"inconoscibile". Il potere di questo specchio speciale sta nel raccogliere i pensieri e differenziarli sempre più, rendendo così visibile l'intera diversità della creazione divina. I paesaggi dell'anima consci e inconsci, che sorgono dalla dinamica dell'anima, implicano che possa dimenticare la sua origine. Così facendo, si rende prigioniera della sua stessa creazione. Anche se la luce da cui è emersa originariamente continua a risplendere, ha perso l'accesso diretto ad essa.

I miti mostrano che l’essenza dell'anima non è facile da riconoscere. È più simile a un camaleonte che assume sempre il colore di ciò che lo circonda. Il mantello in cui è avvolta diventa visibile. Le dinamiche di realizzazione, differenziazione e sviluppo, lo spirito dietro i mondi dell'anima, rimangono invisibili.

La dinamica della svolta

Quello che stiamo vivendo in questo momento, in un momento di grande sconvolgimento, è che l'anima non solo indossa cappotti o abiti diversi, ma questi sembrano anche attaccarsi ad essa. Non è facile per lei togliersi questi indumenti. Spesso è un processo doloroso. In questo momento, l'umanità sta sperimentando la sofferenza per i grandi cambiamenti sul nostro pianeta. Non è in grado di reagire consapevolmente a questi cambiamenti per accompagnare armoniosamente ciò che sta accadendo. Cerca di fermare lo sviluppo, per così dire, perché non può togliersi il mantello a cui è abituata. L'anima non ha quindi altra scelta che crescere in un costante fallimento. Il fallimento porta con sé una crescente esperienza e differenziazione della coscienza e un raffinamento della percezione. Nel processo, i limiti di un mondo che ora sembra illimitato ed eterno diventano di nuovo visibili.

Questi cicli che portano ad uno sviluppo costante non possono nascondere il fatto che l'anima possiede anche una seconda natura. In quanto creazione originale di Dio, è eterna nel suo nucleo come essere spirituale. Questo crea una tensione dolorosa, soprattutto in tempi di grandi cambiamenti.

Può superare la sofferenza che ne deriva solo attraverso l'esperienza e la differenziazione. In questo modo, dopo un periodo di intensa esperienza, riesce a staccarsi dal mondo in cui è stata imprigionata. Si tratta spesso di processi dolorosi associati al fallimento, ma che proprio per questo gli permettono di crescere.

L'anima cresce nel suo fallimento

Nel processo di risoluzione, l'anima attraversa diverse fasi. Si sviluppano sullo sfondo su cui avviene tutto lo sviluppo. In definitiva, è una lotta per riguadagnare la forma immateriale originaria, un appello allo spirito per liberarla. In tal modo, l’anima può essere sempre e solo pienamente ciò che è in questo momento. Avvolta nel mantello della materia, sperimenta il mondo nella sua polarità, e deve costantemente decidere: o questo, o quello.  Dopo esperienze profonde, spesso paradossali, arriva a un “sia-sia" e si distacca dalla materia in un “né-né". In questo modo, le viene data l'opportunità di connettersi completamente con il senza nome e così riguadagnare la sua libertà originale. Quando supera anche il “né-né", diventa tutt’uno con il senza nome – chiamiamolo “spirito” – il nucleo del suo essere.

back to home pdf share