shell

L'avventura quotidiana – Come ho vissuto il mio posto di lavoro

back to home pdf share

È come in un romanzo d'avventura, in cui i "cattivi" combattono contro i "buoni" – è così che ho vissuto il mio posto di lavoro qualche mese fa. Sinceri, autentici leader sono stati licenziati... A chi erano scomodi? Ostacolavano gli obiettivi di qualcuno? Un'azienda, nel sistema economico odierno, deve aumentare il valore delle azioni, altrimenti ci saranno degli interventi. Il denaro viene prima di tutto.

Mi sono detto: l'onestà è la politica migliore, la buona volontà prevale, le bugie vengono smascherate. Ho fatto tutto il possibile per creare il mio mondo al lavoro – con ottimismo, cercando di non essere contagiato da pensieri negativi.
Perché dovrei ascoltare le voci dubbiose di colleghi e clienti? Perché dovrei lasciarmi influenzare dalle continue preoccupazioni e riflessioni sul turnover dei dipendenti, sui licenziamenti, sulle assunzioni a breve termine di freelance, sul personale ausiliario fornito da aziende esterne, sui volti in continuo cambiamento e sulle voci di una possibile chiusura dell'azienda? Perché dovrei lasciarmi condizionare da persone che mi hanno attaccato personalmente?

No, ho deciso: Rimango fedele a me stesso, vivo la mia vita, faccio il mio lavoro, mi occupo di ciò che è necessario e cerco di rimanere in contatto con le persone equilibrate, sempre raggianti. Non ci è stato detto: ci vuole resistenza, resistenza sul posto di lavoro?

Lasciate che l'amore risplenda. Questo è il cibo di cui la gente ha bisogno.
Diffondete fiducia e ottimismo, ma non paura. Allora si crea il giusto, il buon umore di base dei residenti, dei dipendenti e dei dirigenti della casa di cura. Essere un ponte per tutti, per la gestione della residenza così come per il personale di pulizia, essere un ponte per gli anziani, per i loro cuori... E allo stesso tempo integrarsi nella comunità dei colleghi…

Perché siamo così?

Queste erano le mie buone intenzioni e i miei sforzi. Ma impercettibilmente c'era una sofferenza interiore. Perché siamo così? Perché ci sono questi malintesi, il grossolano, il doloroso? Un "abisso di vulnerabilità" si è aperto in me, una ferita che è rimasta aperta. Tutto ciò che era diretto contro di me era depositato lì, e molte altre cose. Cominciai a sprofondare nei malintesi. Un esaurimento era imminente. La percezione oggettiva non mi era più possibile, la disperazione si è impadronita di me. Fui messo in congedo per malattia.

E così ho avuto il tempo di riflettere e di parlare con gli amici. Avevano un effetto curativo maggiore di quello che avrebbe potuto avere la psicoterapia. I soggiorni nella natura mi hanno dato forza. Ho riflettuto sulla vibrazione crescente – spesso le persone pensano di non avere tempo a sufficienza – e sul nervosismo che ne deriva, sull'aggressività e sull'ansia crescenti.

Tutto richiede una pausa. Abbiamo bisogno dell'intuizione circa il nostro essere, il nostro compito nel mondo, il cammino che ci viene dato. Albert Einstein diceva: "L'intuizione è un dono divino, la mente pensante un fedele servitore. È un paradosso che oggi abbiamo cominciato ad adorare il servo e a profanare il dono divino". Ma se il dono divino mancasse? Allora rimane solo il servo.

Il mio io più intimo, intoccabile, si muoveva dentro di me. Qualcosa che non è accessibile agli altri, non è visibile a nessuno, in realtà nemmeno a me stesso. Qualcosa dentro di me, protetto, chiuso in me come una perla, che mi commuove profondamente. Ho sperimentato qualcosa di ciò che è più prezioso in me.

Fermarmi e trovarlo, percepirlo, focalizzarlo, collegarmi gradualmente con il mio centro, questa mi sembrava ora la vera avventura. Sperimentare in mezzo a una vita turbolenta il rapporto con la quiete, sperimentare il mozzo sul bordo della ruota che gira sempre più veloce, il silenzio in mezzo al rumore; questo è ciò che mi si è aperto come una possibilità. Il silenzio in cui il divino, l'inesprimibile, può essere vissuto.

La mia crisi ha risvegliato la convinzione che tutto il caos si svolge sullo sfondo di un ordine sacro in cui il bene e il male si dissolvono nell’"esclusivamente buono". L'avventura quotidiana è incastonata nella pace cosmica.

 

back to home pdf share