coming age

Le relazioni umane nell'imminente era dell'Acquario, parte 2

back to home pdf share

To part 1

Dimensioni di sviluppo più elevate

Nel suo libro Thiaoouba Prophecy (La Profezia di Thiaoouba) 1,

, Michel Desmarquet abbozza le proprietà meravigliose di esseri umani indivisi. Nella sua descrizione sono solo gli esseri umani a cui il Creatore ha dato la possibilità di rigenerarsi, al fine di diventare ermafroditi. Esseri sulla via della perfezione che crescono spiritualmente attraverso nove stadi di sviluppo. Fasi che corrispondono alle dimensioni della realtà universale, che può essere indicata come planetaria oppure psico-energetica. Quell'essere umano, secondo Desmarquet, esiste dalla quinta dimensione, ha quindi qualità leggermente più femminili che maschili, soprattutto nell'aspetto: il viso e l'eleganza del movimento sono più determinati dai valori di armonia e bellezza, con i quali una caratterizzazione di damigella maschile sembra più rilevante di, ad esempio, gentiluomo femminile.

Il libro si conclude con un potente tributo al creatore del Tutto, interpretato ermeticamente, e il tributo ha la qualità e il tenore del Cantico di Lode di Ermete2.

Amore e compassione

Se la coscienza umana si sta muovendo verso i valori dell'Acquario, come avviene l'elevazione vibrazionale dell'unità, della libertà e dell'amore? Se l'etere di fuoco dell'impulso Cristico può essere assimilato, qual è il ruolo dell'amore in esso?

È un amore che presta attenzione al mondo e all'umanità da un'elevata unità e in libertà. In questo secolo sta diventando sempre più chiaro che questo amore-attenzione non è soltanto "amare". L'amore dell'Acquario è più impersonale e irrispettoso. L'empatia, a causa dell'eccessivo attaccamento, può risucchiare le persone in un'emozione negativa, ma "compassione" indica coinvolgimento. L'"attenzione" della compassione rimane focalizzata positivamente, ma non si attacca inutilmente (per molto tempo) come forza radiosa. Nel suo libro Utopia per realisti. Come costruire davvero il mondo ideale 3 Rutger Bregman dice:

Tempera la tua empatia, allena la tua compassione,

e presta attenzione all'importante differenza in esse.

Mentre l'Era dei Pesci era ancora nella triade:

fede, speranza e amore, ma soprattutto amore 4,

l'Acquario ci insegna:

unità-libertà-amore, ma soprattutto amore.

Il non attaccamento evita la perdita

Nella vibrazione dell'Acquario, amare non è una forma di attaccamento, semplicemente perché non c'è perdita. Nella consapevolezza che ciò a cui ti leghi è perso, ma ciò che lasci andare rimane con te. E infine il mistero: ciò che rilasci viene a te. Come rinnovato. È la gestione energetica di

tutto ricevere, tutto dare e così tutto rinnovare. 5.

Uno stato naturale in quella realtà è l'amore senza attaccamento. Solo dalla libertà quell'amore può essere donato, irradiato, concesso. L'unità non tiene in ostaggio questa libertà, perché il punto di partenza è:

Nella casa di mio padre ci sono molte dimore. 6:

Una dichiarazione caratteristica dell'Acquario. Se l'unità dovesse prendere in ostaggio la libertà, ci sarebbe solo unità forzata, e non la fine della sottomissione, una delle caratteristiche così importanti per l'esperienza dell'Acquario.

Schiavitù?

Per questo è necessario che l'attuale stato di schiavitù si realizzi: dobbiamo renderci conto che siamo sottomessi e che noi stessi contribuiamo a creare e mantenere questa schiavitù. La dipendenza dalle informazioni digitali in generale e dallo smartphone in particolare può essere vista come un esempio di ciò. Il che non vuol dire che la servitù della gleba al "sistema" economico-finanziario sarebbe inferiore. L'attuale pandemia viene anche utilizzata, consapevolmente o inconsciamente, per promuovere tale dipendenza: la comunicazione al di fuori di smartphone, iPad, laptop e computer è resa più difficile. Ad esempio, c'è il piano di una "app per la salute" che dovresti installare.

Di positivo si potrebbe dire che l'allontanamento sociale, altra misura che la società sembra imporsi, promuove un'attenzione impersonale secondo la moderna vibrazione d'amore dell'anima dell'Acquario. Dopotutto, la compassione è certamente possibile e l'empatia negativa è spesso evitata senza contatto fisico. E una distanza fisica più che vittoriana riduce anche l'attenzione e l'attaccamento a persone, cose, oggetti.

Paura diffusa

Ma uno sguardo più attento mostrerà a tutti che con questo approccio non c'è alcuna libertà. La base dell'allontanamento sociale è la paura e il desiderio di controllo. Entrambi contrari alla premessa dell'Acquario per la crescita dell'anima. L'amore nella sua visione più elevata non ha alcuna possibilità su questa base.

Gran parte delle relazioni umane nella prossima era dell'Acquario dipenderà dal progresso della coscienza delle persone nel cambiamento, dall'aumento vibrazionale che sta avvenendo. Questo è spesso collegato al fattore “astrale”: questo aumento ci porterà a un livello di unità veramente vissuta, attraverso l'azione delle forze di luce dentro di noi, o ci ricondurrà a un nuovo punto di partenza dialettico, alla lotta di tutti contro tutti?

Auto-realizzazione dell'"osservatore"

All'interno di quell'unità, la persona che si "libera" acquisisce un'abilità molto importante nella sua nuova indipendenza. Viene generalmente definito "auto-realizzazione" ed è in realtà un "atto" dell'Acquario per eccellenza. È ovvio che l'auto-realizzazione ha bisogno della libertà, fintanto che la libertà si muove con amore e unità. La percezione qui è essenziale.

C'è qualcosa di speciale nell'essere umano come osservatore. Un osservatore ricrea la realtà e aiuta a plasmare la realtà che percepisce. Il punto di vista di te stesso come osservatore è decisivo per la realtà che vivi. Questa è un'intuizione quantistica che determina direttamente la grande importanza dell'osservatore come essere potenzialmente creatore. La percezione diventerebbe così magica, un atto creativo che dà forma e contenuto alla realtà.

Ovviamente ora siamo abbastanza sobri da vedere che questa percezione creativa non può comprendere e creare l'intera realtà. Non si può dire: "Creo ogni cosa", questa è una sciocchezza. La realtà materiale non può essere semplicemente smaterializzata o "disincarnata" con un vecchio concetto. Non puoi trasformarla in qualcosa di essenzialmente diverso dalla "visione magica". Ciò equivarrebbe a una bella variante del pio desiderio.

Ma ovviamente possiamo "caricare" la realtà materiale con la nostra attenzione, e questo ha certamente un effetto. Prestare attenzione a qualcosa o qualcuno significa energia magnetica. Di solito quest'energia è carica di simpatia o antipatia perché abbiamo una consapevolezza imperfetta e immatura del bene e del male. La nostra percezione non è ancora arrivata alla "contemplazione disinteressata". Vale a dire, una percezione in cui il nostro desiderio e la nostra volontà non si frappongono tra noi e l'oggetto della percezione.

Limiti alla percezione dei cinque sensi

Con l'attenzione che si presta (è principalmente un dono), con il senso, ad esempio occhio e orecchio, si determina il livello di vibrazione dell'azione magnetica. Si traccia una linea magnetica, per così dire. Questa linea viene dalla tua coscienza. Tutto questo è molto diretto ed estremamente veloce. Ma l'attenzione non è solo dare. Nel ricevere attenzione, o meglio nell'essere aperti alle radiazioni del mondo, c'è un limite, espresso in lunghezza d'onda e frequenza. Questo limite si trova ovviamente in primo luogo nella quantità di impressioni che puoi ancora integrare nella tua coscienza e nella tua vita quotidiana. Se non riesci più a far fronte alla quantità di impressioni, perché non puoi più dominare la tua attenzione, è meglio dividere – mettere da parte temporaneamente le cose – che integrare. Ma molto più importante è la qualità, sia nel dare che nel ricevere attenzione. Perché con quella coscienza si può costruire o co-creare, ora che è arrivato il momento di elevare il fattore astrale della terra e dell'umanità.

C'è un limite naturale alla ricezione dell'energia di attenzione e può essere superato. Nell'arte, questa qualità si riflette nella bellezza: al culmine della bellezza, quando si ricevono impulsi, spesso c'è "emozione", cioè l'impulso estetico ci tocca così intensamente da farci venire le lacrime agli occhi. Se capita, può sorgere un'elevazione della coscienza o un'esperienza di intenso silenzio e armonia. Perché è un limite per alcuni? Perché talvolta non si può sopportare l'impulso della bellezza, che si realizza intuitivamente, seguito dalla disabilitazione della disponibilità a ricevere. Quando si osserva, si sa quasi immediatamente che non si può elaborare la bellezza. Ciò può avvenire anche attraverso la contemplazione della natura. A causa della sua alta qualità, la bellezza spegne immediatamente la coscienza, non si può resistere. È la sindrome di Stendhal; la bellezza è insostenibile.

Qualcosa di simile può accadere con il vero, cioè le alte vibrazioni dell'attenzione energetica che non possono essere assimilate dalla coscienza del nostro organismo. Poi si manifesta la sonnolenza e si può davvero addormentarsi.

Creazione attraverso una qualità dell'anima superiore

È quindi molto importante prestare attenzione ai requisiti qualitativi della co-creazione nel "cambiamento" e all'aumento delle vibrazioni che è stato attivato nell'atmosfera. Dobbiamo, per così dire, "caricare" le nuove energie in modo che i nuovi valori umani dell'Acquario possano formarsi dentro di noi. Nel triangolo equilatero e dinamicamente coerente di unità, libertà e amore, la co-creazione è una certezza. Tuttavia, quando ci sforziamo per l'unità, la libertà o l'amore separati nella dialettica, i confini legali alla fine bloccano il nostro progresso. I nostri occhi e le nostre orecchie si scontrano quindi con quei limiti nelle loro percezioni, non importa quanto possiamo essere commossi dalla bellezza e cullati dalla verità.

Quale percezione può portare a una contemplazione disinteressata in cui la nostra volontà e il nostro desiderio non si frappongono tra noi e ciò che percepiamo?

È la percezione dell'anima. L'organo di senso che ci collega all'intuizione, vale a dire il terzo occhio, la porta verso dimensioni superiori, connesse simultaneamente con l'unità e l'amore.

La co-creazione di questa percezione è quindi senza desiderio e senza volontà? Accade qualcosa, c'è formazione di energia, quando tutto è diventato statico e silenzioso a causa della neutralità e dell'oggettività? La co-creazione della realtà può realmente avvenire?

Sì, è possibile. Perché la nuova coscienza si forma secondo la volontà del Tutto, che ora regna dalla percezione dell'anima, dal terzo occhio. La volontà e il desiderio del Creatore Unico e illimitato, corrispondono all'essere umano che è uscito dalla dualità ed è diventato intero nell'Uno. In quest'essere umano, il potere di co-creazione dell'Amore può avvenire come trasferimento di energia alla realtà. Questo amore non si attacca agli oggetti, alle persone, alla natura, ma rilascia le forze della luce per rendere possibile il passaggio all'Acquario.

1. Michel Desmarquet, La Profezia di Thiaoouba, Paperback, 2017
2. Jan van Rijckenborgh, La Gnosi Originale Egizia, volume 2, capitolo 33, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2006
3. Rutger Bregman, Utopia per realisti. Come costruire davvero il mondo ideale, Feltrinelli, 2017

 

  • 1. Michel Desmarquet , Thiaoouba Prophecy, Arafura Publishing 1993
  • 2. J. van Rijckenborgh, The Egyptian Arch-Gnosis, part 2, chapter 33, Rozekruis Pers, Haarlem 2017
  • 3. Rutger Bregman, Humankind, a hopeful history, Bloomsbury UK 2020
  • 4. Paul, 1 Corinthians 13:13
  • 5. J. van Rijckenborgh, The Egyptian Arch-Gnosis, part 3, chapter 13, Rozekruis Pers, Haarlem 2017
  • 6. John 14:2
back to home pdf share